Il Natale più caldo sulla piazza: i mercatini natalizi

In questo periodo ancora di crisi gli italiani affrontano il Natale al risparmio, ma i mercatini sono sempre una tentazione irresistibile

Il mercatino natalizio di piazza Walther di Bolzano

Il mercatino natalizio di piazza Walther a Bolzano, il più antico d’Italia

È vero. Indubbiamente quest’anno la tentazione di non fare regali e risparmiare il più possibile in vista di un 2014 probabilmente per molti non facile, è molto allettante. Ma è anche vero che proprio in questi momenti di crisi il Natale diventa anche una scusa per rilassarsi un po’, stare in famiglia e tra amici, magari senza farsi necessariamente il “regalone”, ma creando un clima di calore con qualche pacchettino da aprire e soprattutto con le decorazioni… e con l’immancabile pranzo che gli italiani non si fanno mai mancare.

E se andare in giro per negozi ci mette ansia – perché magari ci piacciono delle cose che obiettivamente non ci possiamo permettere – i mercatini offrono la perfetta risposta a una domanda di shopping più semplice, ma tanto colorata, profumata, dolce e molto, molto natalizia.

Tralasciando la famosissima Fiera dell’Artigianato, in corso alla Fieramilano di Rho (Mi), fino all’8 dicembre – in cui si trova tutto, da tutto il mondo, per tutti i gusti e di tutti i generi (alimentare in testa) – tutta l’Europa e tutta l’Italia sono costellate di mercatini natalizi grandi e piccoli, ideali per un giro o, perché no?, una gita fuori porta.

Il più grande da sempre si svolge in Piazza Walther, a Bolzano, città di antichissima tradizione (la più antica della Penisola). Fino all’Epifania il mercatino offre specialità alimentari (dal panpepato, allo strudel, al vin brulé, allo zelten), decorazione per casa e giardini (pigne di legno, animaletti di paglia, renne intagliate) e abbigliamento, con le caratteristiche giacche di lana cotta.

Anche Trento trasforma la sua Piazza Fiera in un mercatino dove trovare guanti, sciarpe, giocattoli in legno e specialità gastronomiche trentine.

Per restare in montagna con stile, a Cortina d’Ampezzo il lusso scende in piazza, anzi in corso: in Corso Italia si possono trovare capi in cachemire, candele profumate all’anice stellato e al garofano, oggetti curiosi come la cornice dotata con tantodi creta su cui imprimere la mano o il piede dei propri bambini.

A Milano, oltre alla già citata Fiera dell’Artigianato, la tradizione prosegue con la Fiera degli Obej-Obej, nella zona del Castello Sforzesco e dell’Arena e il Villaggio delle Meraviglie dei Giardini Montanelli, dedicato alle famiglie: Babbo Natale con tanto di slitta ed elfi e un castello di cristallo.

L’appuntamento a Torino è a Borgo Dora dove regnano il vintage (dischi in vinile e strumenti musicali), l’artigianato creativo e l’alta moda.

In Piazza Navona a Roma, si rende omaggio sia a Babbo Natale che alla Befana in un trionfo di zucchero e pupazzi, sulle note di sottofondo dei musicisti di strada. Per essere chic,invece, il parco del ristorante Mò mò Republic offre un Mercatino creativo con settanta bancarelle su cui trovare complementi d’arredo in feltro e vetro, borse, gioielli, addobbi…

Gli amanti del presepe non possono non andare al mercatino di San Gregorio Armeno a Napoli, dove negozietti e bancarelle vendono statuine di tutte le dimensioni con i personaggi tradizionali del presepe e quelli della cronaca contemporanea. E per chi ha più tempo, o magari cerca una bella gita fuori Italia, mete allettanti sono, in primo luogo, Vienna – per la vicinanza all’Italia sia in aereo che in treno – col suo Villaggio di Natale in Maria-Theresien-Platz: sessanta stand e una mostra dedicata all’inverno nella pittura. Oppure  ecco un salto nel XV secolo con il mercato storico del Bambin Gesù di Salisburgo.

In Germania si contano più di sessanta mercatini natalizi nella sola Berlino, cui segue per bellezza e grandezza la piazza del Duomo di Colonia, con un mercato da centosessanta bancarelle.

Per essere invece più vicini a Babbo Natale, la meta imperdibile è Copenhagen, dove sfila Santa Claus con tutti i suoi elfi.

E poi Parigi agli Champs Elysées, Londra a Hyde Park e Greenwitch, New York (per chi vuole andare un po’ più lontano) a Columbus Circle e Union Square.

Insomma, il Natale in piazza è colorato, luminoso e dolce nei profumi e nei suoni e se poi c’è la neve… è ancora più caldo.

 

 

 

 

Il Natale più caldo sulla piazza: i mercatini natalizi ultima modidfica: 2013-12-04T16:48:53+00:00 da Alessia Stefanini