Tronchetto al cioccolato

Tronchetto-al-cioccolato-ricetta-parliamo-di-cucina

Il tronchetto al cioccolato è un dolce natalizio per eccellenza, soprattutto in Francia dove è chiamato bûche de Noël. E’ anche un dessert particolarmente decorativo, perfetto per strappare l’applauso alla fine del pranzo e per chi vuole cambiare con qualcosa di inedito il solito panettone. La ricetta non è difficile, ci vuole un po’ di attenzione e di abilità manuale, ma il risultato finale è delizioso.

 

Il tronchetto al cioccolato utilizza come base la pasta biscotto o pasta biscuit nel gergo della pasticceria, un impasto che dà un risultato soffice e spugnoso, perfetto per essere farcito ma anche ideale per creare i rotoli, dal momento che quando è tiepido è molto malleabile. La pasta biscuit richiede una cottura breve, altrimenti potrebbe risultare troppo duro e potrebbe rompersi. Il segreto è lasciarlo intiepidire qualche minuto e, ancora caldo, avvolgerlo in un telo, in mod che prenda la forma per poterlo farcire e riavvolgere senza romperlo. Per variare, potete farcire il tronchetto al cioccolato con uno strato di confettura di castagne oppure di lamponi prima di stendere la farcia di cioccolato. Potete anche preparare la crema ganache con cioccolato bianco.

 

Per 8 persone

Per la base di biscuit:

40 g di farina 00

40 g di amido di mais (Maizena)

140 g di zucchero a velo

3 uova

1 baccello di vaniglia

succo di limone

sale

Per la crema ganache al cioccolato:

300 g di cioccolato fondente

2,5 dl di panna fresca

50 g di zucchero a velo

Per decorare:

40 g di mandorle a scaglie

zucchero a velo

pupazzetti natalizi a forma di Babbo Natale, omino di neve, abete, ecc. oppure marrons glacés e funghetti di meringa al cioccolato

 

  1. Sgusciate le uova e separate i tuorli dagli albumi; montate questi ultimi a neve con 3 gocce di succo di limone. Incidete il baccello di vaniglia nel senso della lunghezza, prelevate i semini e metteteli nella ciotola con i tuorli. Aggiungete 2 cucchiai di acqua fredda, mescolate con la frusta, poi unite lo zucchero a velo e 1 pizzico di sale e montate i tuorli fino a ottenere un composto chiaro e spumoso. Incorporate a pioggia le farine setacciate insieme, versandole a pioggia, poi aggiungete gli albumi montati, poco per volta, mescolando con un movimento delicato dal basso verso l’alto per non smontarli.

 

  1. Foderate una teglia rettangolare con il bordo basso di circa 34×24 cm con un foglio di carta da forno bagnato e strizzato e stendete l’impasto con la spatola, livellando la superficie in modo uniforme. Cuocete in forno già caldo a 180°C per circa 10 minuti. Capovolgete la pasta biscotto su un telo inumidito, arrotolatela dal lato corto, facendo attenzione a non romperla, poi lasciate raffreddare completamente a temperatura ambiente. Intanto, spezzettate il cioccolato in una ciotola, unite la panna e lo zucchero a velo e sciogliete a bagnomaria o al microonde. Mescolate, lasciate raffreddare la crema e trasferitela in frigo a riposare per almeno 2 ore.

 

  1. Srotolate delicatamente la pasta, spalmatela con 2/3 della crema di cioccolato, lasciando libero tutto intorno un bordo di circa 1 cm e arrotolate di nuovo la pasta, formando il tronchetto al cioccolato. Avvolgetelo in una pellicola e trasferitelo in frigo per almeno un’ora. Circa 20 minuti prima di servire, eliminate la pellicola e spalmate la crema rimasta sulla superficie del tronchetto al cioccolato. Spolverizzate con le lamelle di mandorle e poco zucchero a velo, decorate con i pupazzetti e servite il tronchetto al cioccolato accompagnandolo con panna montata.

 

 

(immagine:lookmag.look-voyages.fr)

Gaggia regala il cioccolato di Maglio

Gaggia-e-Maglio-parliamo-di-cucina

Una coccola al giorno. Ecco la promessa nata dalla collaborazione tra Gaggia e Maglio, un connubio tra caffè e cioccolato all’insegna della qualità e della tradizione.

 

Natale si avvicina e come ogni anno inizia il rituale tormentone per trovare un regalo perfetto per le persone care. Per chi è alla ricerca di un dono in grado di scaldare il cuore, ecco un’idea originale e golosa: l’iniziativa di Gaggia, storica azienda produttrice di piccoli elettrodomestici, e Maglio, uno dei nomi più conosciuti nel mondo del cioccolato di qualità.

