Desperados: magico mix in musica

Desperados-parliamo-di-cucina

Con Partyinstinct, il festival musicale in tour targato Desperados, la musica elettronica è protagonista nelle più importanti città italiane.

 

Desperados, la birra Heineken Italia aromatizzata alla tequila, ha viaggiato per le principali capitali europee sempre accompagnata dalla migliore musica elettronica del momento: è stata in Belgio al festival Tomorrowland, a Berlino al Melt e quest’anno gira l’Italia in tour con il festival Partyinstinct.

Nell’Europa del nord e negli Stati Uniti è già amatissima, gli artisti italiani non mancano e gli esperti del settore hanno definito la musica elettronica made in Italy l’unico genere realmente esportabile. E ora arriva anche la Desperados di Heineken, in 30 location diverse nelle più importanti città italiane: Partyinstinct è stato a Milano e arriva anche a Roma, dove proseguirà fino al 25 ottobre.

Il marchio Heineken è da sempre dalla partner della buona musica e in ogni manifestazione porta con sé musicisti, appassionati, skaters e creativi di tutto il mondo che si riuniscono intorno al palco ma anche nei negozi di abbigliamento, nei bar e nei locali selezionati, che accoglieranno eventi speciali e serate all’insegna del divertimento.

Tones on the Stones…tra le cave

Al via oggi, 17 luglio 2014, l’ottava edizione di Tones on the Stones

Tones on the Stones 2013

Tones on the Stones 2013

Il festival Tones of the Stones è un’esperienza unica: quattro giorni (dal 17 al 20 luglio) di performance, musica e sperimentazione artistica nel suggestivo contesto delle cave di marmo dell’Ossola, in particolare, quest’anno, della cava di palissandro tutt’ora in attività di Crevoladossola (sulle sponde del Lago Maggiore).

Le alte pareti verticali di roccia faranno da schermo naturale alle videoproiezioni 3D del collettivo AreaOdeon di Monza e diventeranno scenografie digitali per la Tosca di Puccini, che inaugura la rassegna, con l’allestimento di Renato Bonajuto el’Orchestra Filarmonica del Piemonte.

Domenica il festival chiude con con il concerto America Sweets, in cui Brian Earl dirige una big band (trio jazz, batteria pianoforte e contrabbasso + ottoni del Teatro alla Scala di Milano) che propone una carrellata della migliori musiche da film di tutti i tempi, da quelle di Guerre Stellari a Indiana Jones, da West Side Story a Superman passando per un omaggio a Nino Rota.

Tante le novità, come la prima edizione della sezione NeXTones: venerdì e sabato saranno internamente dedicati alla musica elettronica con concerti e dj set di artisti provenienti da tutto il mondo. In apertura (venerdì alle 21), la performance del giovanissimo danzatore e coreografo giapponese Hiroaki Umeda, che esplora il rapporto corpo umano/tecnologia in While going to a condition, tra luce e suoni digitali. Dopo l’inaugurazione di Umeda tanti artisti e performer di fama internazionale si alterneranno tra house, techno, hip-hop e tanto altro.

Inoltre, novità assoluta, la prima edizione del workshop e light contest per light designer in collaborazione con Clay Paki, azienda leader nel settore dell’illuminotecnica.

Per tutte le informazioni sul festival e sugli eventi collaterali rimandiamo al sito dedicato dell’evento.

 

 

 

 

Caiarossa: musica in cantina

Caiarossa-parliamo-di-cucina

Nella splendida cornice naturale della Val di Cecina, tra le vigne e le barrique dell’azienda vinicola biodinamica Caiarossa, un concerto di beneficenza di “Doctor Music Ensemble”.

 

Musica è armonia. Non solo per il suo potere ricreativo ma anche per quello terapeutico. Questo il progetto che ha visto un gruppo di appassionati medici musicisti dar vita a “Doctor Music Ensemble”, un’associazione che li riunisce in formazioni orchestrali e cameristiche e che li vede mettere la loro arte al servizio di iniziative di beneficenza che promuovono la musica come ponte culturale verso il benessere e la realizzazione.

L’ambiente ideale della val di Cecina, Caiarossa è una piccola perla della Val di Cecina, a Riparbella. Pochi ettari di vigneti coltivati secondo la viticoltura biodinamica, una gamma di vini di grande spessore e un’atmosfera di rara armonia in vigna e in cantina. Non poteva mancare la musica: per questo Caiarossa ha invitato il “Doctor Music Ensemble” a suonare il 30 marzo per una serata di beneficenza a favore di Enti del settore sanitario.

L’appuntamento è per domenica 30 marzo alle 17 per visitare i vigneti e la cantina. Alle 18, nella sala di degustazione sarà la volta del concerto che vedrà esibirsi due violini, un flauto, due viole e un’arpa su brani di Haydin, Boccherini e Gardel. Dopo l’esibizione, lo spettacolo continuerà nel bicchiere con una degustazione dei vini della casa: Pergolaia 2006, Caiarossa 2006 e per chiudere in dolcezza, Oro di Caiarossa 2008, accompagnati da un goloso buffet. Da non dimenticare: a questo evento ne seguirà un secondo, messo in calendario per il 6 di luglio.

