Veloci e sicuri come falchi

I falchi in aeroporto sono sicuri e silenziosi

I falchi in aeroporto sono sicuri e silenziosi

Per contrastare l’impatto con gli uccelli anche a Linate si pensa ai falchi

Proprio veloci come loro no: è dal 2005 infatti che la camera dei deputati ha approvato l’uso dei falchi per allontanare dagli aeroporti gli uccelli che minacciano la sicurezza degli aerei, ma finora solo poche città hanno adottato questo sistema, preferendo complicati dispositivi meccanici a cui i diretti interessati si sono adattati benissimo. Meno gli abitanti che devono fare i conti, per esempio, con rumorosi cannoni ad aria compressa nei quali in alcuni casi gli uccelli addirittura nidificano.

A New York è dall’ottobre del 2008 che l’aeroporto ha adottato i falchi, ottenendo in pochi mesi un calo del 65% dei danni riportati dagli aeromobili in transito. In Italia i falchi sono in azione a Ronchi, Bari, Torino e altre località cui presto dovrebbe aggiungersi Milano-Linate. L’esperimento venne tentato all’inizio degli anni 2000, ma  fu sospeso per l’ostilità degli animalisti. Adesso si comincia a comprendere che i falchi addestrati in questo modo non fanno altro che seguire la propria inclinazione naturale e allontanano gli altri pennuti solo spaventandoli, dato che la predazione non è necessaria. Al nutrimento dei rapaci pensano infatti i falconieri.

Un intervento umano nella catena alimentare che salvaguarda gli uccelli in transito e i passeggeri. Va comunque tenuto presente che sulle grandi dimensioni anche questo sistema è costoso (i falconieri non sono economici). Per questa ragione a New York due anni fa il programma è stato ridimensionato, mentre Madrid è tuttora molto orgogliosa della sua squadra. Inoltre i rapaci hanno alcuni limiti: per esempio di notte, con la nebbia o contro altri uccelli di grandi dimensioni. Per questo l’uso dei falchi deve essere studiato bene caso per caso.

 

Veloci e sicuri come falchi ultima modidfica: 2013-07-15T09:38:12+00:00 da BR