Milanesiana: l’asse Milano-Torino per la cultura

milanesianaLa Milanesiana volge al termine tra cinema e teatro, tra Milano e Torino…

Si apre oggi, 4 luglio 2014, la terza e ultima fase della 15a edizione della Milanesiana, l’importante manifestazione ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, quest’anno dedicata al tema “Fortuna/Destino”. Questa terza fase ha come titolo La Rosa monografica.

Cinema: si comincia (4 luglio, Spazio Oberdan) con Edgar Reitz, e il quarto capitolo (presentato quest’anno al Festival di Venezia) della sua epica trilogia Heimat, della durata totale di 54 ore. Si prosegue con un Tinto Brass inedito degli anni ’60 (5 luglio, Sala Buzzati).

Teatro: la Milanesiana approda per la prima volta al Teatro No’hma con l’anteprima dello spettacolo Luiz torna a casa, di Tony Laudadio sul testo di Maurizio de Giovanni (6 luglio). Al Teatro Franco Parenti, Sergio Rubini è il protagonista di Finalmente Truffault, di Valerio Cappelli e Mario Sesti (8 luglio). Presso la Sala Buzzati Roberto Andò firma la regia dello spettacolo Good people, di David Lindsay-Abaire (9 luglio)

Economia e filosofia: Mario Monti dialoga con Vittorio Gregotti su economia e città. A seguire il concerto Romanticismo tra fantasia e cultura: Schumann e Liszt, di Monica Leone e Michele Campanella (7 luglio, Politecnico). Il 9 luglio, alle 18, si svolge l’incontro curato da Luigi Orlotti e il FAI/Fondo Ambiente Italiano, incentrato sul “WikiPhilo, una filosofia dell’ambiente”, con interventi, tra gli altri, di Pietrangelo Buttafuoco, Giulio Giorello, Remo Bodei ecc. (Sala della Cavallerizza FAI).

Aperitivi: nelle giornate del 4, 5 e 7 luglio gli aperitivi avranno come temi la fortuna dell’umorismo, la fortuna del made in Italy e la fortuna degli esordienti.

La Milanesiana chiuderà con una lunga notte dedicata ai 25 anni di Blob con una proiezione curata da Enrico Ghezzi e una lettura-concerto con Marco Morgan Castoldi. Verranno inoltre ricordati i 50 dell’inaugurazione della Linea 1 della metropolitana e i 40 anni del best-seller Paura di volare che segna il grande ritorno alla Milanesiana di Erika Jong.

Torino: la Milanesiana è anche a Torino e dintorni con due mostre molto interessanti. Al Castello di Mirandolo di San Secondo di Pinerolo, la Fondazione Cosso  e l’Organizzazione il Cigno curano la mostra “Tahar Ben Jelloun. Giovinezza” (fino al 13 luglio), che racconta la relazione tra segno e calligrafia, pittura e scultura attraverso le atmosfere dei romanzi di Ben Jelloun.

A Circolo dei Lettori di Torino città, invece, fino al 10 luglio si può visitare la mostra a cura di Luigi Serafini, “Luigi Serafini. Codex seraphinianus, anno XXXIII”. La fantasia di Serafini attraverso i disegni del Codex Seraphinianus,  enciclopedia immaginaria, atlante di mondi impossibili.

Per tutto il programma di questo ultimo scorcio di Milanesiana si consiglia di scaricare il pdf dal settore dedicato alla manifestazione all’interno del sito della Provincia di Milano.

 

Milanesiana: l’asse Milano-Torino per la cultura ultima modidfica: 2014-07-04T14:08:57+00:00 da Alessia Stefanini