Spätzle con crema di piselli alla menta e limone

Spätzle-con-crema-di-piselli-alla-menta-e-limone-ricetta-parliamo-di-cucina

Tipici della cucina tedesca e tirolese, gli spätzle sono gnocchetti di farina molto semplici da realizzare: l’impasto è una pastella densa che si rapprende al contatto con l’acqua bollente.

 

Per la ricetta tradizionale si possono anche impastare con spinaci oppure con farina di grano saraceno, si può usare birra oppure vino al posto del latte, ma in realtà la preparazione si presta a tantissime interpretazioni, secondo la fantasia. Anche il condimento può essere fonte di creatività: gli spätzle si possono condire con una crema di broccoli, di cipolle, di carote, aromatizzate con speck, pancetta ed erbe aromatiche a piacere.

 

Per 4 persone

Per l’impasto:

250 g di farina 0

2 uova

2 dl di latte

Per la crema:

200 g di piselli sgranati (circa 600 g con il baccello), fuori stagione usate quelli surgelati

1 cipollotto

2,5 dl di brodo vegetale

60 g di pecorino

20 g di burro

noce moscata

1-2 rametti di menta

1 limone non trattato

sale e pepe

 

  1. Sgusciate le uova in una ciotola e sbattetele con una frusta incorporando gradualmente la farina a pioggia. Versate il latte a filo, spolverizzate con 1 pizzico di noce moscata grattugiata, sale e pepe e continuate a sbattere, finché il composto sarà denso e cremoso. Coprite e lasciate riposare a temperatura ambiente per mezz’ora.

 

  1. Eliminate le radichette, la guaina esterna e la parte verde del cipollato e tritate finemente la parte bianca. Disponetela in una casseruola con il bordo vegetale e portate a ebollizione. Aggiungete i piselli, rialzate il bollore e cuocete per 7-8 minuti a fiamma media, senza coprire. Lasciate intiepidire, regolate di sale, pepe e noce moscata, aggiungete le foglie di menta e frullate fino a ottenere un composto cremoso. Incorporate il burro a fiocchetti e il formaggio, trasferite in una ciotola e unite la scorza del limone grattugiata.

 

  1. Portate a ebollizione abbondante acqua in una pentola e salatela. Per gli gnocchetti, posate sul bordo del recipiente l’apposito attrezzo per gli spätzle e colatevi sopra la pastella, muovendo avanti e indietro la parte scorrevole dell’attrezzo, in modo che la pastella scenda nell’acqua formando tanti gnocchetti grossi come fagioli. Se non lo possedete, fate cadere la pastella nell’acqua bollente poca per volta con un cucchiaino. Cuocete per 8 minuti, sgocciolate gli gnocchetti con il mestolo forato, trasferiteli nella ciotola con la crema di piselli diluita con 1-2 cucchiai di acqua di cottura, mescolate e servite subito gli spätzle.

 

Zucchine ripiene alla menta

Zucchine-ripiene-alla-menta

Le zucchine ripiene alla menta sono farcite con un mix gustoso e saporito di carne e salsiccia e profumate con la menta.

 

Le zucchine ripiene alla menta sono ottime come antipasto o come secondo (in questo caso raddoppiate però le dosi), si possono preparare in anticipo e servire anche fredde. Se possibile scegliete zucchine dolci, come la varietà ligure, piccole e di colore verde chiaro. Tante sono le varianti per il ripieno: potete riciclare carni o pesci avanzati, oppure sbizzarritevi sostituendo alle carni la stessa quantità di tonno sott’olio tritato, filetti di pesce bianco, ricotta, patate bollite e schiacciate e così via… E a piacere aromatizzate con prezzemolo, basilico o erba cipollina. Servite le zucchine ripiene alla menta con vino bianco ben freddo.

 

Per 4 persone

 

4 zucchine medie con il fiore

50 g di salsiccia

50 g di carne di vitello macinata

2 uova

1/2 spicchio d’aglio

1 ciuffo di menta

40 g di mollica di pane fresco

50 g di grana padano grattugiato

1 dl di latte

olio extravergine di oliva

sale e pepe

 

1. Staccate il fiore dalle zucchine, sciacquatelo delicatamente ed eliminate il pistillo. Sciacquate le zucchine, asciugatele, dividetele a metà, nel senso della lunghezza. Disponete il cestello per la cottura al vapore in una casseruola, riempite con una quantità d’acqua sufficiente a sfiorare il fondo del cestello, portate a ebollizione, quindi trasferitevi le zucchine, coprite e cuocetele per 5 minuti. Lasciatele raffreddare bene, poi prelevate la polpa con l’aiuto di uno scavino.

2. Tritate finemente la polpa delle zucchine e mescolatela in una ciotola con la salsiccia spellata e sbriciolata, la mollica di pane bagnata nel latte e strizzata, le uova, il grana padano, lo spicchio d’aglio spellato e tritato con le foglie di menta e un pizzico di sale e pepe. Mescolate gli ingredienti fino a ottenere un composto omogeneo e aggiungete i fiori di zucca tritati.