Dal primo novembre al 31 dicembre 2014, scegliendo una macchina del caffè tra i modelli selezionati, si riceverà in dono un kit di 200 minitavolette di cioccolato in gusti assortiti e caffè per 200 espressi.

L’espresso della classica tradizione italiana Gaggia aveva già incontrato il cioccolato di qualità Maglio in occasione della Gaggia Milano Cup 2014, il torneo di golf giunto alla quarta edizione. L’accoppiata è risultata vincente, tanto da convincere le due aziende a scendere di nuovo in campo insieme, per centrare ancora una volta l’obiettivo di garantire un meritato momento di relax e ricarica. E questa volta non solo ai più sportivi.

Gaggia e Maglio offrono una coccola quotidiana a tutti coloro che considerano la pausa caffè un irrinunciabile rito quotidiano e grazie al kit in omaggio regalano un momento di calore e dolcezza lungo tutto l’inverno.

Crema spalmabile al cioccolato e nocciola

Crema-spalmabile-al-cioccolato-e-nocciola-ricetta-parliamo-di-cucina

La crema spalmabile al cioccolato e nocciola è irresistibilmente golosa: lo sanno i milioni di consumatori della versione industriale che si trova in grande distribuzione e che gode di fama planetaria, la Nutella.

 

Ottima per la colazione e la merenda, la crema spalmabile al cioccolato e nocciola è anche molto pratica per guarnire dolci rapidi, crostate, gelati, crespelle, ecc. La versione fatta in casa però è un’altra storia: preparata con ingredienti freschi e genuini, ha un sapore fragrante e un gusto ineguagliabile. Per rendere più veloce la preparazione della crema spalmabile, potete anche utilizzare la pasta di nocciole già pronta, che si trova nei negozi di alimentazione biologica. Naturalmente la crema spalmabile al cioccolato e nocciola si può fare anche nella versione con mandorle, arachidi o anacardi.

 

Per un vasetto di circa 4-5 dl o 2 vasetti da 2,5 dl

100 g di cioccolato fondente al 55-60%

100 g di zucchero

80 g di nocciole sgusciate ma non spellate

80 g di burro oppure di olio di semi di arachidi o, meglio ancora, di nocciole

1 dl di latte

1/2 cucchiaio di cacao amaro

1 baccello di vaniglia (facoltativo)

rum o altro liquore

 

1. Disponete le  nocciole nella placca foderata con un foglio di carta da forno e tostatele in forno già caldo a 180°C per circa 5-6 minuti, mescolando a metà cottura; eliminate le pellicine, strofinandole con un telo o carta assorbente da cucina, poi passatele al mixer con lo zucchero, unendo a filo un po’ di latte, fino a ottenere una pasta liscia e omogenea.

2. Spezzettate il cioccolato, trasferitelo in una ciotola e fatelo fondere a bagnomaria con il burro, mescolando finché si sarà completamente fuso e amalgamato. Nel frattempo, incidete il baccello di vaniglia, nel senso della lunghezza, ricavate la polpa con i semini, grattandola con un coltellino e unitela al mix di cioccolato, aggiungendo anche la pasta di nocciole e il latte rimasto e mescolate bene per amalgamare. Proseguite la cottura a bagnomaria ancora per 3-4 minuti, finché la crema si sarà leggermente addensata.

3. Trasferite la crema ottenuta in un vasetto pulito e asciutto e coprite con un dischetto di carta da forno inumidito con poco liquore. Chiudete bene il vasetto e conservate la crema spalmabile al cioccolato e nocciola in frigorifero per non oltre 10-15 giorni, togliendola dal fresco circa 30 minuti prima di servirla.

 

(immagine:pinkdessert.fr)

Cheesecake al cioccolato con le ciliegie

Cheesecake-al-cioccolato-con-le-ciliegie-ricetta-parliamo-di-cucina

La cheesecake al cioccolato con le ciliegie è una torta golosissima, facile da preparare e ideale per l’estate, perché preparata tutta a freddo, senza uova né cottura in forno.

 

Tipica della tradizione gastronomica anglosassone, la cheesecake al cioccolato è una preparazione di formaggio cremoso su una base di biscotti o fette biscottate sbriciolati, che si declina in un numero infinito di varianti, da guarnire con la frutta di stagione: per esempio, al posto delle ciliegie potete utilizzare 400 g di lamponi oppure 400 g di polpa di pesche. La cheesecake al cioccolato con le ciliegie si serve fredda oppure a temperatura ambiente.

