Milano Golosa: un appuntamento da non perdere

milano-golosa

Torna Milano Golosa. Dal 15 al 17 ottobre appuntamento con più di 200 produttori di cibo di alta qualità al Palazzo del Ghiaccio. Degustazioni, showcooking, incontri e tante delizie da scoprire

 

In scena dal 15 al 17 ottobre, la quinta edizione di Milano Golosa si dipana intorno al concetto di purezza in cucina, attraverso una grande attenzione alle materie prime. Raccoglie selezionati produttori artigiani che presentano le proprie creazioni frutto di lavoro, passione e tradizione.

Tanti i prodotti caseari presenti, tra cui alcune chicche come il Frant friulano, il Raviggiolo e il Castelmagno d’Alpeggio. Tra i salumi spiccano il salame d’oca, la galantina di pollo, la porchetta di suino nero lucano e la testa in cassetta ligure. Non mancano anche rari e insoliti prodotti ittici e, tra i tanti espositori di dolci, il panettone è ampiamente rappresentato in vista del Natale ormai prossimo.

Oltre alla degustazione e vendita dei prodotti artigianali degli oltre 200 produttori presenti, Milano Golosa propone una serie di approfondimenti tematici, dibattiti, incontri e masterclass su diversi temi e alimenti, tra cui il cacao, i prodotti senza glutine e i vini. Per un piacevole viaggio tra gusto e cultura.

Davide Paolini, ideatore di Milano Golosa e noto come “Il Gastronauta” presenterà in questa occasione il suo ultimo libro “Il crepuscolo degli chef. Gli italiani e il cibo tra bolla mediatica e crisi dei consumi” e conferirà il Premio Kia a 13 Botteghe Golose d’Eccellenza che si sono distinte nella proposta di ricercate squisitezze.

Il programma completo di Milano Golosa e del Fuori Milano Golosa, che prevede numerosi eventi in diversi locali distribuiti nella città, è consultabile sul sito.

Milano Golosa
Dal 15 al 17 ottobre – Palazzo del Ghiaccio, via Piranesi – Milano
Ingresso: 10 euro (bambini 6-12 anni gratuito)

E’ (già) tempo di Panettone Day

panettone-day

Al Temporary Store di Corso Garibaldi 42, per tutto il mese di ottobre si potranno assaggiare i panettoni dei 25 finalisti del contest Panettone Day, il concorso che a Sweety of Milano ha premiato i migliori risultati, fra tradizione e innovazione. Perché non c’è Natale senza il panettone

 

Fino al 31 ottobre gli amanti del panettone hanno una ghiotta occasione: la possibilità di scegliere il loro dolce preferito spaziando tra diversi ingredienti e molteplici interpretazioni di alta pasticceria del dolce natalizio per eccellenza. Il temporary store ospiterà le 25 ricette dei partecipanti e finalisti di Panettone Day 2016, il concorso che a Sweety of Milano il 17 settembre scorso ha premiato, nella suggestiva cornice del Palazzo delle Stelline, il miglior Panettone Tradizionale e il più interessante Panettone Creativo Dolce, scelti da un’autorevole giuria composta dal maestro Iginio Massari, presidente, insieme a Gino Fabbri, Salvatore De Riso e Chiara Maci.

L’assortimento 2016 del temporary store di Panettone Day proporrà tanti ingredienti insoliti che spaziano dal cioccolato al pistacchio, dal marron glacé ai frutti di bosco fino ad arrivare al classico della tradizione milanese con uvette e canditi, offrendo agli appassionati del più noto dei dolci natalizi la possibilità di scegliere la versione realizzata con gli ingredienti preferiti.

Dal 5 al 31 ottobre i panettoni artigianali del pasticcere Giuseppe Zippo, primo classificato della categoria Panettone Tradizionale, e quello del pasticcere Giovanni Bertolini, vincitore della categoria Panettone Creativo Dolce, saranno affiancati da quelli degli altri premiati Luigi Gotti, Elio Mattiauda, Giuseppe Bonadei e Claudio Rancan e dalle produzioni degli altri 19 classificati. In vendita al prezzo promozionale di 10 euro, in formato 500 g.

Ecco le date degli eventi Panettone Day, i golosi e dolcissimi appuntamenti che si terranno presso il Temporary Store Panettone Day per valorizzare la versatilità del lievitato più famoso del mondo:

13 ottobre – Pigiama Party: il panettone è il dolce ideale per una colazione morbida e gustosa. Caffè, latte, tè e cappuccino saranno coprotagonisti al pigiama party di giovedì 13 ottobre. Tutti invitati in pigiama e pantofole per vivere una serata rilassante e comoda in compagnia di FiveToNine.

20 ottobre – Il Panettone – dolce tipico della tradizione Milanese – si apre al mondo con una serata da mille e una notte: frutta secca e candita, datteri, lokum e l’immancabile Chai di Damman Frères, preparato in un prezioso samovar degno di Shahrazade. Da non perdere.

27 ottobre – Chiusura in bellezza con Street-Panettone: il panettone diventa street food con il collaudato abbinamento con Birra Milano e creme “squeeze” La Perla di Torino. Il classico hot-dog americano è rivisto e corretto in chiave sweet-italica con abbinamenti panettone e crema per tutti i gusti.

Manuelina: Fugassa & Drink

Manuelina

Da Manuelina la classica specialità della Riviera ligure si può gustare anche a Milano per l’aperitivo e non solo

 

La mitica focaccia al formaggio di Recco della Manuelina è arrivata, da circa un anno, anche a Milano in pieno centro città, in via S. Radegonda al 10 (Annex La Rinascente).