Info e prenotazioni: tel. 0586699016 – Caiarossa, Loc. Serra all’Olio 59, Riparbella (Pi) – Costo: 10 euro

 

La musica: un MiTo

mitoE come tutti gli anni, dal 4 al 21 settembre, torna MiTo,la rassegna musicale a Milano e Torino. Quest’anno ancora più sociale

Un fitto calendario di eventi dalla musica antica alla contemporanea, dall’elettronica al jazz, dal rock alla canzone d’autore, con un occhio di riguardo alla musica classica: ecco MiTo SettembreMusica.

Sono attesi 209 appuntamenti e 2900 artisti che animeranno 99 sedi tra Milano e Torino. L’inaugurazione è stata ieri, 4 settembre, al Teatro alla Scala di Milano e al Regio di Torino, per la prima volta con concerti di musica sacra.

Claim di quest’anno: Tutta un’altra musica, per sottolineare il fatto che le location degli eventi saranno svariate e nient’affatto canoniche. Ci tiene infatti il direttore Enzo Restagno, a uscire dagli schemi rendendo la manifestazione ancora più sociale e local, con la rassegna nella rassegna, “MiTo per la città“, che si prefigge lo scopo di raggiungere spazi e persone che sono solitamente poco raggiungibili da eventi culturali e musicali: 12 residenze per anziani e senzatetto, 14 biblioteche, 11 centri per disabili, ospedali e carceri diventano location di 18 “Concerti fuori dal centro” con cui coinvolgere le periferie disagiate.

 

 

A Grottaglie il vino è… musica

grottaglie

Degustazioni, percorsi enogastronomici, musica e arte animeranno l’incantevole quartiere delle ceramiche di Grottaglie il 3 e il 4 agosto

 

“Nella terra dell’uva si celebra il vino e con esso tutto un sistema rurale legato alla terra che negli anni ha contribuito a creare una immagine positiva, reale e autentica del territorio grottagliese”, dichiara Fabrizio Nardoni, assessore all’Agricoltura della regione Puglia. Insieme ai vitigni autoctoni rappresentati da ben 24 produttori vitivinicoli, nell’iniziativa “Vino è musica” si riscopre il ruolo dell’artigianato artistico nei percorsi dell’antico quartiere delle ceramiche.

“Quello che c’è di originale in questa proposta è la qualità”, prosegue. “Nella formazione e strutturazione dei percorsi, ma anche e soprattutto nella scelta di partner di livello, a cominciare dall’Enoteca italiana di Siena, passando per l’AIS e Radici Wines, per finire alle cooperative di mitilicoltori tarantini. Così l’uva e il vino diventano il miglior messaggio e speranza di futuro che parte da Grottaglie”.

E in questo senso è da apprezzare ancora di più la presenza di un’altra fetta di tradizione legata alla provincia di Taranto: percorsi di degustazione legati a taralli e friselle, olio extravergine, caciocavallo e la riscoperta della cozza tarantina.

Per due giorni in via Crispi, la strada che accoglie le storiche botteghe di ceramica, saranno presenti stand di artigianato ed enogastronomia e perfomance artistiche. Vini autoctoni pugliesi come il Primitivo e il Negroamaro saranno i protagonisti dei percorsi di degustazione, insieme ai prodotti caseari e ai salumi e, per chi ama la cucina mediterranea, i ristoranti della città proporranno i piatti simbolo della tradizione pugliese. In tutto parteciperanno 24 aziende vitivinicole e 12 legate al cibo.

Ma non finisce qui. Con il patrocinio di Enoteca italiana, l’ente nazionale vini, sarà possibile conoscere da vicino il mondo del vino con mini corsi creati ad hoc. Il direttore Salvatore de Lio coinvolgerà gli appassionati in una originale degustazione: a riempire i calici ci saranno otto eccellenze enologiche abbinate ai buoni sapori locali, come le cozze tarantine, il caciocavallo, il capocollo di Martina Franca e le friselle con olio extravergine di oliva.

Ancora più ricco sarà il cast che andrà a formare gli itinerari artistici. Giovani promesse si confronteranno attraverso performance suddivise in 25 eventi: fotografia, pittura, ma soprattutto musica, quella live, in acustico, autoprodotta da numerose band del panorama pugliese.

Insomma, davvero ricca l’iniziativa promossa dall’Associazione Intersezioni e organizzato da Qiblì e Gir&Grafica con il patrocinio di Enoteca italiana, AIS delegazione di Taranto e il sostegno dell’Assessorato alle risorse agroalimentari della regione Puglia insieme alla città di Grottaglie e al Gal Colline joniche. Un evento ideale per vivere un’entusiasmante esperienza tra enogastronomia, arte, cultura e spettacolo in una terra ricca di storia e tradizioni e che, con un piccolo ticket, permetterà di passare due serate d’estate in uno degli angoli più belli della Puglia, a pochi chilometri dal mare.

http://www.vinoemusica.it/