Torta fondente al cioccolato senza glutine

Torta fondente al cioccolato senza glutine

La torta fondente è il dolce più goloso, la torta che fa impazzire tutti. Morbida e profumata, forma sulla superficie un leggero strato croccante mentre l’interno fondente si scioglie in bocca.

 

La torta fondente al cioccolato è facilissima da preparare, contiene amido di mais ed è senza glutine. Un’ottima alternativa può essere anche la fecola, ma chi non ha intolleranze può utilizzare tranquillamente anche la farina. Per servirla, sono ottimi i frutti acidi: oltre ai lamponi potete usare fragole, fettine di mango, frutto della passione, spicchi d’arancia o mandarino e altri frutti ancora. Naturalmente, i più golosi possono accompagnare la torta fondente anche con ciuffi di panna montata.

 

Per 8 persone:

300 g di cioccolato fondente al 70% di cacao

5 uova

200 g di zucchero

200 g di burro

2 cucchiai di amido di mais o di fecola di patate

1 cucchiaio di cacao amaro

succo di limone

sale

 

Per servire:

zucchero a velo

250 g di lamponi

 

  1. Montate in una ciotola i tuorli con lo zucchero e un pizzico di sale, finché saranno gonfi e spumosi. Aggiungete l’amido di mais setacciato con il cacao, poi mescolate bene. Intanto, fate fondere a bagnomaria il cioccolato con il burro (anche nel microonde: 2 minuti a 500 W, mescolate, poi azionate ancora per 1 minuto). Lasciatelo intiepidire, poi unitelo al composto preparato mescolando bene.
  1. Montate a neve gli albumi con 3 gocce di succo di limone. Incorporateli al composto, poco per volta a cucchiaiate, mescolando delicatamente con una paletta e con un movimento dal basso verso l’alto per non smontarli.
  1. Versate il composto in uno stampo a cerniera da 26 cm di diametro, foderato con un foglio di carta da forno bagnato e strizzato oppure imburrato e spolverizzato con un velo di cacao amaro. Cuocete la torta in forno già caldo a 180 °C per circa 50-60 minuti. Fate raffreddare completamente, possibilmente per 12 ore, e servite la torta fondente al cioccolato spolverizzato con zucchero a velo e i lamponi.

 

 

Saint-Honoré ai lamponi

Saint-Honoré-ai-lamponi-ricetta-parliamo-di-cucina

La Saint-Honoré è una delle ricette classiche della grande pasticceria internazionale.

 

La torta è una creazione di monsieur Chiboust, pasticciere in rue Saint-Honoré a Parigi nel 1846, un omaggio al suo indirizzo e a sant’Onorato, il patrono dei pasticcieri. La ricetta originale non prevede i lamponi, ma le interpretazioni creative sono moltissime, sbizzarritevi anche con altra frutta di stagione. Montate la Saint-Honoré all’ultimo momento e conservatela in frigo fino al momento di servirla. Monsieur Chiboust inventò anche la crema che porta il suo nome: una pasticcera classica alleggerita con meringa italiana (montata a caldo) usata in origine per farcire la Saint-Honoré.

 

Per 8 persone

1 confezione da 230 g di pasta sfoglia pronta già stesa

1,3 dl di latte + 100 g di burro

230 g di zucchero + 150 g di farina

4 uova + 2 tuorli

2 dl di panna + 500 g di crema pasticciera

200 g di lamponi

sale

 

1. Per la pasta choux, portate a ebollizione in una casseruola 1,25 dl di latte, 1,25 dl di acqua, il burro a dadini, 10 g di zucchero e 1 pizzico di sale. Togliete dal fuoco, aggiungete la farina, tutta in una volta, e mescolate con un cucchiaio di legno, in modo da ottenere un composto omogeneo. Rimettete sul fuoco e cuocete a fuoco basso per 1-2 minuti, mescolando, finché la pasta si staccherà dai bordi. Lasciate intiepidire e incorporate le uova e 1 tuorlo, 1 alla volta, mescolando. Riempite con l’impasto ottenuto una tasca da pasticciere con bocchetta liscia di 1 cm di diametro.

