La magia del legno

In Carnia per riscoprire questo prezioso materiale con scultori e artigiani

magia del legno

Scultura, intarsio, restauro, pirografia, lavorazione del legno in tutte le sue forme e sfumature: in ogni cortile, sotto ogni antico porticato di Sutrio (il paese carnico noto per i suoi artigiani del legno) “Magia del legno” prende il via l’ultima settimana di agosto con corsi di intaglio tradizionale sul legno e corsi di motosega e il Simposio internazionale di Scultura su Legno “Semplicemente legno”.

Poi, il 7 settembre 2014 falegnami e intagliatori lavorano davanti al pubblico, accompagnati dal suono della fisarmonica e di antichi strumenti tradizionali, e un’ottantina di scultori e artigiani provenienti dall’Italia e dall’estero realizzare le opere, alcune delle quali veramente monumentali.

Sculture artistiche e oggetti d’uso quotidiano, mobili tipici e giocattoli, incisioni decorative e complementi d’arredo sono esposti sulle bancarelle di un caratteristico mercatino che si snoda nel centro del borgo. A raccontare come, a Sutrio, l’artigianato del legno sia storia antica e tradizione, ecco da visitare la bottega del falegname Conte, rimasta intatta, con tutti gli attrezzi, e il Presepio di Teno, realizzato nel corso di 30 anni di lavoro da Gaudenzio Straulino (1905-1988), maestro artigiano, che vi ha riprodotto in miniatura architettura e attività della Sutrio di un tempo, con le case, la chiesa, le botteghe, i mulini, le segherie, le malghe. Per i bambini, in programma laboratori didattici e stand dedicati al gioco.

Non mancheranno  le degustazioni  nelle trattorie e negli stand allestiti negli angoli più caratteristici del paese di piatti tradizionali: simbolo della festa sono i cjarsòns, sorta di agnolotti con ripieno a base di ricotta e di una ricchissima varietà di ingredienti (spezie, frutta secca, uva sultanina, erbe aromatiche, aromi orientali…) in molteplici varianti.

 

 

Turismo sostenibile in bici o a piedi, ma in Carnia

bici carnia

In bicicletta o a piedi le montagne della Carnia sono meta di un turismo sostenibile

Pedalando senza fretta…

Le montagne della Carnia, in Friuli, sono una delle destinazioni emergenti nelle Alpi, sempre più richieste sia dagli sportivi che dai cultori del turismo sostenibile appassionati delle due ruote o del trekking. Gli amanti della bici da strada possono contare su lunghi percorsi che si snodano fra radure e boschi. Anche il Giro d’Italia ha scoperto queste strade disputando tappe come la mitica salita dello Zoncolan, la più dura d’Europa. Ma le valli carniche sono molto frequentate anche dai bikers, che ne apprezzano la fitta rete di mulattiere e sentieri, il clima gradevole durante l’estate e l’accoglienza dei numerosi ristori e agriturismo presenti sia in quota che a valle. Per tutti, vari livelli di difficoltà: dai massimi (come lo Zoncolan), alle passeggiate per i principianti.

Per chi ama pedalare in tranquillità ci sono molti anelli turistici, alla portata anche di chi non è molto allenato e delle famiglie con bambini come:

• Anello della Val Degano

Percorso facile, con pochissima salita adatto anche a famiglie con bambini. Si attraversano le campagne di Villa Santina e Raveo percorrendo strade poco trafficate. Lungo il percorso, con partenza da Villa Santina, da non perdere il Santuario della Beate Vergine.

• Pendici del Monte Col Gentile

Percorso rivolto a tutti, senza particolari dislivelli. Presenta un’unica breve salita a metà percorso. Bello il tratto pianeggiante lungo il torrente Degano. Da non perdere la località di Applis con il Museo del Legno e della segheria veneziana e la Chiesa di S. Martino di Cella, una tra le più antiche basiliche paleocristiane.

• Canale di San Pietro

Percorso poco impegnativo, con salite poco pendenti, ricco di belle vedute panoramiche e con la possibilità di effettuare delle soste per godere delle bellezze artistiche dei luoghi attraversati. Da non perdere l’antica pieve di Santa Maria Maddalena e il vicino sito archeologico di Col di Zuca a Invillino. Verso nord si può anche sostare presso le miniere di Cludinico e la Pieve di Gorto.

• Anello della Val del But

Itinerario “andata e ritorno” sul medesimo percorso. L’itinerario è accessibile a tutti con salite leggere e brevi in località Terzo. Lungo il tragitto ci si può fermare a Zuglio per visitare il sito archeologico di origine romana o a Tolmezzo, il capoluogo della Carnia, con un incantevole centro storico.

Anche per  i principianti della mountain bike c’è un itinerario adatto ai ciclisti alle prime armi; è quello di Ravascletto, lungo circa 13 km, fra splendidi boschi e prati, mentre è riservata ai più allenati la spettacolare e impegnativa Panoramica delle vette che da Ravascletto si snoda per 35 km (di cui il 75% su strada asfaltata) fino a raggiungere i 1929 m per raggiungere la Punta di Soffrucella, da dove si gode una vista veramente splendida.

 Carnia_Malghe_2

A piedi per le malghe

All’inizio del ’900 in Carnia funzionavano circa 250 malghe, cuore di un’economia di montagna basata sulla lavorazione del latte: oggi ne sono rimaste una cinquantina, dove si possono gustare e acquistare latte, burro e formaggi. Chiuse d’inverno vengono riaperte verso metà giugno quando i malghesi – seguendo i tradizionali riti della monticazione – portano le loro mandrie nei pascoli di alta montagna.

Chi volesse andare alla scoperta di questo mondo fatto di antiche usanze, genuinità, semplicità e trascorrere qualche giorno  camminando tra laghi, borghi alpini, paesaggi incontaminati e scorci di storia può percorrere il trekking La Via delle malghe: quattro giorni per esplorare le malghe più tipiche, degustando i loro prodotti. Una quindicina i percorsi fra cui scegliere  che partono da vari paesi della Carnia e portano anche oltralpe, in Carinzia. Ciascuno è dedicato a un tema (storia, natura, arte e fede, gastronomia)  mentre una giornata è dedicato alle malghe di Sauris, famosa per i suoi salumi, dove si farà tappa al prosciuttificio Wolf e all’azienda Agree Bier.

Il programma del Mondo delle malghe invece è organizzato ogni estate dalla fine di giugno alla fine di settembre -in Val Lumiei, in Val Degano e in Val Pesarina (il punto di riferimento sono le tre località di Sauris, Ovaro e Prato Carnico). Mette in cartellone manifestazioni  come la Sagra del Malgaro ad Ovaro (19-20 luglio), la Festa del Formaggio Salato a Sauris (14-17 agosto), la Festa della demonticazione e Arlois e Fasois a Prato Carnico (13-14 settembre), la Mostra mercato del formaggio e della ricotta di malga a Enemonzo (21 settembre).

Un mondo in pace con l’ambiente dove è possibile praticare un turismo sostenibile di qualità.

Per informazioni e prenotazioni rivolgetevi a Carnia Welcome