Curry di agnello con ceci e patate

Curry di agnello con ceci e patate

I curry sono tipici piatti indiani a base di carne o verdure, con un ricco condimento di aromi e spezie.

La parola curry è inglese e deriva da un termine tamil che significa salsa o zuppa; da lì è passato a indicare sia il mix di spezie, sia il piatto cucinato. Il burro chiarificato invece è un condimento tipico indiano, versatile e leggero: perfetto per cotture prolungate e fritture a temperatura molto alta. In alternativa, si possono usare 20 g di burro e 3 cucchiai d’olio. Chi non ama il sapore forte dell’agnello, può preparare la ricetta con spezzatino di manzo.

Per 4 persone

800 g di di polpa d’agnello senza ossi

240 g di ceci già lessati

250 g di patate

3 pomodori da sugo maturi

3 dl di latte di cocco

200 g di yogurt greco

curry in polvere

1 mazzetto di coriandolo o prezzemolo

2 cipolle

1 spicchio d’aglio

50 g di burro chiarificato

sale

  1. Immergete i pomodori in acqua bollente per 1 minuto, scolateli e raffreddateli sotto acqua fredda. Spellateli, divideteli a metà, eliminate semi e tagliateli a pezzettini. Sbucciate le patate e riducetele a dadini. Spellate l’aglio e le cipolle e tritateli finemente. Tagliate la carne a pezzi di circa 2-3 cm di lato.
  1. Fate fondere il burro in una casseruola ampia con un cucchiaio di curry. Unite la carne e rosolatela a fiamma viva per 2-3 minuti, poi sgocciolatela e tenetela in caldo. Abbassate la fiamma, mettete nella pentola il trito d’aglio e cipolla, 2 cucchiai di curry, 2-3 cucchiai d’acqua calda e fate appassire tutto per 5-6 minuti, mescolando di tanto in tanto.
  1. Rimettete l’agnello nella casseruola, unite il trito di pomodori e proseguite la cottura con il coperchio per circa 1 ora e 30 minuti aggiungendo poco per volta, prima il latte di cocco e poi lo yogurt, quando Unite prima i dadini di patate e poi, dopo 15 minuti, i ceci sgocciolati. Regolate di sale e di curry e proseguite la cottura per altri 20 minuti, unendo poca acqua se il fondo di cottura tenderà ad asciugarsi troppo e lasciando il fondo cremoso. Spegnete e servite il curry di agnello spolverizzando con il coriandolo tritato e, a piacere, accompagnando con riso pilaf.

(immagine:www.marieclaire.fr)

Tagliatelle cremose agli asparagi con prosciutto croccante

Ideali per preparare un primo gustoso con un sugo ricco a base di asparagi, le tagliatelle sono un formato di pasta fresca all’uovo molto antico e diffuso in molte parti d’Italia, con varie denominazioni tipiche locali, da Nord a Sud.

Gli impasti differiscono fra loro secondo il numero di uova, che varia secondo le tradizioni regionali: le più note sono quelle classiche emiliane, da gustare con il ragù alla bolognese, ma che si preparano anche con altri sughi, come funghi, cacciagione, pesce e frutti di mare, pesti di erbe e verdure, ecc. Altri formati come fettuccine, tagliolini, pappardelle e così via hanno come base l’impasto delle tagliatelle e differiscono solo nella larghezza del formato.

