Terrina di carne in gelatina

Terrina-di-carne-in-gelatina

Un piatto ideale contro il grande caldo: la terrina di carne in gelatina.

 

La terrina di carne si prepara con carni già cotte e permette di riciclare gli avanzi di un pranzo abbondante: se non ne avete abbastanza, aggiungete eventualmente un petto di pollo lessato o prosciutto cotto, tagliati a listarelle. Senza dimenticare che è una ricetta con pochissime calorie, perfetta anche per chi è a dieta.

 

Per 4 persone

500 g di carni miste (vitello, maiale, pollo, tacchino, ecc.) arrostite o lessate

10 fette sottili di prosciutto crudo (circa 150 g)

2 dadi per gelatina da 1/2 litro

1 ciuffo di prezzemolo

1 spicchio d’aglio

1/2 dl di Marsala

noce moscata

pepe

 

1. Scaldate 1/2 litro di acqua in una casseruola, unite i dadi per gelatina e fateli sciogliere a fiamma bassa per qualche minuto, mescolando in continuazione. Togliete dal fuoco e unite 1/2 litro scarso di acqua a temperatura ambiente e il Marsala (prima di prepararla leggete comunque le istruzioni sulla confezione dei dadi). Se volete, aggiungete al liquido anche qualche goccia di succo di limone e qualche goccia di salsa Worcester. Versate la gelatina in una ciotola e lasciatela raffreddare, finché avrà una consistenza oleosa, ma ancora leggermente fluida.

2. Foderate uno stampo da plumcake con un foglio di pellicola per alimenti. Rivestitelo con il prosciutto, facendolo fuoriuscire dai bordi. Sfogliate il prezzemolo, lavatelo, asciugatelo e tritatelo insieme con lo spicchio d’aglio spellato. Versate il trito in una ciotola con le carni miste tagliate a filetti, mescolate e spolverizzate con pepe e un pizzico di noce moscata.

3. Versate uno strato sottile di gelatina nello stampo e fatela rapprendere in frigo per 15-20 minuti. Disponete uno strato di carne sulla gelatina, coprite a filo con altra gelatina e fatela di nuovo rapprendere in frigo. Proseguite allo stesso modo, fino a esaurire gli ingredienti, poi piegate all’interno le fettine di prosciutto che fuoriescono. Coprite e mettete la terrina di carne in frigorifero per almeno 6 ore. Sformate la terrina di carne su un piatto, aiutandovi con la pellicola ed eliminandola. Servitela tagliata a fette accompagnando, a piacere, con sottaceti, giardiniera e insalate miste.

 

 

(immagine:mercurialmonds.wordpress.com)

Gelatina vegana di frutta o vino

Gelatina-vegana-di-frutta-o-vino-ricetta-parliamo-di-cucina

La gelatina vegana di frutta o vino è una ricetta facile e versatile, che si può utilizzare per molte preparazioni diverse.

 

Preparata con la pectina, un addensante vegetale naturale ricavato dalla buccia delle mele, la gelatina vegana ha il pregio di essere completamente trasparente, dalla consistenza molto leggera e con pochissime calorie. Potete utilizzare pectina sfusa, se invece non riuscite a trovarla, Fruttapec 2:1 è disponibile in tutti i supermercati. Potete addensare succo di frutta o verdura fresca, spremuto e filtrato o, meglio ancora, passate alla centrifuga, conservare la gelatina vegana in vasetti e consumarla come una confettura oppure utilizzarla come base per farcire una crostata di frutta o servirla in coppetta come dessert. Per questa preparazione è ideale anche il vino, bianco o rosso, fermo o spumante, ed è deliziosa da gustare con formaggi o carni. Ecco un’idea dessert velocissima: disponete sul fondo di 6 coppette lamponi o fragoline di bosco, versatevi sopra la gelatina vegana preparata con spumante o prosecco. Servite la gelatina vegana decorata con cioccolato bianco grattugiato o meringhe sbriciolate.

 

Per 3 vasetti da 2,5 dl ciascuno

7,5 dl di succo di frutta fresco o conservato oppure 1 bottiglia di vino a piacere

200 g di zucchero

1 bustina di Cameo Fruttapec 2:1 o 20 g di pectina in polvere

 

1. Versate in una casseruola lo zucchero e il Fruttapec, mescolateli bene, poi versate a filo il succo i frutta o il vino, sempre mescolando.

2. Portate a ebollizione il composto a fiamma bassa, mescolando in continuazione, poi lasciatelo sobbollire per circa 10 minuti, sempre mescolando. Verificate la consistenza della gelatina, versando una goccia di liquido su un piattino e controllando che risulti soda, poi versate il composto ottenuto in vasetti di vetro ben puliti e chiudete immediatamente. La gelatina vegana dura per una quindicina di giorni in frigorifero.

3. Se volete prolungare a lungo il tempo di conservazione della gelatina vegana, è meglio sterilizzare i vasetti, facendoli bollire. Disponete sul fondo di una pentola grande e alta qualche foglio di giornale oppure un telo da cucina. Avvolgete anche i singoli vasi in fogli di giornale o teli, per evitare che si rompano, urtando l’uno contro l’altro durante la cottura. Riempite d’acqua, fino a coprire i vasi di 3-4 cm. Quando li fate bollire, l’acqua dovrà solo fremere. Nel caso in cui l’acqua si consumasse, aggiungetene dell’altra bollente. Fate bollire i vasi con la gelatina vegana a fuoco medio per circa 50-55 minuti. Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare i vasetti nella pentola immersi nell’acqua.

 

(immagine:pratico-pratiques.com)