Manuelina sforna giornalmente svariate teglie di autentica focaccia al formaggio, pizzata, focacce varie e tante altre deliziose torte salate racchiuse nella sottile sfoglia della fugassa che solo a Recco (e ora anche a Milano) sanno tirare così fine.

Forte dei numerosi consensi ottenuti, Manuelina propone ora anche a Milano “Fugassa & Drinks”, l’aperitivo ligure proprio come viene preparato e gustato nel luogo di origine, con pochi fronzoli e tanta qualità secondo lo stile verace dei liguri, “quella gente che c’è lì, selvatica”, come diceva Paolo Conte.

Dalle 18 in poi, ogni giorno,  si può scegliere fra focaccia al formaggio, pizzata, focacce lievitate con le olive, il pomodoro e a tutti gli altri gusti da assaporare con un bicchiere di vino o un cocktail e un po’ di musica. E tutti i giovedì le serate verrano accompagnate da uno special dj set. Una vera delizia.

Mancano solo il mare e la brezza di Liguria. Ma chiudendo gli occhi, mentre il boccone di fugassa al formaggio si scioglie in bocca, si può immaginare un bel tramonto sulla spiaggia e pensare che le vacanze non sono poi così lontane…
https://www.facebook.com/focacceriamanuelinamilano/

Gli alimenti del benessere

Prodigi della Terra Goji Xing Dal bacca bio

La forza della natura nei “Prodigi della Terra”: arrivano da lontano e sono alimenti che aiutano il nostro corpo a ritrovare benessere ed equilibrio

“Quello che diamo ai nostri figli, lo possiamo vendere sul mercato”. In queste poche e semplici parole dell’amministratore unico David Giarrizzo è racchiuso il concept della Sitar, azienda padovana che esplora il mondo alla ricerca di prodotti e alimenti che diventano preziosi medicamenti per il corpo e lo spirito.

Nata da esigenze personali per trovare rimedi ad intolleranze dei propri famigliari, i soci della Sitar hanno scoperto un mondo di prodotti che nel tempo hanno studiato, selezionato, trattato con il massimo rispetto direttamente nei luoghi di produzione, raccolto e selezionato con cura e infine importato in Italia.

Come il goji-xing-dal biologico, bacca originaria della Mongolia interna con straordinarie proprietà antiossidanti e antigas: 20 g di bacche coprono il fabbisogno giornaliero di antiossidanti. Dalla Colombia giunge una novità, la piatta gialla, una forma di cactus ricca di fibre a bassissimo contenuto di sale, molto gustosa e ottimo stimolante naturale per l’intestino, oltre che naturalmente ricca di fosforo.

Tra le novità dei Prodigi della Terra, c’è una linea tutta a base di melagrana, frutto coltivato nella Turchia del sud e ricco in vitamina C, ferro e potassio. La linea melagrana propone gli arilli (semi disidratati), la salsa (cremoso condimento senza zuccheri aggiunti), il puro succo (50 melagrane in una sola bottiglia) e il Polifenox Bio (integratore alimentare con proprietà antiossidanti).

Il comune denominatore di questi e tutti gli altri prodotti “Prodigi della Terra” è il rigoroso disciplinare applicato che assicura un processo di coltivazione, raccolta, controllo e confezionamento di alta qualità. A ulteriore tutela del consumatore e a riprova dell’approccio scientifico di Sitar, i prodotti “Prodigi della Terra” sono venduti esclusivamente nelle farmacie e parafarmacie, con la figura del farmacista elevata a perno fondamentale per divulgare l’equazione: alimentazione = benessere.

 

Grandi pasticcieri a convegno

italianpastry-700x700

Nella splendida cornice dell’Hotel Regina Palace di Stresa,
si apre il 24 maggio World Pastry Stars 2015, il Congresso internazionale di pasticceria, per gli imprenditori che già operano nel settore ma anche per i semplici appassionati

Il congresso, giunto alla seconda edizione, chiama a raccolta dieci tra i migliori pasticceri al mondo che racconteranno, senza showcooking ma sotto forma di narrazione e dialogo, il loro percorso imprenditoriale. Si parlerà di gestione, produzione, marketing, packaging e sviluppo dell’impresa pasticceria attraverso dieci Lectio Magistralis sulle quali il pubblico potrà confrontarsi perché, come dice Gino Fabbri, presidente di AMPI (Accademia maestri pasticceri italiani): “Il confronto fra professionisti serve per aumentare le proprie competenze”.

Il dichiarato obiettivo di World Pastry Stars, organizzato da Italian Gourmet, casa editrice specializzata in enogastronomia, e gestito dal direttore Carla Icardi e Iginio Massari, presidente onorario AMPI, è proprio quello di fornire ai professionisti del settore uno strumento di lavoro che li accompagni a disegnare il futuro della grande pasticceria, che anche in Italia sta cambiando e da produzione artigianale inizia a muoversi in un’ottica sempre più internazionale.

Tra gli italiani presenti, Santi Palazzolo, grande esempio del primo export del made in Italy, con la sua pasticceria siciliana esportata in tutto il mondo e Luca Montersino, uno dei pasticceri italiani più conosciuti con il suo progetto “Golosi di salute”.

La rappresentanza di maestri pasticceri internazionali è ampia e spazia dal giapponese Norihiko Terai, maestro nel coniugare gusto orientale e raffinatezza francese e che porterà la sua visione della pasticceria da forno di alta gamma, al belga Jeff Oberweiss con la sua boulangerie d’élite; dalla cioccolateria spaziale di Jean-Philippe Darcis a Pierre Hermé, patron del packaging di lusso, i cui prodotti sono stati paragonati a pezzi unici di haute couture.
Informazioni e iscrizioni: www.worldpastrystars.com