 

Per 8 persone

120 g di frollini al cioccolato

60 g di burro

400 g di ricotta

30 g di zucchero a velo

2,5 dl di panna fresca

16 g di gelatina in fogli

80 g di cioccolato fondente

50 g di cacao amaro in polvere

500 g di ciliegie

150 g di zucchero semolato

1 limone non trattato

 

1. Eliminate il picciolo delle ciliegie, lavatele e snocciolatele con l’apposito attrezzo o con le mani. Disponetele in una casseruola, aggiungete  lo zucchero semolato e la parte gialla della scorza del limone, prelevata con un pelapatate. Portate a ebollizione e cuocete a fiamma media per circa 15 minuti. Sgocciolate le ciliegie dal liquido di cottura e proseguite la cottura del sugo mescolando, fino a ottenere uno sciroppo fluido.

2. Spezzettate i biscotti, disponeteli nel  mixer e frullate versando a filo il burro fuso, in modo da ottenere un composto  omogeneo; trasferitelo in uno stampo a cerniera di 20 cm di diametro, foderato con un foglio di carta da forno, e compattatelo schiacciandolo con il dorso di un cucchiaio. Distribuite sul composto di biscotti 2/3 delle ciliegie cotte e disponete lo stampo in frigorifero per 1 ora. Mettete a bagno la gelatina in una ciotola di acqua fredda per 10 minuti, fate fondere a bagnomaria il cioccolato spezzettato; setacciate e montate la ricotta.

3. Sgocciolate la gelatina, strizzatela leggermente e fatela sciogliere in un pentolino con 50 cl di sciroppo delle ciliegie. Aggiungete alla ricotta la gelatina, il cacao setacciato e il cioccolato fuso. Montate la panna ben fredda con lo zucchero a velo e incorporatela al composto, mescolando con movimenti delicati dal basso verso l’alto. Versate il composto nello stampo, coprite con pellicola e mettete a raffreddare la cheesecake al cioccolato in frigorifero per almeno 6 ore. Sformate la torta e servite la cheesecake al cioccolato con le ciliegie e lo sciroppo rimasti.

 

 

(immagine:prometheusforum.net)

La nuova frontiera della stampa 3D

cioccolato-3ditaly-stampanti-3d-printing-italia-maker-ragusa-sicilia-maggio-cioccolata

La nuova fabbrica di cioccolato è ad alta tecnologia. A Ragusa, c’è il nuovo 3DiTALY, uno store che stampa il cioccolato in 3D: per festeggiare l’inaugurazione ha stampato in scala ridotta una dolcissima cupola del Duomo della città con il profumato cioccolato modicano.

 

 

La stampa 3D si sta diffondendo sempre di più anche in Italia e nascono progetti che riescono a sposare perfettamente artigianato tradizionale e tecnologie all’avanguardia, perfino nel settore agroalimentare. Protagoniste del nuovo progetto sono la più moderna tecnologia di stampa e l’antica cioccolata di Modica, pregiatissimo prodotto dalla pasta morbida e friabile, priva di burro e grassi. La tecnica di lavorazione di questo cioccolato risale alla civiltà azteca e iniziò a diffondersi a Modica, vicino a Ragusa, nel XVI secolo durante la dominazione spagnola.

Il nuovo 3DiTALY store sorge in una regione storicamente molto legata alle proprie tradizioni, grazie alla collaborazione allacciata tra l’Antica Dolceria Bonaiuto, la più antica cioccolateria della Sicilia e la giovane 3DiTALY, azienda dedicata alla stampa 3D e ai nuovi hardware open-source. Grazie allo speciale braccio meccanico della stampante 3D, il cioccolato precedentemente fuso e poi versato in una siringa da pasticceria uscirà dal beccuccio sotto forma di filamento e strato dopo strato realizzerà piccoli oggetti tridimensionali.

L’Università dell’Aquila aveva già dimostrato che il cioccolato di Modica è uno dei prodotti che maggiormente rispettano il cacao, conservandone le caratteristiche salutari, e oggi lo stesso cioccolato è al centro di un’innovativa sperimentazione che ha già iniziato a dare risultati più che soddisfacenti.

La nuova tecnologia è una finestra aperta verso il futuro e ci si dovranno aspettare grandi opere realizzate in 3D dai laboratori di pasticceria di tutto il Paese, un’apertura dell’arte gastronomica italiana all’innovazione e, chissà, magari non solo nel campo della pasticceria…