Muffin di kamut ai mirtilli

muffin-di-kamut

I muffin di Kamut ai mirtilli sono tipici dolcetti anglosassoni molto diffusi negli Stati Uniti e in Inghilterra. Piccoli e deliziosi, mettono allegria solo a vederli: sono l’ideale per una prima colazione o un brunch da giorno di festa.

 

Facilissimi da preparare, i muffin di Kamut sono alla portata anche di chi non è abile ai fornelli. Bastano pochi e semplici ingredienti genuini e naturali: latte, farina, uova, burro e zucchero, poi in forno per 20 minuti di forno. Se ne avanza qualcuno, disponetelo in una scatola ermetica, in vetro o in metallo e conservatelo al fresco per una settimana. Come variante, potete usare al posto dei mirtilli golose gocce di cioccolato. Questi deliziosi e facilissimi muffins di Kamut sono preparati con farina di grano khorasan KAMUT®, biologica, gustosa e nutriente e sono tratti dal libro “Kamut” della blogger Antonella Scialdone.

 

Per 8 pezzi

180 g di farina di grano khorasan KAMUT®

100 g di zucchero + altro per spolverizzare

10 g di lievito in polvere per dolci

60 g di burro

1 uovo

9 cl di latte fresco intero

90 g di yogurt intero naturale

1/2 baccello di vaniglia

150 g di mirtilli messi nel freezer per 2 ore

sale

 

1. Incidete il baccello di vaniglia, nel senso della lunghezza, e ricavate la polpa con i semini con un coltellino affilato. Mescolate in una ciotola la farina, lo zucchero, la vaniglia, il lievito e 1 pizzico di sale. Sbattete con la frusta in un’altra ciotola l’uovo con il latte, lo yogurt e il burro fuso raffreddato.

2. Incorporate al mix dei liquidi preparato gli ingredienti secchi, versandoli a pioggia in 2-3 volte, e amalgamando bene. Infine, aggiungete i mirtilli leggermente infarinati, mescolando con delicatezza.

3. Disponete i pirottini di carta nello stampo da muffins, riempiteli con il composto fino a 2/3 dell’altezza, spolverizzateli con un velo di zucchero e cuocete i muffin di Kamut in forno già caldo a 200°C per 20-25 minuti. Sfornate i muffin di Kamut ai mirtilli, disponeteli su una gratella e lasciateli raffreddare.

Il kamut: un grano antico e moderno

kamut

Una varietà di frumento preziosa, il Kamut, che racchiude nei suoi chicchi tante pregevoli proprietà nutrizionali. Con in più, un sapore delizioso

Proviene dalla Mesopotamia, è coltivato in Nordamerica e rappresenta un’interessante alternativa ai tipi di frumento che siamo abituati a utilizzare nei prodotti alimentari. Si chiama grano khorasan KAMUT® e in Italia è già molto diffuso e conosciuto come cereale antico proveniente da rigorosa coltivazione biologica, senza alcun tipo di incrocio o ibridazione con altre varietà. Grazie alla sua estraneità all’agricoltura di tipo intensivo, l’antico cereale conserva le straordinarie proprietà che ne fanno da sempre uno dei cereali più completi dal punto di vista nutrizionale e non solo…

Questo grano antico si differenzia dalle altre varietà di frumento per l’elevato contenuto di proteine e lipidi, caratteristiche che ne fanno un alimento dall’alto valore energetico, adatto a chiunque abbia bisogno di un valido sostegno da inserire nella propria dieta, eccezion fatta per i celiaci poiché contiene glutine. Tuttavia, escludendo gravi allergie e intolleranze ai cereali, il grano khorasan KAMUT® non viene trattato con pesticidi, concimi chimici e altre sostanze allergizzanti, perciò viene facilmente digerito e tollerato anche dal 70% della popolazione sensibile al frumento tradizionale.

Notevole è anche la ricchezza di sali minerali come selenio, zinco e magnesio che, in virtù del loro potere antiossidante, rappresentano un ottima risorsa per combattere i danni dei radicali liberi, ritardare l’invecchiamento cellulare e diminuire il rischio di formazione di cancro e l’insorgere di patologie cardiache. Non ultimo, il Kamut ha un gusto nuovo e gradevolissimo e si presta per mille preparazioni diverse, dal pane alla pasta fresca, dal seitan alla bevanda tipo latte.

Un ingrediente da conoscere: il kamut

Copertina-Libro-Kamut-60-ricette-per-conoscerlo-e-utilizzarlo-al-meglio2

Un libro con 60 gustose ricette a base di khorasan Kamut, per conoscere e apprezzare il gusto di questo cereale di antica tradizione

 

“Ho scoperto la farina di grano khorasan Kamut alcuni anni fa e da allora non ho mai smesso di utilizzarla per sperimentare nuove ricette”. Antonella Scialdone, foodblogger appassionata creatrice di pani e lievitati, ha intuito ben presto le qualità di questo ingrediente, se ne è subito innamorata, e ha studiato una serie di piatti che ne valorizzano le caratteristiche: è nato così il libro Kamut, 60 ricette per conoscerlo e utilizzarlo al meglio. Tanti sono i pregi di questo grano antico, riscoperto da alcuni decenni e rimesso in produzione in Nordamerica, un luogo dove le condizioni climatiche ne favoriscono la crescita nelle migliori condizioni: il risultato è un prodotto ricco di proteine e sali minerali, dall’elevato potere energetico e di grande digeribilità; inoltre, è assolutamente naturale e biologico. Oltre ai benefici nutrizionali, il grano khorasan Kamut in questi anni ha dimostrato anche di essere un cereale molto versatile in cucina, perfetto per preparare tante ricette, dalla pasta fresca al cous cous, dai lievitati ai dolci, dal seitan alla bevanda tipo latte. “Fin dall’inizio ho pensato questo libro come una specie di guida per utilizzare nei modi più impensati il grano khorasan Kamut – prosegue – mi piaceva l’idea di dare spunti sul modo di lavorare i diversi prodotti preparati con questo cereale. In pratica ho cercato di costruire una gamma il più possibile completa di esempi. Anche per quanto riguarda le ricette, ho sperimentato a lungo per trovare le proporzioni ottimali, perché questa farina reagisce in modo diverso dalle altre”. Il libro presenta un gran numero di ricette dolci e salate, che propongono tanti diversi modi e occasioni per scoprire ed apprezzare il gusto del khorasan Kamut (Edizioni Calderini, 16 euro).