3. Mettete il composto preparato in una tasca da pasticciere e riempite le zucchine con la farcia e compattate il ripieno con la punta delle dita. Scaldate 4 cucchiai d’olio in un’ampia padella antiaderente e rosolate le zucchine ripiene per 5 minuti con la parte del ripieno rivolta verso il fondo della padella, poi giratele delicatamente e cuocete per altri 5 minuti con il ripieno rivolto verso l’alto. In alternativa, mettetele sulla placca, leggermente unta di olio o foderata con un foglio di carta da forno bagnato e strizzato, e cuocetele in forno già caldo a 180°C per circa 40 minuti, poi servite le zucchine ripiene ben calde.

 

 

(immagine:traculinu.e-monsite.com)

Calamari ripieni con menta e pecorino

calamari-ripieni

I calamari ripieni con menta e pecorino sono una ricetta di pesce dai profumi intensi ma dal sapore delicato.

 

Per questa ricetta utilizzate di preferenza calamari di formato medio, al massimo fino a 20 cm di lunghezza, sono quelli più adatti, perché quelli piccoli si consumano interi, fritti o lessati, mentre gli altri più grandi vengono prevalentemente tagliati ad anelli e fritti. Se preferite, potete variare il ripieno, utilizzando al posto dei capperi olive verdi o nere tritate, e aggiungendo dadini di pomodoro o di peperoni rossi, acciughe sott’olio sgocciolate, pinoli, mandorle o pistacchi tritati grossolanamente, ecc. Servite i calamari ripieni con menta e pecorino accompagnati con verdure miste alla griglia o insalata verde.

 

8 calamari medi

1 spicchio d’aglio

200 g di ricotta

40 g di pangrattato

50 g di pecorino romano grattugiato

1 ciuffo abbondante di menta

20 g di capperi sotto sale

1 limone non trattato

vino bianco secco

1 uovo

400 g di pomodorini

1 cipolla piccola

zucchero

olio extravergine di oliva

sale e pepe

 

1. Sciacquate i capperi sotto un getto di acqua fredda corrente, metteteli a bagno in una ciotola con acqua tiepida per 10 minuti, poi sciacquateli. Staccate i tentacoli dal corpo dei molluschi ed eliminate gli occhi e il becco, aiutandovi con le forbici. Svuotate e lavate l’interno delle sacche, rovesciandole come un guanto. Eliminate la pellicina scura che le ricopre e sciacquatele. Rosolate lo spicchio d’aglio schiacciato e spellato con 3 cucchiai d’olio nella padella, unite i tentacoli, rosolateli per 2-3 minuti, irrorate con 1 dl di vino bianco e lasciate evaporare a fiamma bassa poi eliminate l’aglio, sgocciolate i tentacoli e tritateli grossolanamente.

2. Versate in una ciotola la ricotta, aggiungete l’uovo, il pecorino, il pangrattato, le foglie di menta tritate con i capperi, il pangrattato, la scorza del limone grattugiata, i tentacoli tritati, poco sale e pepe. Mescolate bene poi farcite le sacche dei calamari con il composto, senza riempirle troppo, e fissatele con uno stecchino.

3. Riaccendete il fuoco sotto la padella con il fondo di cottura dei tentacoli e rosolate i calamari ripieni in modo uniforme per 2-3 minuti. Irrorate con 1 dl di vino bianco, abbassate al minimo, coprite e cuocete per 40 minuti abbondanti, unendo, se serve, poca acqua calda. Intanto, fate appassire la cipolla affettata finemente in un padellino, unite i pomodorini tagliati a metà, aggiungete un pizzico di zucchero e uno di sale, coprite e cuocete a fiamma media per circa 20 minuti. Servite i calamari ripieni con la salsa di pomodoro.

 

(immagine:ladyberds-kitchen.blogspot.it)

Orzo tiepido con lenticchie e menta

Orzo-tiepido-con-lenticchie-e-menta-ricetta-parliamo-di-cucina

L’orzo tiepido con lenticchie e menta è un profumato e leggero piatto unico completo, perché unisce al cereale anche due varietà di proteine.

 

L’orzo è un cereale antico, ancora molto utilizzato nelle cucine regionali per preparare zuppe e minestre: questa ricetta invece lo propone in forma di insalata, con un inedito accostamento di erbe aromatiche. L’orzo perlato si può anche cuocere con lo stesso procedimento usato per il risotto, ottenendo così un saporito orzotto. A piacere, potete preparare l’orzo tiepido con lenticchie e menta anche con altri cereali, meglio ancora se integrali, o cous cous.

