La Valsassina e i suoi formaggi

formaggi-valsassina-mauri-parliamo-di-cucina

 

Molto frequentata dai buongustai, la Valsassina è un angolo di Lombardia (vicino a Milano) noto non solo per funghi e polenta ma soprattutto per i numerosi formaggi che da secoli vengono stagionati con un riuscito connubio tra innovazione e tradizione gastronomica.

 

In un ambiente naturalmente predisposto alla stagionatura, formaggi come taleggio, gorgonzola e quartirolo sono prodotti rispettando le regole dell’antica arte casearia che ne ha fatto delle grandi eccellenze alimentari del territorio. “Il nostro centro di stagionatura si trova in Valsassina, ai piedi della Grigna, una montagna molto rocciosa”, spiega Nicoletta Merlo, amministratore delegato di Mauri. “Tra le rocce ci sono numerose fessure, all’interno delle quali l’aria entra dando origine al fenomeno dei soffioni, che scendono fino alle grotte di stagionatura”.

“In queste grotte chiamate “lanche” – prosegue – il microclima è naturalmente perfetto per il grado di temperatura e il livello di umidità, che è una componente fondamentale”. A questo punto ciascun formaggio viene lavorato come da tradizione. “Durante la fase di stagionatura, il prodotto viene curato completamente a mano. Il taleggio per esempio, viene prelevato dalle celle e pulito a mano con acqua e sale per almeno tre volte prima della fine dei 50 giorni di stagionatura”.

A nutrire la fama dei formaggi della Valsassina contribuisce anche la scelta delle materie prime, soprattutto del latte. “Al di là degli obblighi del consorzio, per cui almeno tre formaggi devono essere prodotti e stagionati con il latte del comprensorio di origine, anche tutti gli altri prodotti vengono preparati con latte esclusivamente lombardo”.

La qualità e la cura nella lavorazione dei prodotti caseari della Valsassina ripaga gli imprenditori locali con il successo che questi formaggi ottengono in tutta Italia ma sempre più spesso anche all’estero. A soli 22 anni Nicoletta Merlo, pronipote del fondatore Emilio Mauri, prende il posto del padre, mancato all’improvviso. La passione per questo lavoro la conquista gradualmente e la porta a dirigere un’azienda che si può dire italiana a tutti gli effetti e che esporta con successo in paesi come Australia, Stati Uniti, Corea e Russia.

Ma il lavoro di un produttore non finisce qui: “Penso che quando si esporta in un Paese estero – conclude – sia fondamentale istruire l’importatore, invitarlo a visitare l’azienda in modo che conosca il processo produttivo in ogni sua parte e capisca come viene lavorato il prodotto”. D’altronde sarebbe un vero peccato se un grande formaggio come il gorgonzola venisse snobbato perché pieno di muffe.

 

 

Gnocco fritto con salumi misti e formaggi

Gnocco-fritto-con-salumi-misti-e-formaggi

Classico della cucina modenese e reggiana, lo gnocco fritto è uno spuntino o un antipasto che fa impazzire tutti. È ottimo anche come finger food da servire per un pranzo in piedi.

 

La ricetta dello gnocco fritto è facilissima, assolutamente da provare. E, se vi piace, potete anche trasformarlo in un dessert: servitelo spolverizzato con abbondante zucchero a velo o con una crema al cioccolato spalmabile, tipo Nutella

 

Per 4 persone

250 g di farina 00

1/2 cubetto di lievito di birra fresco (12,5 g)

1/2 bicchiere di latte

1 pizzico di zucchero

15 g di burro

1 bicchiere scarso di acqua minerale frizzante

olio di semi di arachidi

sale

 

1. Sciogliete il lievito di birra e lo zucchero nel latte tiepido. Versate la farina sul piano di lavoro, formate un incavo al centro e versateci il latte con il lievito e il burro, fuso e raffreddato, e spolverizzate con un pizzico di sale tutt’intorno alla fontana di farina. Cominciate a impastare, unendo gradualmente l’acqua, e lavorate l’impasto ottenuto per 15-20 minuti, fino a ottenere una consistenza liscia ed elastica. Formate una palla, mettetela in una ciotola infarinata, incidetela con un taglio a croce, copritela con un telo e fatela lievitare per 2 ore.

2. Riprendete l’impasto e lavoratelo sulla spianatoia leggermente infarinata, poi stendetelo con il matterello in uno strato di 3-4 mm di spessore e ricavate tanti rombi di 5-6 cm di lato. Scaldate abbondante olio in una padella ampia e friggete i rombi, pochi per volta. Appena saranno dorati, girateli dall’altro lato e fateli dorare in modo uniforme.

3. Sgocciolate gli gnocchi con un mestolo forato su strati di fogli di carta da cucina sovrapposti. Trasferiteli in un piatto di portata o un cestino foderato con un tovagliolo di carta e .Servte lo gnocco fritto ben caldo, accompagnandolo con salumi misti, come prosciutto crudo, salame di Felino, mortadella Bologna, coppa, ecc. e formaggi come crescenza, taleggio o gorgonzola.

 

 

(immagine:destinationsperfected.com)