Expo sciacqua i panni in Arno

Presso l’Accademia dei Georgofili a Firenze è stato stipulato un accordo sulla partecipazione della Toscana all’Expo Milano 2015

Ponte Vecchio, FlorenceA Firenze è stato firmato il  documento per la partecipazione della Toscana a Expo 2015  da parte del presidente della Regione, Enrico Rossi, e  del commissario generale per il Padiglione Italia, Diana Bracco. Nel corso dell’evento il presidente dei Georgofili, Franco Scaramuzzi, ha illustrato i legami storici tra l’ accademia e le esposizioni universali, a partire dalle prime del 1851 a Londra e del 1855 a Parigi. Si è poi soffermato sull’ Esposizione italiana realizzata a Firenze nel 1861, fino all’ultima nel 2010 a Shangai Se finora l’universalità delle Expo è stata espressa attraverso l’ esibizione delle capacità produttive e tecnologico-organizzative dei Paesi ospitanti, per il 2015 è stata prospettata una proiezione nel futuro, con il tema “Nutrire il pianeta, energia per la vita”.

Milano ha già richiamato l’attenzione sulla sicurezza alimentare globale, grande problema che da qualche tempo è oggetto di approfondimenti proprio da parte dei Georgofili. Esso riguarda tutto il pianeta e non può essere risolto da un solo Paese, , ma richiede azioni condivise dall’intera comunità geopolitica, pur nelle sue diversità. Tutto il mondo si sente quindi chiamato a Milano per il 2015 e non possiamo permetterci di deluderlo. Si attende che emergano idee e possibilmente l’avvio di qualche valido progetto concreto, in una visione realistica che parta dal problema fondamentale e prioritario: quello di produrre la necessaria quantità degli alimenti primari essenziali, che siano sani ed equamente accessibili a tutti.

 

 

L’Accademia dei Georgofili si fa naturalartistica

La bellezza, la forza e la spontaneità

La bellezza, la forza e la spontaneità

Fino al 29 settembre, presso la a sede dell’Accademia dei Georgofili a Firenze,  si può visitare l’esposizione “Natura, Arte e Omnisensorialità – Opere naturalartistiche by LuCa Fanelli Ghezzi”

Le Opere Naturalartistiche sono fotografie di carattere concettuale che hanno cinque caratteristiche particolari: le foto sono istantanee a soggetto faunistico; un titolo; un bordo; una cornice di colore coerente col soggetto; una nota scientifica. Omnisensorialità perché l’atmosfera dell’esposizione è capace di coinvolgere tutti sensi con musica, effusione di profumo, rametti di lavanda da toccare e caramelle da gustare.

Le opere di LuCa Fanelli, caposcuola di questo genere, veicolano messaggi che hanno a che fare con la riflessione, la massimizzazione delle risorse, la terapia, la spiritualità, la didattica, la scienza.

La mostra “Natura, Arte e Omnisensorialità – Opere naturalartistiche by LuCa Fanelli Ghezzi” è stata organizzata dall’Accademia dei Georgofili, in collaborazione con Banca Etruria e resterà aperta fino al 29 settembre, dal lunedì al venerdì dalle ore 15 alle 18. Ingresso libero. Sabato 28 e domenica 29, apertura straordinaria in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio.

Info: Accademia dei Georgofili – Logge Uffizi Corte – 50122 Firenze – tel. 055212114 o sul sito.