Il pomodoro scende in piazza

Pomodoro-Fondazione-Umberto-Veronesi-parliamo-di-cucina

Il pomodoro corre in aiuto della ricerca contro il cancro. Perché una buona alimentazione è la prima regola per stare bene

 

Il pomodoro aiuta a combattere i tumori infantili. Come? Grazie alla Fondazione Umberto Veronesi, il prossimo 10 e 11 marzo migliaia di volontari saranno nelle piazze di tutta Italia a vendere i pomodori della salute, in collaborazione con Anicav (Associazione nazionale industriali conserve alimentari vegetali) e Ricrea (Consorzio nazionale riciclo e recupero imballaggi acciaio), per poter finanziare la ricerca sui tumori che colpiscono la popolazione infantile e poter così aumentare l’aspettativa di guarigione dei più piccoli. Tre le lattine che saranno distribuite a fronte di una piccola offerta simbolica di 10 euro: pelati, pomodorini e polpa, oltre a una piccola confezione di semi con i consigli per far crescere le piantine. Il pomodoro, si sa, è ricco di polifenoli, che sono potenti antiossidanti, e di carotenoidi, tra cui il licopene, ritenuto fondamentale nel potenziamento del sistema immunitario. E siccome questa sostanza si assume meglio quando il pomodoro è cotto, ecco la ricetta dello Spaghetto integrale al pomodoro dello chef Gennaro Esposito. Uno che di pomodori se ne intende!

Ingredienti per 4 persone: 500 g di pomodorini, 320 g di spaghetti integrali, 40 g di olio extravergine di oliva, uno spicchio d’aglio, foglie di basilico, sale.

Procedimento: fate appassire uno spicchio di aglio in una padella con un filo d’olio. Aggiungete i pomodorini tagliati a metà e fate cuocere a fiamma vivace per 5 minuti, mescolando. Regolate di sale e unite le foglie di basilico. Intanto, cuocete gli spaghetti in una pentola con abbondante acqua bollente salata. Scolateli al dente, versateli nella padella con il sugo e fateli insaporire a fiamma viva, mescolando per alcuni istanti. Servite con ancora un filo d’olio.

La cucina della nonna fa tendenza a Natale

la cucina della nonna parliamo di cucina

Sotto l’albero vincono i sapori caratteristici e tipici della cucina italiana. Accantonate specialità esotiche consumate durante il resto dell’anno, tornano protagoniste le ricette tradizionali e la cucina della nonna, rivisitate in chiave 4.0

 

Che Natale sarebbe senza la cucina della nonna? Addio sushi e sashimi, battuti da cappelletti e cappone, vincono le tanto amate ricette di famiglia: per un millennial su due, fa Natale la pasta fatta in casa della nonna o il suo mitico arrosto. È la sua cucina la star incontrastata del menu delle feste, tanto da essere considerato il momento più atteso. E la nonna è l’unica vera cuoca riconosciuta da parte di tutta la famiglia, capace di accontentare tutte le richieste, grazie a un ricettario personale che farebbe invidia a uno chef stellato. Opinione condivisa anche dai masterchef, secondo cui è proprio la cucina della nonna a essere ispirazione per una tendenza che vede al centro la tradizione, rivisitata in chiave contemporanea e innovativa, per esempio, attraverso la sostituzione con l’olio dei condimenti più calorici, oppure l’aggiunta di spezie con cui rendere i piatti più saporiti e insoliti.

È quanto emerge da uno studio condotto dallo Story Cooking di Casa Coricelli, l’osservatorio sulle tendenze nel mondo dell’olio e della cucina dell’omonima azienda umbra, condotto mediante la metodologia Woa (web opinion analysis) su circa 1.500 persone di età compresa tra i 16 e i 30 anni e su un panel di 50 masterchef, attraverso un monitoraggio online sui principali social network, blog, forum e community dedicate, per sondare l’ultima tendenza del Natale in cucina.

«Sono cresciuta in una famiglia in cui era normale trascorrere il Natale tutti insieme», commenta Chiara Coricelli, membro del Cda e terza generazione alla guida dell’azienda olearia Pietro Coricelli. «E i nonni hanno sempre avuto un ruolo centrale. Penso ai momenti di condivisione soprattutto con i più piccoli, e soprattutto alla cucina di cui loro sono il simbolo. I loro insegnamenti, anche dal punto di vista culinario, sono per me fonte di orgoglio e di grandi ispirazione. Le ricette che mi hanno tramandato fanno parte della mia storia e indubbiamente l’olio è tra gli elementi della loro cucina che più mi fanno sentire a casa».

Secondo i masterchef il menu di Natale trae ispirazione dal ricettario della cucina della nonna: pasta fatta in casa abbinata a consistenze diverse, secondi di carne, ma riletti in chiave agrodolce e dolci della tradizione rivisitati in maniera creativa. Cosa non può mancare nel menu di Natale? Secondo gli esperti chef, spiccano i primi piatti a base di pasta fatta in casa, come i ravioli e le tagliatelle, conditi con sughi a base di cacciagione o di pesce; a seguire secondi di carne cotti al forno o pesce in umido o alla brace che, soprattutto al Sud, sono piatti immancabili. Per finire, non possono essere dimenticati i dolci tradizionali a base di creme, frutta secca o miele. A scendere sono invece tutti quei piatti considerati esotici, come la cucina giapponese. Sushi e sashimi battuti da cappone e cappelletti per un menu che il 25 dicembre deve essere rigorosamente all’insegna dei sapori del territorio, ma ripensati in chiave 4.0.