2. Per la base, srotolate la pasta sfoglia su una teglia conservando sotto la carta da forno in dotazione, ricavate un disco di 22 cm e punzecchiatelo con una forchetta. Formate una spirale con la pasta choux preparata sulla sfoglia, partendo dal centro, fino a 3 cm dal bordo. Sbattete il tuorlo e il latte rimasto e spennellate il bordo di sfoglia. Con la tasca senza bocchetta, formate un cordone sul bordo libero, per formare una cornice rialzata rispetto al centro. Spennellatelo con il composto di tuorlo e latte e cuocete in forno già caldo a 180°C per 35 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare.

3. Con la pasta choux rimasta formate tanti bignè di circa 2 cm su una teglia foderata con carta da forno. Spennellateli con il mix di tuorlo e latte rimasto e cuoceteli in forno già caldo a 220°C per 10 minuti e a 175°C per 20 minuti. Montate la panna con lo zucchero rimasto e unitela alla crema pasticcera. Fate caramellare 200 g di zucchero in un pentolino finché sarà dorato e immergetevi la parte superiore dei bignè. Farcite i bignè con la crema e attaccateli con un goccio di caramello intorno alla base. Riempite il centro con la crema rimasta e completate la Saint-Honoré con i lamponi.

 

(immagine:manjari.newexistence.com)

Zuccotto al torrone e lamponi

Zuccotto-al-torrone-e-lamponi-ricetta-parliamo-di-cucina

Decorativo e scenografico, lo zuccotto al torrone è un dolce a cucchiaio semifreddo di tradizione toscana, ma diffuso ormai in tutta Italia, spesso prodotto anche dalle pasticcerie artigianali.

 

La ricetta dello zuccotto al torrone è facile: si può utilizzare un pan di Spagna fatto in casa oppure una base già pronta. A piacere poi, potete provare anche tante altre varianti dello zuccotto al torrone, cambiando gli ingredienti. Un’idea semplicissima: rum invece dell’alchemes e marrons glacés spezzettati al posto dei lamponi.

 

Per 6 persone

1 pan di Spagna

150 g di torrone Tenero alla mandorla Sperlari

300 g di mascarpone o ricotta freschissimi

100 g di zucchero

1 baccello di vaniglia

2 albumi

succo di limone

2 dl di alchermes

200 g di lamponi

ribes per decorare

 

1. Tagliate il pan di Spagna a fettine di circa 1/2 centimetro di spessore. Versate 2 cucchiai di zucchero e 1 di acqua in un pentolino e cuocete per 1-2 minuti mescolando, fino a ottenere un composto sciropposo, poi unite l’alchermes e lasciate raffreddare. Sciacquate i lamponi e metteteli ad asciugare su fogli di carta assorbente da cucina. Tritate grossolanamente a coltello il torrone.

2. Incidete il baccello di vaniglia nel senso della lunghezza, apritelo e ricavate la polpa con i semini, grattandola con un coltellino. Mettetela in una ciotola, unite il formaggio e lo zucchero e lavorate fino a ottenere una crema omogenea. Montate a neve gli albumi con qualche goccia di succo di limone e incorporateli poco per volta al composto, mescolando delicatamente dal basso verso l’alto. Aggiungete i lamponi e 100 g di torrone mescolando con attenzione.

