Carpaccio di zucchine al limone con feta e pistacchi

Carpaccio-di-zucchine-al-limone-con-feta-e-pistacchi-ricetta-parliamo-di-cucina

Leggerissimo e profumato, il carpaccio di zucchine al limone con feta e pistacchi è un gustoso piatto vegetariano da servire come antipasto o al posto del primo.

La feta è un formaggio tipico greco, preparato originariamente con latte di pecora. Ha consistenza compatta ma molto friabile, si sbriciola facilmente ed è piuttosto salato e leggermente acido, caratteristiche che si accentuano se viene conservato a lungo, per questo è meglio sciacquarlo o metterlo a bagno per qualche minuto in acqua fredda. A piacere, potete aggiungere al carpaccio di zucchine al limone con feta e pistacchi anche olive a fettine, pomodoro a dadini e altre profumate erbe aromatiche.

Per 4 persone

600 g di zucchine piccole e dolci

150 g di formaggio feta

50 g di pistacchi sgusciati

2 limoni

1 ciuffo di basilico

olio extravergine di oliva

sale e pepe

Spuntate le zucchine e tagliatele a nastro molto finemente, nel senso della lunghezza, con un pelapatate o una mandolina, oppure con l’affettatrice, se la possedete. Disponetele in un piatto, spolverizzatele con sale e pepe, irroratele con abbondante succo di limone (tenetene da parte 2 cucchiai), coprite con pellicola e mettetele a marinare in frigorifero per 1 ora.

Immergete intanto i pistacchi in abbondante acqua bollente per 1 minuto, scolateli, fateli intiepidire ed eliminate la pellicina che li ricopre, strofinandoli con un telo, quindi metteteli nel mixer e tritateli grossolanamente. Sciacquate la feta sotto un getto di acqua fredda corrente e asciugatela tamponando con carta assorbente da cucina, poi riducetela a pezzettini.

Spezzettate finemente le foglie del basilico e mettetele in un vasetto con il tappo a vite. Unite 4 cucchiai d’olio, il succo di limone rimasto, sale e pepe, chiudete e scuotete con decisione in modo da ottenere una citronnette ben emulsionata.

Sgocciolate le zucchine dalla marinata, sciacquatele e asciugatele con carta assorbente. Suddividete il carpaccio di zucchine nei piatti, condite con l’olio aromatizzato preparato, spolverizzate con i pistacchi tritati e la feta sbriciolata e servite.

(immagine:whatsgabycooking.com)

Carpaccio di polpo

Carpaccio-di-polpo

Tenero, saporito e leggerissimo, il carpaccio di polpo è una ricetta facile, tipica della tradizione regionale italiana, da gustare con moltissimi contorni.

Per rendere tenero il polpo i pescatori usano batterlo a lungo sugli scogli. Se non volete batterlo, potete congelarlo in freezer: il freddo spezza le fibre che lo rendono gommoso, poi scongelatelo e cuocetelo. In alternativa, acquistatelo già surgelato. A piacere, potete aggiungere al carpaccio di polpo anche altre erbe aromatiche come erba cipollina o basilico oppure spezie come paprika o curry. Se preferite consumarlo immediatamente, senza aspettare di poterlo affettare a carpaccio, tagliatelo a tocchetti e gustatelo tiepido con carciofi a fettine sottilissime o cubetti di patate al vapore o avocado maturo. Servite il carpaccio di polpo come antipasto o come secondo.

Per 4 persone

1 polpo di circa 1,2 kg già pulito

1 carota

1 cipolla

2 coste di sedano

4 foglie di alloro

4 grani di pepe

4 bacche di ginepro

1 spicchio d’aglio

1 ciuffo di prezzemolo

1 limone

olio extravergine di oliva

sale e pepe

Spellate carota, aglio e cipolla e dividete quest’ultima a metà, sciacquateli con il sedano e mettete tutti gli ortaggi nella pentola con alloro, ginepro, grani di pepe e un pizzico di sale. Coprite con abbondante acqua fredda e portate a ebollizione.

Immergete il polpo nell’acqua bollente e cuocetelo per circa 1 ora e 15 minuti. Verificate se la polpa è cotta ma soda, infilzandola con la forchetta, lasciatelo intiepidire nell’acqua di cottura, poi sgocciolatelo.

Tagliate la parte superiore di una bottiglia di plastica con le forbici e introducete il polpo. Bucate il fondo della bottiglia, sempre aiutandovi con le forbici, per far defluire il liquido. Infine, pressate bene il polpo, spingendolo verso il basso con il batticarne. Chiudete con un foglio di pellicola e mettete a riposare per almeno 24 ore nella parte più fredda del frigorifero.

Togliete la bottiglia dal frigorifero, tagliatela ed eliminatela, ricavate il rotolo di polpo ottenuto e affettatelo finemente. Mettete in un vasetto con il tappo a vite 5 cucchiai d’olio, 2 di succo di limone, sale e pepe, chiudete e scuotete con energia, irrorate le fettine di carpaccio di polpo con la citronnette, spolverizzate con il prezzemolo tritato e servite.

(immagine:finistonassiette.blogspot.com)