In occasione dell’8 marzo, Giornata internazionale dei diritti della donna, HAPO-Hellenic Aquaculture Producers Organization coglie l’occasione per raccontare l’importanza dell’occupazione femminile in un settore in continua espansione e diversificazione come quello dell’acquacoltura greca. Una grande opportunità per un settore in espansione, che valorizza la presenza femminile e vuole dare impulso alla fondamentale presenza delle donne negli allevamenti ittici greci. 

L’allevamento ittico in Grecia è una grande opportunità tutta al femminile

Hapo, il principale ente promotore dell’acquacoltura greca, che rappresenta l’80% della produzione sul territorio nazionale con 22 membri associati, e creatore del marchio collettivo Fish from Greece, sottolinea come il settore dell’acquacoltura, dalla produzione al progetto d’impresa, sia composto da una molteplicità di aree di competenza e attività, oltre all’allevamento marino, in cui le donne possono trovare numerose ed eccellenti opportunità di prospettive lavorative e di carriera.

Dal mare il cibo del futuro

Nei i numerosi ambiti di impiego spiccano quelli legati a ricerca e sviluppo, fondamentale per le aziende che vogliono evolversi ed esplorare nuove prospettive; poi l’altro del controllo qualità e ambiente, per assicurare un prodotto eccellente e fresco e stimarne l’impatto ambientale; infine, quello del marketing e comunicazione, in cui è necessaria la capacità di muoversi in ambito internazionale. Ulteriori importanti opportunità d’impiego si trovano nelle aree di confezionamento, contabilità e finanze, tecnologia alimentare, veterinaria e in tante altre specialità. Tutte grandi opportunità per le donne. 

Tra le numerose voci femminili che animano l’universo Hapo e che contribuiscono ogni giorno a rendere l’associazione una realtà più inclusiva, accogliente e unica, c’è Ismini Bogdanou, direttore della comunicazione e delle relazioni pubbliche di Hapo: “Lavorare nel settore dell’acquacoltura – afferma – richiede una grande specializzazione e un solido background scientifico, sono molti i campi in cui le donne possono sviluppare la propria carriera nel tempo e con successo. È un’industria in forte crescita, innovativa e con una posizione di leadership sui mercati internazionali con l’esportazione, la presenza in forum e comitati internazionali, azioni di responsabilità sociale, ambientale e così via”. 

Grandi opportunità per tutte

L’allevamento ittico è uno dei settori più dinamici e in crescita dell’economia greca e offre oggi 12mila posti di lavoro diretti e indiretti in undici delle tredici regioni della Grecia, anche in quelle insulari e più remote. L’acquacoltura è una parte integrante delle comunità locali di ciascuna regione e Hapo supporta attivamente il tessuto sociale circostante, osservando i più alti standard qualitativi e impegnandosi quotidianamente a portare prodotti freschi e di alta qualità sulle tavole dei consumatori, con una produzione etica e sostenibile, operando nel pieno rispetto di tutte le più severe normative europee e dei suoi Stati membri per la tutela dell’ambiente e per il benessere degli animali. 

Salvaguardare salute e ambiente

Il marchio collettivo Fish from Greece rappresenta l’unicità dell’identità greca di tutto il pesce fresco allevato responsabilmente con mangimi certificati e privi di OGM e con metodi trasparenti, cura, know-how e competenza dai membri della Hellenic Aquaculture Producers Organization presso gli allevamenti ittici situati nell’incontaminato e trasparente mare greco, in conformità alle normative europee. L’offerta di pesce fresco greco Fish from Greece comprende cinque prodotti di eccellenza: l’orata, il branzino, l’ombrina boccadoro, il pagro maggiore e la ricciola, che portano con sé tutto il sapore, il gusto, la freschezza, le proprietà nutritive e la qualità eccellente del pesce d’acquacoltura greca, allevato con cura da professionisti esperti nei cristallini mari della Grecia, ecosistema ideale per l’allevamento di pesce sano e fresco.

Potrebbe interessarti anche: Sapore di mare dalla Grecia

Foto Ufficio Stampa