 

Per 4 persone

320 g di orzo perlato, anche a cottura rapida

140 g di lenticchie verdi piccole

200 g di formaggio feta

1 cipollotto

2 pomodori ramati maturi

1 cucchiaio di capperi sotto sale

1 mazzetto di menta

1 mazzetto di prezzemolo

paprika, meglio se affumicata

olio extravergine di oliva

sale e pepe

 

1. Sciacquate l’orzo sotto acqua fredda corrente e mettetelo a bagno per 1 ora. Portate a ebollizione abbondante acqua in una pentola, salatela e cuocete l’orzo per circa 30 minuti oppure per il tempo indicato sulla confezione, finché i chicchi saranno teneri ed elastici. Se utilizzate quello a cottura rapida, seguite le istruzioni della confezione (circa 12 minuti). Intanto, sciacquate le lenticchie, mettetele in una casseruolina, aggiungete abbondante acqua e cuocetele per 30 minuti dall’ebollizione, salate solo alla fine, poi sgocciolatele e lasciatele raffreddare.

2. Nel frattempo, sciacquate i capperi e metteteli a bagno in una ciotola con acqua tiepida per 10 minuti. Ricavate le foglioline del prezzemolo e della menta (tenendo da parte qualcuna di quest’ultima per decorare), poi tritatele insieme con i capperi, sgocciolati e strizzati. Dividete a metà i pomodori, eliminate i semi e tagliateli a dadini. Pulite il cipollotto, eliminate le radichette, la guaina esterna e la parte verde, poi tritatelo finemente. Disponete tutto in una ciotola.

3. Sgocciolate l’orzo e trasferitelo nella ciotola con le verdure preparate. Aggiungete le lenticchie, la feta sbriciolata, 3 cucchiai di olio estravergine di oliva, regolate di sale e pepe. Suddividete l’orzo tiepido con lenticchie e feta nei piatti, spolverizzate con un pizzico di paprika, decorate con le foglioline di menta tenute da parte e servite.

 

(immagine:cookingminette.com)

Salmone al limone e menta con cavolfiore al curry

Salmone-al-limone-e-menta-con-cavolfiore-al-curry-ricetta-parliamo-di-cucina

Il salmone al limone e menta con cavolfiore al curry è una ricetta profumata e semplice da cucinare

 

Pesce dal gusto non troppo intenso, il salmone al limone e menta è molto gradito anche ai bambini: sceglietelo di buona qualità, proveniente da allevamenti selezionati. Se preferite, potete accompagnarlo con altre verdure di stagione oppure con patate lessate o spinaci al burro.

 

Per 4 persone

4 tranci di filetto di salmone di circa 200 g l’uno

60 g di burro + 1 limone

1 cavolfiore di circa 1,2 kg

1 cipollotto + 1 foglia di alloro

1 cucchiaio di curry + aceto

40 g di uvetta + brodo vegetale

50 g di mandorle tritate grossolanamente

1 ciuffo di foglie di menta fresca

olio extravergine di oliva

sale e pepe

 

1. Sciacquate i filetti di pesce sotto acqua fredda corrente e asciugateli con carta assorbente da cucina; tastate la polpa per trovare eventuali spine ed eliminatele con una pinzetta. Fate fondere il burro in un pentolino a fiamma bassa, versatelo in una ciotolina e aggiungete il succo del limone filtrato, le foglie di menta pulite e tritate, sale e pepe, sbattendo con una frustina. Trasferite il salmone in una teglia o pirofila foderata con carta da forno bagnata e strizzata con la parte della pelle verso il basso. Spennellate la polpa con metà della salsina e fate riposare per circa 30 minuti.

2. Nel frattempo, pulite il cavolfiore e ricavate le rosette. Tuffatele in una pentola con abbondate acqua salata e aromatizzata con 1/2 bicchiere di aceto per 3-4 minuti, poi sgocciolatele e passatele sotto acqua fredda corrente. Eliminate le radichette, la guaina esterna e la parte verde del cipollotto, tagliatelo a rondelle e fatelo appassire in una padella ampia a fiamma bassa con 2 cucchiai di olio, la foglia di alloro e un pizzico di sale per 4-5 minuti, mescolando di tanto in tanto, finché sarà morbido. Aggiungete le rosette di cavolfiore e l’uvetta, fatele insaporire, poi spolverizzate con il curry, irrorate con 1 dl di brodo caldo, coprite e cuocete per circa 12-15 minuti a fiamma bassa, aggiungendo eventualmente altro brodo se serve, finché il cavolfiore sarà tenero e il fondo di cottura asciugato. Regolate di sale e pepe e spolverizzate con la granella di mandorle tostata.

3. Nel frattempo, coprite la teglia con il salmone al limone e menta con un foglio di alluminio e mettetela in forno già caldo a 180°C per circa 10 minuti. Di tanto in tanto, scoprite il pesce e spennellate i tranci con un po’ di salsina al burro. Eliminate l’alluminio, irrorate il pesce con la salsa rimasta e cuocete ancora per 3-4 minuti. Accendete il grill del forno per 2-3 minuti per far dorare la superficie e servite subito i filetti di salmone al limone e menta con cavolfiore al curry.

 

 

(immagine:monmaraicheralacasserole.over-blog.com)