Per 4 persone

500 g di asparagi

500 g di tagliatelle all’uovo fresche

100 g di prosciutto crudo a fettine

2 rametti di timo

4 tuorli

noce moscata

1 spicchio d’aglio

40 ml di panna fresca

60 g di parmigiano reggiano grattugiato

30 g di burro

olio extravergine di oliva

sale e pepe

  1. Eliminate la base legnosa degli asparagi e spellate il gambo con il pelapatate. Tuffateli in abbondante acqua bollente salata e cuoceteli per 5-6 minuti, poi sgocciolateli e passateli sotto acqua molto fredda. Ricavate le punte, tagliate a tocchetti i gambi e rosolate tutto per 2-3 minuti in una padella ampia con il burro e lo spicchio d’aglio tagliato a fettine, le foglioline del timo, sale, pepe e noce moscata. Spegnete ed eliminate l’aglio.
  1. Versate i tuorli in una ciotola, aggiungete il formaggio, un pizzico di sale e di pepe e sbattete fino a ottenere un composto cremoso. Tagliate il prosciutto a striscioline sottili e rosolatele in un padellino per 2-3 minuti mescolando, finché saranno croccanti.
  1. Nel frattempo, tuffate le tagliatelle in abbondante acqua bollente salata a cui avrete aggiunto 1 cucchiaio d’olio e cuocetele al dente per 2-3 minuti, secondo le indicazioni della confezione. Sgocciolatele tenendo da parte 2 cucchiai di acqua di cottura, trasferitele nella padella con l’acqua messa da parte e la panna e fatele insaporire per alcuni istanti. Spengete e incorporate la crema di uova e formaggio, mescolando. Unite il prosciutto rosolato e servite subito le tagliatelle cremose agli asparagi con prosciutto croccante.

(Immagine da www.solo.be)

Il salame di Milano

Fra storia e tradizione, un prodotto antico ma sempre nuovo. Il salame di Milano di Citterio ha quasi 150 anni storia, ma resta sempre un must intramontabile nella gamma dei salumi preferiti

 

Macinatura fine, sapore dolce e leggermente speziato. Il salame di Milano è una leccornia intramontabile che affonda le sue solide radici nella storia della gastronomia milanese. Prodotto antico, nato dalla capacità popolare di non buttare nulla e riutilizzare tutto quanto fosse commestibile, si è pian piano trasformato in una vera e proprio specialità nota ovunque e ricercata nel mondo.

La sua storia risale indietro nel tempo, al 1870, quando il giovane e abile artigiano Giuseppe Citterio apre una salumeria a Rho, alle porte della città, e mette a punto la ricetta che ben presto diventerà una vera e propria bandiera del gusto italiano. Dalla sua parte, oltre alla bontà del prodotto, c’è anche l’intuizione di rendere continua una produzione che fino a quel momento seguiva cicli stagionali, una circostanza che in concomitanza con un periodo storico particolare ha creato il mix vincente per la diffusione del salame di Milano nel mondo.

L’azienda comincia a crescere e la produzione del salame di Milano viene sempre più apprezzata, tanto che la sua partecipazione all’Esposizione Nazionale di Milano nel 1881 conquista il riconoscimento di una prestigiosa medaglia d’oro. La grande tradizione e la bontà del lavoro fatto fino a oggi sono stati confermati negli anni dagli ottimi risultati, non ultimo l’essere stati scelti per rappresentare la Salumeria Italiana a Expo Milano 2015, all’interno del Padiglione Italia. Una produzione che da tanto tempo ha conquistato anche l’America, dove Citterio è presente con uno stabilimento interamente dedicato alla produzione di salumi a Freeland, in Pennsylvania.

L’importanza del legame con il territorio per Citterio è fondamentale: l’azienda lavora e produce i suoi principali salumi nei rispettivi territori d’origine, nel rispetto e in difesa dei principi regolati dai marchi DOP e IGP, rafforzando il legame tra il territorio e le sue ricette tradizionali. Oggi il salame di Milano di Citterio viene prodotto a Santo Stefano Ticino, nei pressi della città, seguendo ancora l’antica ricetta tramandata da generazioni: legato a mano e lentamente stagionato con fermentazione naturale, si presenta di colore rosso rubino, con grana di grasso ben definita dalle dimensioni di un chicco di riso, profumo caratteristico, sapore pieno e delicato e consistenza compatta.

Ma come si gusta al meglio il salame di Milano? Nei secoli passati, la tradizione nel capoluogo lombardo lo indicava come il cibo preferito delle classi lavoratrici, che lo mangiavano da sempre nella michetta, il tipico pane soffiato della gastronomia meneghina, perfetto per essere farcito con tante belle fette di salame di Milano e completato con qualche gustoso sottaceto.

