Semplicemente Natale

nalale-mondoLa crisi ha contratto gli acquisti non solo perché obiettivamente le famiglie si scoprono più in difficoltà, ma anche per un ripensamento generale sul consumismo degli ultimi anni

Le vendite di generi alimentari, specie se a chilometro zero o provenienti dal commercio equosolidale, tengono e sono la vera idea regalo di questo Natale 2013. I prodotti tecnologici che impazzavano lo scorso anno oggi si selezionano più oculatamente. Si recuperano i capi vintage e anche il baratto dei doni non graditi è visto con simpatia.

In tempi di spending review anche i comportamenti d’acquisto delle famiglie si adeguano: del resto gli italiani dichiarano di disporre di un budget  assai ridotto, anche  rispetto al Natale precedente.

Dietro alla parola “risparmio”, spunta anche il consumo privilegiato degli spumanti italiani (invece dello champagne), dei dolci fatti in casa, delle carni bianche e del pesce azzurro al posto delle carni rosse, del meno ma buono e di qualità, con una maggiore attenzione anche alle modalità di produzione e all’ambiente. E resistono i giocattoli, ma con un occhio a quelli più tradizionali ed educativi.

Austerità e tagli al budget natalizio possono rivelarsi allora uno stimolo alla creatività personale o alla caccia al dono artigianale nei mercatini e nelle vendite benefiche. Un’occasione per privilegiare oggetti fatti a mano o decorazioni per ornare l’albero di Natale, presepi e statuine di legno, ceramiche, vetri decorati, candele, manufatti di stoffa, nastri e decorazioni di tutti i tipi e da tutto il mondo per confrontare usi e tradizioni diverse. E gli addobbi realizzati in casa, in questo senso, sono un’ottima occasione per stare coi più piccoli in un modo che forse avevamo dimenticato.

Un Natale più semplice, non più povero, anzi.

 

 

Semplicemente Natale ultima modidfica: 2013-12-11T14:37:54+00:00 da Antonella Danioni Cicalo'