Semifreddo alle mandorle con fichi al vino rosso

semifreddo-mandorle-fichi

Il semifreddo alle mandorle con fichi al vino rosso è un dessert raffinato e scenografico, un dolce a cucchiaio perfetto da offrire dopo cena.

 

Ricetta facile, il semifreddo alle mandorle con fichi al vino rosso si prepara in poco tempo, ma ha però bisogno di lunghe ore di riposo in freezer per congelare. Se volete preparare voi il croccante da accompagnare al semifreddo alle mandorle con fichi al vino rosso, fate fondere a fiamma bassa in una padella antiaderente 180 g di zucchero con 1 cucchiaino di succo di limone e 2-3 cucchiai d’acqua, mescolando finché sarà caramellato e leggermente dorato. Unite 1 pizzico abbondante di sale e 100 g di granella di mandorle tostata, mescolate e versate il composto in una teglia foderata con un foglio di carta da forno bagnato e strizzato. Lasciate raffreddare completamente, spezzettatelo e servitelo con il semifreddo alle mandorle con fichi al vino rosso.

 

Per 6 persone

100 g di mandorle non spellate

2 uova

120 g di zucchero a velo

3 dl di panna fresca

2 cucchiai di liquore all’amaretto

1 limone non trattato

12 fichi maturi

3 dl di vino rosso corposo

3 cucchiai di zucchero di canna

1 bastoncino di cannella, 1 bacca di anice stellato, 1 chiodo di garofano

sale

 

1. Mettete in una casseruola il vino, lo zucchero, le spezie, la scorza di 1/2 limone e 1 pizzico di sale, portate a ebollizione e lasciate sobbollire a fiamma bassa per circa 20 minuti, finché il vino si sarà ridotto e avrà una consistenza sciropposa; aggiungete i fichi, puliti e tagliati a fette spesse, proseguite la cottura ancora per 10 minuti, poi lasciate raffreddare. Tuffate le mandorle in acqua bollente, sgocciolatele, spellatele e tostatele in forno già caldo a 180°C per 3-4 minuti; trasferitele nel mixer e tritatele finemente con 2 cucchiai di zucchero a velo. Versate in un pentolino 1/2 dl di acqua, portatela a ebollizione, unite il trito di mandorle, abbassate la fiamma e fate sobbollire per circa 1 minuto, finché il composto sarà denso. Spegnete e lasciate raffreddare.

2. Montate i tuorli con lo zucchero rimasto e 1 pizzico di sale fino a ottenere un composto spumoso, poi aggiungete la pasta di mandorle e il liquore. Montate la panna ben fredda e amalgamatela al composto. Montate a neve gli albumi con 2-3 gocce di succo di limone e incorporateli poco per volta a cucchiaiate, con un movimento dal basso verso l’alto.

3. Versate il composto in uno stampo da plumcake da 8 dl foderato con un foglio di pellicola, coprite e mettete in freezer per 6-8 ore. Per sformare il gelato, immergete per un attimo lo stampo in acqua calda o avvolgetelo con un telo caldo, capovolgetelo su un piatto di portata e servite il semifreddo alle mandorle con fichi al vino rosso, decorando le fette con pezzetti di croccante.

 

(immagine:tastefoodblog.com)

Semifreddo di castagne alla vaniglia

Semifreddo-di-castagne-alla-vaniglia-ricetta-parliamo-di-cucina

Dessert raffinato ed elegante – non a caso i francesi lo chiamano parfait – il semifreddo di castagne è l’ideale da offrire alla fine di un pranzo a base di piatti invernali, troppo ricchi per sopportare un dolce a base di farine.

 

Se volete arricchire il semifreddo di castagne, potete aggiungere al composto 150 g di marrons glacés spezzettati. Per servirlo, potete spolverizzarlo con cacao amaro oppure accompagnare con purea di cachi frullati, panna montata, cioccolato fuso, confettura di castagne o decorare il semifreddo di castagne con marrons glacés interi e violette candite.

 

Per 6 persone

250 g di castagne già lessate e spellate (fuori stagione usate quelle sottovuoto oppure le surgelate)

2 dl di latte

180 g zucchero

2 uova

3 dl di panna

½ baccello di vaniglia

succo di limone

sale

 

1. Portate a ebollizione in un pentolino il latte con un pizzico di sale il baccello di vaniglia, inciso nel senso della lunghezza. Unite le castagne e cuocete per circa 20 minuti a fiamma bassa, finché il latte sarà quasi completamente assorbito e le castagne saranno morbide. Eliminate la vaniglia, unite 2 cucchiai di zucchero, mescolate, lasciate intiepidire e passate tutto al mixer.

2. Montate i tuorli con lo zucchero rimasto finché saranno ben densi e spumosi, poi aggiungete la crema di castagne, a cucchiaiate, mescolando delicatamente con un movimento dal basso verso l’alto. Montate gli albumi a neve con qualche goccia di succo di limone e incorporateli alla crema, poco per volta, mescolando allo stesso modo per non smontare il composto. Montate infine la panna ben fredda e unitela al composto sempre con la stessa tecnica.

3. Versate il composto ottenuto nelle coppette oppure in uno stampo rettangolare di circa 1,2 l di capacità, foderato con pellicola. Livellate le superfici, coprite con un foglio di pellicola o di alluminio e mettete in freezer per almeno 12 ore. Estraete dal frigorifero il semifreddo di castagne qualche minuto prima di gustalo e decorate a piacere. Se avete usato lo stampo, sformatelo aiutandovi con la pellicola e servite il semifreddo di castagne alla vaniglia a fette.

 

 

(immagini:cantalblog.canalblog.com)