C’era una volta un piccolo Naviglio: rifacciamo Milano con l’acqua

piccolo naviglioRifacciamo Milano con l’acqua: questo il titolo di un recente convegno dedicato ai Navigli

Ma c’è di più: è stata firmata la Convenzione tra il Comune di Milano e il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani (DAStU) del Politecnico per lo studio di fattibilità della riapertura completa dei Navigli (Martesana, Cerchia interna, Naviglio di via Vallone, Conca di Viarenna, Darsena) che comprenda anche la possibilità di riattivarne la navigazione lungo tutti i tracciati.

Allo studio parteciperanno anche l’Università Bocconi e l’Università di Pavia, l’Istituto dei Navigli, alcune aziende come Amat, A2A, Metropolitana Milanese ed Enel, oltre a numerosi tecnici, studiosi e professionisti coordinati da Antonello Boatti, docente del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani del Politecnico.

Le attività di ricerca saranno sviluppate secondo alcune linee tematiche come fattibilità architettonico/urbanistica con studio del tracciato e del suo funzionamento; fattibilità viabilistica e dei trasporti, con studi progettuali innovativi; fattibilità geologica, idrogeologica e idraulica e infine fattibilità economica con valutazione costi/benefici.

Dal 1884, quando l’ingegner Cesare Beruto cancellò dal Piano di Milano una larga parte dei Navigli, si prova per la prima volta a far riapparire nella planimetria urbanistica della città quegli storici corsi d’acqua. Milano così potrebbe, al pari di altre città europee di grande fascino, migliorare molto la qualità della vita dei cittadini e il suo paesaggio. E.C.

www.riaprireinavigli.it

 

 

C’era una volta un piccolo Naviglio: rifacciamo Milano con l’acqua ultima modidfica: 2013-06-14T16:09:45+00:00 da Redazione