Ma, naturalmente il gusto delicato e la tenera consistenza del salame di Milano lo rendono l’ingrediente privilegiato per sfiziosi aperitivi e antipasti creativi: consumato al naturale, tolto dal frigorifero 5 minuti prima di servirlo, insieme a pane o focaccia, oppure in preparazioni creative con melone e fichi o con spicchi d’arancia o frutti di bosco. Le tonde fettine del salame di Milano sono poi l’ideale per creare involtini farciti di ricotta, stracchino, robiola o altri formaggi morbidi, ma sono indicate  anche per accompagnare preparazioni più raffinate come una giardiniera, un gazpacho o una mousse di verdura.

Non ultimo, il salame di Milano si presta benissimo anche alla preparazione di ricette come sformati di pasta, verdura, ripieni per torte salate. Tritato è ottimo per condire gli spaghetti o per aggiungere un tocco a zuppe primaverili di piselli, fave, zucchine, è eccellente abbinato a patate o funghi, a scamorza o anche a un dolcissimo gorgonzola.

Un weekend nelle Terre Traverse

Un fine settimana di grande musica e buon cibo in cascina, nelle Terre Traverse, ascoltando  le melodie di Verdi e Rossini

 

Quasi obbligatorio, prima o poi, nel Paese del bel canto, andare mettere il naso nelle Terre Traverse, quel bellissimo territorio lungo l’Arda al confine tra il Piacentino e il Parmense, delimitato dal Po e dai sinuosi colli dell’Appennino punteggiati di borghi turriti e merlati, in cui visse il grande Giuseppe Verdi: perché non cogliere l’occasione, quindi, di un weekend di musica e cibo genuino nelle antiche cascine dell’Emilia del Maestro, che fu anche abile imprenditore agricolo (ben mille ettari di poderi gestiti direttamente) e noto buongustaio, tanto che esiste un libro di ricette di Casa Verdi?

È l’Associazione culturale di aziende agricole piacentine “Le Terre Traverse” a proporre nelle sue tenute fino a domenica 15 luglio un weekend con un’ampia scelta di suggerimenti turistici declinabili a piacere, al cui centro è la performance di parole e musica Rossini, Verdi, la grande lirica e la cucina italiana (non dimentichiamo che quest’anno è il centocinquantenario rossianiano) a cura del Maestro Ennio Cominetti e del soprano Ayako Nishiyuki presso l’Agriturismo “Casa della Memoria Casella”, a San Protaso di Fiorenzuola d’Arda, sabato 14 luglio alle 21,30.

Prima della performance con palco e pianoforte a mezza coda nell’aia della cascina, è possibile salire al primo piano per dare un’occhiata al Museo Contadino, che ospita attrezzi da lavoro e oggetti domestici di un tempo, per poi fermarsi (previa prenotazione al numero 339 4578683) nell’ex stalla con volte a botte e colonne per una cena a base di focaccia di farro con lievito madre, pomodoro fresco e basilico dell’orto, servita con insalata alla Rossini (olio, limone, senape e una grattugiata di tartufo), tortelli d’erbette alla Verdi e ciambella di Verdi con zabaione al marsala (20 euro, bevande escluse).

Oltre al Teatro Verdi e al Museo di Casa Barezzi a Busseto, alla minuscola casa natale di Roncole Verdi e alla bucolica villa Verdi a Sant’Agata di Villanova sull’Arda, il territorio delle Terre Traverse offre, tra l’altro, la splendida Abbazia cistercense di Chiaravalle della Colomba con prezioso chiostro e la stupenda cascina settecentesca che ospita la premiata azienda agricola di trasformazione della frutta e verdura “Pizzavacca”, vedere per credere.

Un buon punto per fermarsi a dormire è Fiorenzuola d’Arda, per esempio presso l’agriturismo “Mascudiera” (telefono 344 1328408), dove la camera doppia costa intorno agli 80 euro.

 

FoodExp – La grande cucina pugliese a convegno

Dal 18 al 20 giugno a Lecce, nelle splendide sale quattrocentesche di Torre del Parco, si tiene la prima edizione edizione di FoodExp, il congresso dedicato all’alta formazione, a partire dall’esempio internazionale dell’Ecole Hôtellière di Lausanne.