3. Foderate uno stampo da zuccotto con un foglio di pellicola, immergete brevemente le fettine di pan di Spagna nell’alchermes e disponetele all’interno dello stampo in modo da coprirlo completamente. Versate all’interno la crema preparata, poi disponetevi sopra uno strato di fettine di pan di Spagna bagnate nel liquore per formare la base del dolce. Coprite con un foglio di alluminio e mettete lo zuccotto al torrone in freezer a raffreddare per almeno 6 ore, meglio per una notte. Per servire, tirate fuori lo zuccotto al torrone dal frigo e lasciatelo riposare per circa 20 minuti. Eliminate l’alluminio, sformatelo su un piatto di portata, aiutandovi con la pellicola, e servite decorando con il torrone tritato rimasto e un rametto di ribes.

 

Crostata al cioccolato con lamponi

Crostata-al-cioccolato-con-lamponi-ricetta-parliamo-di-cucina

Ecco una crostata al cioccolato strepitosa e golosissima perfetta per un’occasione di festa, con un ricco ripieno cioccolatoso e uno strato di lamponi. La crostata al cioccolato si può preparare anche con un paio di giorni di anticipo e si conserva in frigorifero coperta, decorandola al momento di servirla

 

Tante anche le varianti possibili di questa crostata al cioccolato: con cioccolato solo fondente al 70%, un velo di marmellata di arance (indispensabile per tenere fermi i decori) e con una guarnizione di scorzette di agrumi candite o alchechengi, i tipici scenografici fruttini natalizi. A piacere, potete usare anche altra frutta secondo la stagione.

 

Per 8-10 persone

Per la base:

260 g di farina 00

1 uovo e 1 tuorlo

100 g di zucchero

130 g di burro + altro per lo stampo

la scorza grattugiata di 1/2 limone non trattato

sale

Per il ripieno:

150 g di cioccolato gianduia alla nocciola

100 g di cioccolato fondente al 70% di cacao

100 g di burro

80 g di zucchero

2 uova + 1 tuorlo

confettura di lamponi

200 g di lamponi freschi

 

1. Versate la farina sul piano di lavoro, aggiungete il burro leggermente ammorbidito e tagliato a pezzetti e lavorate rapidamente con la punta delle dita, in modo da ottenere un composto sbriciolato. Unite lo zucchero, la scorza di limone grattugiata, un pizzico di sale e i tuorli e impastate velocemente per non scaldare gli ingredienti, fino a ottenere un composto sodo e omogeneo. Formate un panetto, avvolgetelo con pellicola e fatelo riposare in frigorifero per almeno mezz’ora.

2. Stendete la pasta con il matterello, formando un disco di 3-4 mm di spessore; avvolgetelo intorno al matterello e srotolatelo in uno stampo da crostata imburrato, meglio se con il fondo rimovibile, di circa 24 cm di diametro. Eliminate la pasta in eccesso sul bordo, passando il matterello sulla teglia. Bucherellate il fondo con una forchetta, disponetevi sopra un foglio di carta da forno, versate 2 manciate di legumi secchi e cuocete il guscio in forno già caldo a 180°C per 15 minuti. Eliminate la carta con i legumi, cuocete ancora per 5 minuti poi sfornate e lasciate raffreddare la crostata.

3. Fate fondere al microonde o a bagnomaria i 2 cioccolati spezzettati con il burro tagliato a dadini. Montate con la frusta le uova, il tuorlo e lo zucchero in un pentolino, preferibilmente con il fondo arrotondato, disposto in un bagnomaria in leggera ebollizione, continuando a montare gli ingredienti finché il composto sarà spumoso. Toglietelo dal fuoco e incorporate, poco alla volta, il cioccolato fuso e mescolate, fino a ottenere una crema liscia. Riempite il guscio con la crema  preparata e cuocete la crostata al cioccolato in forno già caldo a 160°C per 10 minuti. Lasciate raffreddare, coprite e mettete in frigo a riposare per almeno 3 ore. Prima di servire la crostata al cioccolato, diluite 2 cucchiai di confettura di lamponi con un cucchiaio di acqua tiepida o liquore a piacere, spennellatela sulla superficie e aggiungete i lamponi freschi.

 

(immagine:thefoodieandthefamily.com)