Doppia esposizione…

mostra fotografica

Inaugura oggi presso Banca Generali a Milano la mostra fotografica di Gabriele Lopez e Vittore Buzzi

 

«Gabriele Lopez presenterà una piccola selezione di fotografie prese senza una conversazione precisa in mente, lungo gli anni, ma che con il tempo fa parte di un ampia collezione di fotografie che rappresentano l’unico progetto a cui in fondo tenga veramente, e che rappresenta la vita stessa…»

Vittore Buzzi presenterà “La ruta della Basura”: un progetto sviluppatosi negli anni nelle discariche di Città del Messico.

Una doppia esposizione alla scoperta del lavoro di questi due artisti, attivi sul territorio milanese come fotografi e come docenti di corsi di fotografia.

19 giugno-31 luglio 2014, ore 18.30
Banca Generali, Via San Paolo 7, Milano, 6° piano
Dal 20 la mostra sarà visitabile da lunedì a venerdì dalle 9,30 alle 13 e dalle 14,30 alle 18.

 

Metti i fiori in tavola

fiori

Fino al 22 giugno, menù floreali in taverna e corsi di cucina con i fiori a Spello, in Umbria

In occasione de Le Infiorate di Spello 2014, lo chef campione del mondo 1998 Roberto Sebastianelli riapre la Taverna degli Infioratori. Menù a base di fiori e corsi di cucina particolari verranno proposti ai visitatori del borgo umbro che parteciperanno attivamente alle fasi più caratteristiche della suggestiva preparazione della Notte dei fiori, la composizione dei tappeti e dei quadri floreali più conosciuti e apprezzati in Italia e nel mondo.

E poi tanti eventi collaterali animeranno il weekend: cake design floreale, concorsi di fotografia, mostre di ricamo floreale, il concorso “Finestre, balconi e vicoli fioriti”, un trenino turistico per grandi e bambini, musica dal vivo, visite guidate notturne, fino alla processione della mattina di domenica 22.

Per tutte le info: info@infioratespello.it, tel. 0742 301146 o il sito dedicato.

 

Da vicino nessuno è normale: la follia del teatro

11 giugno-11 luglio: un mese di teatro a Milano, fuori dagli schemi

da vicino nessuno è normaleSi è aperto ieri, 11 giugno, a Milano, uno dei festival estivi più interessanti nel panorama teatrale del nord Italia: Da vicino nessuno è normale, che si svolge all’ex Ospedale Psichiatrico Paolo Pini e dura fino all’11 luglio.

Chiuso nel 1999, l’ex Paolo Pini rappresenta una risorsa territoriale notevole: 300.000 mq che ospitano progetti educativi, aggregativi, riabilitativi ecc.
In questo contesto il teatro ha trovato un suo spazio importante, attraverso l’Associazione Olinda e TeatroLaCucina.

Il TeatroLaCucina (che occupa appunto gli spazi una volta adibiti a cucina del manicomio) ospita come teatro di residenza artisti, attori, musicisti che durante l’inverno studiano, mangiano, lavorano, vivono insieme ed esplorano un’idea di teatro diversa in uno spazio sperimentale molto lontano dall’idea di spazio teatrale tradizionale.

Quest’anno sono cinque gli spettacoli di residenza ospitati al festival.

Particolarità di Da vicino nessuno è normale è il luogo stesso, quello che lo rende diverso da tutti gli altri festival teatrali. Quasi tutti gli spettacoli vengono messi in scena al TeatroLaCucina, dove una volta schiere di cuochi preparavano i pasti per i malati mente, mentre ora schiere di artisti preparano storie perché le menti degli spettatori volino in altri luoghi e in altri tempi.

Nomi noti e meno noti si alternano su questo palco particolare: da Mario Perrotta a Cuocolo/Bosetti, da Chiara Guidi a Peppe Servillo.

Anche il cinema trova spazio con Milano in 48 ore-Instant Movie Festival, organizzato da Associazione Olinda e Associazione I 400 colpi: un contest aperto a tutti per raccontare Milano in 48 ore attraverso i generi del documentario o dell’animazione o della fiction.

Il programma e tutte le info sul sito dedicato.

 

WorkCoffee, ovvero lavorare stando al bar

Inaugura oggi, 12 giugno, a Milano, il primo bar in cui si trova lavoro…e non come baristi

workcoffee

L’idea è quella di un bar in cui idee, contatti e progetti si mescolino come lo zucchero nel caffè. Inaugura oggi WorkCoffee che si trova nella Galleria di via dell’Unione 4, nel pieno centro di Milano.

È un normale bar, dove ordinare un cappuccino, o un caffè decerato (ovvero torrefatto eliminando le cere e quindi più digeribile e leggero), una birra o un bicchiere di vino (rigorosamente artigianali), con rete wi-fi e riviste e giornali work oriented, ma dove si può anche imparare a compilare un cv o a prepararsi a un colloquio, partecipare ad aperitivi in lingua (spagnolo, francese, inglese, tedesco) o incontrare aziende.

Inoltre c’è una bacheca con le offerte di lavoro a cui si può attaccare la propria candidatura. Il tutto in forma anonima: saranno poi gli operatori a inserire i dati nel database e mettere in contatto gli utenti con le aziende a loro più consone. All’origine di WorkCoffee, infatti, c’è un network di società che operano nel settore delle politiche del lavoro, tra cui enti di formazione.

I prezzi? Quelli di un normalissimo bar milanese. Ma gli incontri, le consulenze ecc. sono rigorosamente gratuiti.

Festival della Letteratura 2014

festival della letteratura

Dal 6 all’8 giugno si svolge a Milano il Festival della Letteratura

È giunto alla sua terza edizione il Festival della Letteratura, che trasforma Milano in una grande libreria. Oltre ai circa 140 eventi, numero in costante aumento, quest’anno ci sono delle novità: il Salone della Piccola Editoria, innanzitutto, uno spazio interamente dedicato all’editoria di basso profilo, lontana dai canali ufficiali e dai grandi sponsor.

Letteratura, filosofia, fotografia, musica e tanto altro animerà questa edizione del festival che si svolgerà dal 6 all’8 giugno in tutta la città con un vastissimo e articolato programma che si trova ampiamente dettagliato sul sito dedicato all’evento.

I temi toccati sono tanti, a volte scomodi – razzismo, disabilità, integrazione, politica, amore, lingua… – nell’ottica che la letteratura debba svolgere il ruolo che le attribuiva Calvino: «La letteratura vive solo se si pone degli obiettivi smisurati, al di là di ogni possibile realizzazione».