 

Un evento che ha l’ambizione di connettere il territorio pugliese alle grandi esperienze di rango nazionale e internazionale nell’ambito dell’hospitality e della ristorazione, creando connessioni in grado di lanciare il territorio oltre i confini regionali. E “Origini” è proprio il tema-chiave di FoodExp, una vetrina dove i grandi attori del made in Italy sono chiamati a raccontare le storie da cui originano i percorsi di ciascuno.

Protagonisti dell’evento i grandi nomi della ristorazione di alta classe italiana, come Francesco Cerea del tristellato Da Vittorio a Brusaporto (Bg), Alessandro Pipero dello stellato Pipero Roma, Antonio Guida del bistellato Seta, il ristorante del Mandarin Oriental Hotel di Milano, Paolo Lopriore de Il Portico di Appiano Gentile (Co). La partecipazione coinvolge operatori del settore e appassionati di gastronomia, turisti e locali, per sperimentare direttamente origini e avanguardia della cucina pugliese, attraverso una serie di appuntamenti, che spaziano attraverso dibattiti e laboratori, conferenze e cooking show.

Il format è stato ideato da Giovanni Pizzolante, consulente operativo nel mondo dell’hospitality management, da 30 anni a capo del gruppo Sinext, e vuole essere un alert per gli operatori del settore e un’occasione per valorizzare e far conoscere il ricco patrimonio enogastronomico e dell’ospitalità pugliese. Un territorio più che mai sulla cresta dell’onda, una riscoperta di antichi saperi e riti, cultura musicale e gastronomica, patrimonio paesaggistico e architettonico, che spazia dalla tradizione alla modernità in un mix di grande forza e seduzione.

Il progetto punta a mettere in circolo storie esemplari e informazioni, alternando il congresso alle tavole rotonde, le masterclass all’esperienza diretta della Puglia e della grande bellezza di questa destinazione, con percorsi di degustazione apparecchiati dai cuochi pugliesi, che si alterneranno fra il FoodExp Gourmet, gli Agugiaro&Figna Lab, i Cooking Show Berto’s e le cene: dagli chef Maria Cicorella e Antonio Zaccardi dello stellato Pashà a Domingo Schingaro Due Camini Borgo Egnazia, da Franco Tornese  e Stefano Politi de Il Vigneto del Gusto ad Alessandro Pascali di Tenuta Furnirussi,  da Alessandra Civilla di Alex a Tiziana Perlangeli dell’Osteria degli Spiriti, da Emanuele Frisenda e la pastry chef Claudia De Massimo di Aqua Le Dune a Francesco Pellegrino, da  Andrea Cannalire dello stellato Cielo Relais La Sommità a Maurizio Raselli de Le Tre Rane, da Flavio Pedaci del Don Fausto a Gianluca Spagnolo di Torre del Parco e i pizza chef Andrea Godi del 400 Gradi, Guglielmo Vuolo, Giuseppe De Lucia di Zio Giglio e Paolo Priore.

Al centro della tre giorni, la competizione che premierà il Miglior Chef e Pizza Chef Emergente fra gli under trenta pugliesi. La prestigiosa manifestazione organizzata da Witaly, dal critico Luigi Cremona e dalla giornalista Lorenza Vitali, sbarca in Puglia con un format di taglio esclusivamente regionale, con l’obiettivo di premiare e valorizzare i giovani pugliesi, offrendo loro una vetrina d’eccezione nel contesto di FoodExp. Chi supererà la selezione regionale entrerà di diritto nella competizione, che a ottobre a Roma seleziona i migliori del Centro Sud, mentre il 20 giugno ci sarà un casting per accedere alla prossima edizione di Emergente Sala Puglia, che si svolgerà nella primavera 2019.

Le tante voci che compongo FoodExp convergono tutte verso un unico obiettivo: connettere il territorio alle grandi esperienze di rango nazionale e internazionale nell’ambito dell’hospitality e della ristorazione, creando connessioni in grado di lanciare e far conoscere il territorio ben oltre i confini regionali, verso il grande pubblico internazionale. FoodExp è il contenitore che non c’era e dove tutti i segmenti attivi di questa rinascita convergono.