Identità Golose: in libreria la guida 2015

Identità-Golose-2015-parliamo-di-cucina

Presentata a Milano la nuova edizione 2015 della Guida di Identità Golose, la guida che leggono gli chef.

 

E’ arrivata. Più grande, più ricca, più dettagliata. La nuova edizione della Guida di Identità Golose 2015 è da ieri in libreria. La presentazione da Eataly, il tempio del cibo di qualità in centro a Milano. Paolo Marchi, ideatore dell’ormai famosissimo congresso internazionale dedicato ai grandi chef e alle nuove tendenze in materia di food, ha riassunto in cifre il successo di questo lavoro: sono 678 i ristoranti recensiti, di cui 473 in Italia e 205 nel resto del mondo. Trentatrè i Paesi coinvolti, con le new entry quest’anno di Russia, Argentina e Canada.

“L’entusiasmo non ci manca – ha detto Paolo Marchi – il lavoro da fare è ancora tanto, ma le parole d’ordine devono essere bellezza, coraggio e determinazione, come ho scritto nella mia prefazione alla guida, perché si deve sognare ma anche dannarsi perché i sogni diventino realtà, combattendo tutto quello che ha zavorrato e quasi affondato il sistema Italia. Come italiani abbiamo dimostrato di saperci adattare e reinventare: il risultato lo possiamo raggiungere, come dimostrano la capacità e la determinazione di tutti i giovani chef e non soltanto che siamo qui a premiare questa sera”.

E si tratta di vere eccellenze, tutti under 40: miglior chef è Luca Fantin, giovane promessa formatasi da Gualtiero Marchesi, Carlo Cracco, Luis Andoni Aduriz e Heinz Beck, per poi volare oltreoceano in una Tokyo sensibile alle magie del made in Italy.  A Marianna Vitale e al suo splendido sorriso la palma di migliore chef donna: una cucina che è il trionfo delle sue origini napoletane, rivisitate con gusto ed eleganza. E ancora Luca De Santi, premiato come miglior chef pasticcere, Simone Nebbia miglior sous-chef, Elisa Bellavia miglior sommelier.

La guida ha una sezione dedicata a “12 Storie di Gola”: 12 città, italiane e non, raccontate sotto il profilo goloso da firme illustri. Tra le mete citate Torino, Milano, Firenze, Roma, Londra, Montreal, Chicago.

Come nelle edizioni precedenti, l’attenzione degli autori è sempre concentrata nella valorizzazione e scoperta di nuovi talenti, giovani promesse under 30 e 40 che si sono fatti notare per la loro genialità.Tra i locali segnalati compaiono anche le migliori pizzerie di ogni regione, per dare lustro a un piatto che a tutti gli effetti è entrato a far parte della storia gastronomica italiana. Ogni scheda è corredata da un elenco di tutti i professionisti impegnati nel ristorante, dallo chef al sommelier, oltre a riportare le piccole curiosità che svelano i motivi per cui il luogo vale una sosta.

Aspettando l’undicesima edizione del Congresso di Identità Golose, in programma a Milano dall’8 al 10 febbraio 2015, non resta che sfogliare la guida, prendere appunti e vivere un’esperienza che non si farà dimenticare.

 

Identità Golose: in libreria la guida 2015 ultima modidfica: 2014-11-18T16:49:14+00:00 da Cristina Gambarini