Inquinamento ambientale: buttiamo a mare la plastica

images

Purtroppo è così. La Goletta Verde di Legambiente ha monitorato oltre 3.000 chilometri di mare prendendo in considerazione i rifiuti galleggianti più grandi di 25 centimetri. Risultato? Un mare di plastica

Quasi tutti i macro rifiuti galleggianti sono di plastica. Nel Tirreno raggiungono il record del 94% con 13,3 detriti ogni chilometro quadrato, contro i 5,1 del Tirreno centro-settentrionale, i 2,1 della tratta Livorno-Bastia e i 2,4 della tratta Fiumicino-Ponza.

Buste, bottiglie, flaconi, giocattoli, cassette e frammenti plastici e di polistirolo inquinano l’ecosistema marino italiano e non solo.

Il Programma ambiente delle Nazioni Unite (Unep) calcola infatti che la plastica rappresenti dal 60% all’80% del totale dei rifiuti in mare, con punte del 90-95% in alcune aree. Per fare un esempio, tra le Hawaii e la California è emerso un continente di plastica, praticamente un’isola galleggiante di spazzatura aggregatasi negli anni grazie ai capricci delle correnti e dal potente vortice subtropicale del Nord Pacifico. E così una parte dei 300 milioni di tonnellate di plastica prodotti ogni anno veleggia alla volta della più grande discarica flottante nelle acque del pianeta contribuendo ad alimentare un gigantesco focolaio di inquinamento ambientale

Con il passare dei decenni della plastica rimangono coriandoli che i pesci scambiano per scaglie di cibo alterando l’intera catena alimentare. Anche a evitare questo servono le campagne come quella del Kyoto contro le vecchie buste di plastica.

Grazie all’entrata in vigore del bando sugli shopper non biodegradabili l’Italia (fino al 2010 primo Paese europeo per consumo di sacchetti di plastica col 25% del totale commercializzato in Europa) ha ridotto di molto questa percentuale.

Tra l’altro, nel campo delle bioplastiche l’Italia si sta rivelando un esempio virtuoso di green economy precedendo gli altri in tecnologia, legislazione e riconversione di segmenti dell’industria plastica, con ricadute positive sull’inquinamento ambientale e sull’economia, in particolare quella agricola che fornisce materia prima per prodotti biodegradabili.

(foto: ecologia.guidone.it)

 

Inquinamento ambientale: buttiamo a mare la plastica ultima modidfica: 2013-09-11T13:10:14+00:00 da Andrea Santillana