La Fòcara, il buon fuoco del Salento

Il 16 gennaio la tradizione popolare si rinnova con il fuoco più grande del bacino del Mediterraneo: la Fòcara

fòcara

La Fòcara è un falò di 25 metri di altezza e 20 di diametro che brucerà a Novoli di Lecce il 16 gennaio, vigilia della festa del Patrono Sant’Antonio, durante la famosissima festa salentina, tutelata dalla Fondazione Fòcara di Novoli (sostenuta da importanti enti pubblici e privati).

Il falò viene costruito con migliaia di fascine di tralci di vite secchi provenienti dal Parco del Negroamaro, posate con tecniche che si tramandano di generazione in generazione da secoli.

La preparazione della festa inizia tempo prima: già l’8 dicembre inizia la costruzione del falò durante il rito laico della Festa della Vite e del Paesaggio del Parco del Negroamaro. Da lì, la costruzione prosegue fino al culmine della festa, la mattina del 16 gennaio, con la “bardatura”: una catena umana issa l’immagine di Sant’Antonio Abate in cima al falò. Nel pomeriggio si celebra la benedizione degli animali e alla sera uno spettacolo piromusicale innesca l’accensione vera e propria della Fòcara, attorno alla quale si suona, si balla e si mangia fino al suo naturale spegnimento (che può richiedere anche più giorni).

La Fòcara, in quanto la festa è importantissima per l’identità culturale pugliese, è stata inserita tra i beni della cultura immateriale della Regione Puglia e partecipa alla catalogazione ministeriale per il riconoscimento dell’Unesco quale Patrimonio Intangibile dell’Umanità, da tutelare e valorizzare.

Attorno alla Fòcara, molte sono le iniziative e, in questa edizione 2014, le novità, prima fra tutte la compartecipazione di Novoli e Oria che hanno in comune la preziosa storia delle tradizioni locali.

Per la tradizione, FòcarArte, comprenderà la consueta esposizione, il “manifesto d’autore” e in più installazioni grafiche e fotografiche. E poi il FòcaraFestival che vedrà la partecipazione di artisti provenienti da tutto il mondo, primo fra tutti Youssou N’Dour.

Inoltre, sarà presente Emir Kusturica, famoso regista balcanico, che sarà protagonista con Hidetoshi Nagasawa di A fuoco, un docufilm di Gianno De Blasi che ricostruisce la storia della festa.

Per la parte gastronomica sarà possibile gustare i prodotti tipici locali del Salone di Enogatsronomia “Cupagri”. Il laboratorio “Penne al Dente” vedrà ai fornelli giornalisti e chef salentini che prepareranno prelibatezze con i prodotti a km 0 della Valle della Cupa.

La manifestazione potrà essere seguita sul portale dedicato all’appuntamento.

Info: tel. 0832712695 – 3358202336 (da lunedì a venerdì, ore 8-14); cultura@comune.novoli.le.it

 

 

La Fòcara, il buon fuoco del Salento ultima modidfica: 2014-01-09T15:09:58+00:00 da Alessia Stefanini