Tutti ortisti

tutti ortisti

Con il progetto ColtivaMi il Parco Nord di Milano sottrae al degrado metri quadri preziosi di territorio

Risale alla fine degli anni ’80, quelli della Milano da bere, l’istituzione dei primi 35 orti all’interno del Parco Nord. Attrezzati e regolamentati secondo una strategia di rivitalizzazione delle fasce di parco più vicine alla città, favorivano soprattutto gli anziani, con una precisa modalità di richiesta, di assegnazione e di conduzione dell’orto.

L’esperienza progettuale e di gestione di dieci anni ha dato vita nel 2004 a una pubblicazione monografica ormai decennale di gestione degli orti urbani ha portato alla pubblicazione nel corso del 2004 di una monografia a cura di V.Dalla Francesca e F. D’Alessandro dal titolo Orti: Racconti di vita tra gli ortaggi (si può richiedere gratuitamente sul sito del Parco Nord). Nel settembre del 2012 l’amministrazione comunale presentava il progetto ColtivaMi che, complice la crisi, ha suscitato grande interesse. A maggio 2013 è stato presentato il primo bando di assegnazione a cittadini e associazioni per 171 spazi in zona nove a cittadini e associazioni

Un modo per i milanesi di diverse generazioni ed estrazione sociale di riappropriarsi degli spazi verdi: un passo concreto di Milano anche in vista di “Expo 2015: Nutrire il pianeta”, partendo da esperienze nella città. 
Le convenzioni avranno una durata massima di nove anni, con la possibilità di un rinnovo per altri tre. I costi di allestimento degli orti saranno a carico degli assegnatari.

Le particelle assegnate ai singoli ortisti avranno una superficie massima di 60 metri quadri. Sono previsti anche moduli di coltivazione collettiva (minimo 10 ortisti) fino a 700 metri quadri..

Le coltivazioni saranno conformi al profilo ecologico – non sarà ammesso l’uso di pesticidi, diserbanti, sementi Ogm – oltre all’obbligo di una gestione oculata dell’acqua. È vietata ogni attività di lucro, commerciale o promozionale (salvo in questi ultimi due casi autorizzazione del Consiglio di Zona) così come l’uso di manodopera retribuita.

L’idea si è dunque trasformata nel tempo in un vero e proprio servizio educativo che crea una relazione stabile tra parco/utente.

Antonella Cicalò

 

Tutti ortisti ultima modidfica: 2013-06-15T15:44:59+00:00 da Antonella Danioni Cicalo'