La liberazione dagli Ogm

ogmÈ arrivata con il 25 aprile la sentenza con cui il Tar del Lazio ha rigettato il ricorso presentato contro il decreto interministeriale che vieta la semina del mais MON810 geneticamente modificato.

Una sentenza storica, l’ha definita Greenpeace, insieme alle 39 associazioni che insieme si erano battute per un’Italia libera da Ogm.

La sentenza rimette al centro della questione Ogm il principio di precauzione: «Quando sussistono incertezze riguardo all’esistenza o alla portata di rischi per la salute delle persone possono essere adottate misure protettive senza dover attendere che siano esaurientemente dimostrate la realtà e la gravità di tali rischi», recita la sentenza.

Vale la pena di ricordare, comunque sia destinato ad evolvere il dibattito sulla genetica in agricoltura (cosa per altro ben diversa dagli Ogm tout court), che l’Italia può puntare su un’agricoltura di qualità che potrebbe ulteriormente espandersi se solo invertisse la tendenza al consumo dei suoli.

Anche su questo l’Expo del 2015 avrà qualche cosa da dire.

 

 

La liberazione dagli Ogm ultima modidfica: 2014-04-30T11:34:55+00:00 da AC