La pubblicità che parla di noi

pubblicitàIl cibo immaginario in mostra a Roma fino al 6 gennaio 2014

La mostra “Il cibo immaginario, 1950-1970: pubblicità e immagini dell’Italia a tavola” sarà esposta al Palazzo delle Esposizioni di Roma fino al 6 gennaio 2014. Curata dal presidente Artix, Marco Panella, e da Aldo Grasso, in collaborazione con Coca Cola Italia, Gruppo Cremonini e Montana, la mostra raccoglie vent’anni di storia italiana.

Un percorso insolito, che non è solo quello dei media, ma dell’industria alimentare in generale. È la pubblicità che influenza l’industria alimentare o viceversa? Come sono cambiati gli italiani a tavola? In che modo – e in che misura – sono stati influenzati dalla comunicazione? La mostra cerca di rispondere a queste domande attraverso trecento immagini pubblicitarie che parlano di cibo e  dei riti del mangiare: ci sono le vecchie campagne di marchi come Cirio, Fernet-Branca, Coca Cola, Barilla; e quelle di nomi più “nostalgici” come Idrolitina (quella dell’acqua gasata, ricordate?), il formaggino Milkana, la Elah, le Pastiglie Leone.

Insomma, è la storia d’Italia attraverso i  marchi, che ci parlano degli anni bui della Guerra, così come della Ricostruzione, del boom economico, della crisi energetica. Curiosità da scoprire e momenti da ricordare. Non tutti sanno, per esempio, che durante il Dopoguerra, negli anni in cui  ancora non si trovava cibo, i beni di prima necessità erano pane, polenta, riso e farina e che la prima rivoluzione fu la pasta, che divenne così simbolo di italianità.

Ripercorrendo il Paese negli anni si arriva ai giorni nostri e ci si chiede che ruolo ricopra  il cibo in tempo di crisi e perché questo boom di programmi tv culinari (Bake Off Italia, per esempio, ha fatto quasi un mese di campagna teaser) e di chef stellati, in quella che Aldo Grasso definisce “la grande abbuffata della tv”. È vero interesse o è un modo di esorcizzare la forzata riduzione dei consumi?

Insomma, le domande sono tante, le risposte anche. La mostra forse non risponde a tutte, ma senz’altro mette le basi per una riflessione importante, con immagini di grande interesse storico-culturale e un po’ di nostalgia per chi c’era e ricorderà e per noi che non c’eravamo, ma  che ci siamo oggi, pieni di stimoli e di domande irrisolte…

Informazioni:
3 dicembre 2013 – 6 gennaio 2014
Il cibo immaginario, 1950-1970 pubblicità e immagini dell’Italia a tavola
Palazzo delle Esposizioni
Via Nazionale 194, Roma
per tutte le info su orari e biglietti rimandiamo al sito ufficiale del Palazzo delle Esposizioni.

La pubblicità che parla di noi ultima modidfica: 2013-12-04T16:49:13+00:00 da Alessia Stefanini