Fattoush (insalata libanese di pane e verdure)

Fattoush-(insalata-libanese)-ricetta-parliamo-di-cucina

Il fattoush è una ricetta il cui nome in arabo letteralmente significa “pane inumidito”. E’ un’insalata tipica di origine libanese che è però presente sulle tavole di tutto il Medioriente, dalla Siria alla Giordania, all’Egitto. Uno dei tanti modi che in tutto il mondo la fantasia gastronomica ha trovato per riciclare il pane raffermo e che molto ricorda la nostrana panzanella.

Il fattoush si prepara con pezzetti di pane arabo fritto o tostato in forno e un misto di verdure fresche, secondo la stagione. In inverno si aggiungono anche chicchi di melagrana. Molto gustoso e saporito, il fattoush ricorda la panzanella italiana ed è ottimo anche per riciclare pane avanzato, anche di altri tipi: in questo caso, riducetelo a dadini, poi procedete come indicato.

Per 4 persone

2 pani arabi piatti

2 cetrioli

1 cipollotto rosso

4 ravanelli

1 peperone verde

2 cuori di lattuga romana

2 pomodori maturi

1/2 spicchio d’aglio (oppure intero se preferite un gusto più deciso)

1 limone

1 ciuffo di prezzemolo

1 ciuffo di menta

olio extravergine di oliva

sale e pepe

Spellate il cipollotto e affettatelo sottilmente; immergete le fettine in una ciotola d’acqua fredda, unite un pizzico di sale grosso e lasciatele riposare. Tagliate a listarelle la lattuga romana. Dividete a metà il peperone, nel senso della lunghezza, eliminate il picciolo e i semi e tagliatelo a dadini. Riducete a dadini anche i pomodori, privandoli dei semi.

Pulite i ravanelli e tagliateli a spicchietti. Spuntate i cetrioli e sbucciateli. Divideteli a metà, nel senso della lunghezza, eliminate i semi con un cucchiaino, quindi tagliateli a dadini. Tritate grossolanamente il prezzemolo e la menta; spellate lo spicchio d’aglio e tritatelo finemente.

Riducete i pani arabi a quadrettini di 1-2 cm di lato, disponeteli in un unico strato su una placca foderata con un foglio di carta da forno e spennellateli con un velo d’olio. Tostateli in forno già caldo a 200 °C per circa 2-3 minuti.

Versate in un barattolo con il tappo a vite il succo del limone e un pizzico di sale. Chiudete con il coperchio e scuotete energicamente, finché il sale sarà sciolto. Aggiungete 5 cucchiai d’olio e un’abbondate macinata di pepe e scuotete di nuovo, fino a ottenere una salsina ben emulsionata.

Scolate la cipolla e asciugatela con carta da cucina. Raccogliete tutte le verdure in una ciotola ampia e mescolate bene. Spolverizzate con il prezzemolo, la menta e l’aglio tritati. Condite il fattoush con la salsa preparata, completate con i pezzetti di pane tostato, mescolate e servite.

(immagine:rx4foodies.wordpress.com)

Taboulé alla libanese

Taboulé-alla-libanese-parliamo-di-cucina

Il taboulé alla libanese è una ricetta tipica della cucina mediorientale, molto diffusa in Siria, Libano e Israele, ma ormai nota in tutto il mondo.

 

Il taboulé si prepara con il burghul, frumento germogliato che subisce una particolare lavorazione: i chicchi vengono cotti al vapore, seccati e poi macinati per ridurli in piccoli pezzetti. Si trova nei negozi di cibi etnici e nei supermercati più forniti; in alternativa al burghul, potete utilizzare 250 g di cous cous precotto. Servite il taboulé alla libanese a temperatura ambiente o, se fa molto caldo, anche freddo, come primo o piatto unico accompagnato da spiedini di carne o pesce alla griglia o formaggio tipo feta.

 

Per 4 persone

250 g di burghul

250 g di prezzemolo

1 kg di pomodori ramati

1 ciuffo di foglie di menta

1 cipolla rossa o bianca

1 limone

1 pizzico di cumino in polvere

1 pizzico di peperoncino

olio extravergine di oliva

sale

 

1. Portate a ebollizione abbondante acqua in una pentola, immergete i pomodori per qualche istante, poi sgocciolateli e raffreddateli sotto acqua fredda corrente. Spellateli, divideteli a metà ed eliminate i semi. Tagliate la polpa a dadini piccoli e trasferiteli in una ciotola.

2. Mettete il burghul in un colino a fori piccoli e sciacquatelo sotto acqua fredda corrente. Trasferitelo in una casseruola, aggiungete 6 dl di acqua e 1 pizzico di sale, portate a ebollizione e cuocete a fuoco basso, coperto, finché l’acqua sarà stata tutta assorbita. Trasferite il burghul in una ciotola, irroratelo con un filo d’olio, mescolate e lasciatelo raffreddare completamente.

3. Spellate la cipolla, tagliatela a fettine sottili poi tritatela insieme con le foglie di menta e di prezzemolo, tenendo da parte qualche foglia per decorare. Aggiungete i dadini di pomodoro, il mix di erbe e cipolla nella ciotola con il burghul, spolverizzate con un pizzico di peperoncino e di cumino, irrorate con il succo del limone e ancora con un filo d’olio, mescolate e regolate di sale. Coprite con una pellicola e disponete la ciotola in frigorifero per almeno un’ora. Servite il taboulé alla libanese decorando con le foglie intere tenute da parte.

 

(immagine:maureenabood.com)