Secondo i masterchef italiani è importante sperimentare nel segno dell’innovazione: per esempio attraverso la sostituzione con l’olio di condimenti più pesanti, oppure l’aggiunta di spezie e aromi, oppure l’introduzione di nuove cotture, come quella al vapore o sotto vuoto. Ecco il parere di Federico Comi, giovane chef de L’Osteria Brunello a Milano: «Sono cresciuto in un ambiente dove le tradizioni sono talmente importanti – spiega – che vengono tramandate di generazione in generazione. Gli elementi innovatori che più mi rappresentano riguardano le tipologie di cottura, con meno grassi di origine animale, più rapide e senza la perdita di principi nutritivi. Il mio menu sotto l’albero? Sicuramente sarebbe difficile rinunciare per me alla sapidità del brodo di cappone dei ravioli, alla gustosità dell’insalata russa e alla morbidezza del panettone. Comincerei da un antipasto con terrina di coniglio, tartare di frutta secca e candita e vellutata di lenticchie aromatizzata all’arancio. Per il primo, penso a cappelletti di faraona con mousse di patata dolce, brodo di scorza di parmigiano reggiano, seguito da lombata di cervo in crosta, cavolo rosso marinato e spuma di polenta bianca al ginepro. Il dessert? L’immancabile panettone rivisitato in chiave di tiramisù, preparato con mousse al mascarpone e arancia, crumble di biscotto e spuma di panettone al Marsala».

 

 

Lessmore: design sostenibile

lessmore-4-parliamo-di-cucina

Dal 4 all’11 maggio Lessmore partecipa a Milano Food City e TuttoFood con i suoi arredi ecosostenibili. Tavoli, tavolini, sedie e sistemi modulari che sono espressione di una filosofia davvero rispettosa dell’ambiente.

 

L’idea di sostenibilità è una delle più difficili da comunicare al grande pubblico. Eppure è uno dei concetti fondamentali per lo sviluppo del futuro, dove tutto dovrà essere progettato e costruito con materiali che siano totalmente riciclabili e riutilizzabili.

lessmore-3-parliamo-di-cucina
E’ il caso di Lessmore, una linea di prodotti d’arredo concepiti secondo criteri sostenibili e creata in modo autonomo da Giorgio Caporaso, attraverso un paziente e coraggioso lavoro di elaborazione continua che lo ha portato nel 2007 a realizzare i primi prodotti della Ecodesign Collection ed è poi sfociata in un brand capace di identificarsi con i principi del design sostenibile di ultima generazione.

Non a caso i principi su cui si basa la Ecodesign Collection di Lessmore sono componibilità, personalizzazione e trasformabilità, con diverse finiture sostituibili nel tempo che rallentano la dismissione dovuta all’invecchiamento dettato dal trascorrere delle mode. Poi riparabilità, separazione e disassemblabilità, una tecnica che permette ai prodotti di andare allo smaltimento differenziato, e infine  riciclabilità, per cui i materiali di scarto diventano risorsa nel nuovo ciclo produttivo.

Durante gli otto giorni che Milano dedica al food con tantissime iniziative di Milano Food City, TuttoFood, Week & Food, Lessmore sarà partner di importanti realtà del settore come Altoga, Fipe e Carlsberg.

Lessmore-2-parliamo-di-cucina

Altoga allestirà nella bellissima cornice di Palazzo Bovara in corso Venezia un cluster dedicato al caffè e alle spezie e per il percorso sensoriale ha scelto gli arredi della Ecodesign Collection di Lessmore, semplici, eleganti e funzionali, non senza una nota di ricercatezza. Saranno firmati Lessmore anche gli spazi di Fipe-Federazione italiana pubblici esercizi a TuttoFood Fiera Milano, dall’8 all’11 maggio, presso la hall dei padiglioni 2 e 4, in uno spazio che anche negli allestimenti vuole sottolineare l’importanza della sostenibilità nella ristorazione contro lo spreco alimentare, per trasmettere una coscienza e una cultura sempre più green, a casa come al ristorante.Lessmore1-parliamo-di-cucina

Lessmore è un brand emergente del settore arredo e l’attuale produzione si è distinta all’edizione 2013 del Premio Sviluppo Sostenibile come una delle dieci migliori realtà imprenditoriali italiane operanti nel campo dell’ecodesign. Lessmore è diventato oggi una realtà sempre più solida e in continua crescita, con l’obiettivo di continuare a migliorare la qualità realizzativa dei prodotti – sempre più apprezzati per il loro design – e a migliorare l’interpretazione delle esigenze reali attraverso il confronto tra aspetti progettuali e produttivi.

Giorgio Caporaso, architetto e designer italiano conosciuto a livello internazionale per il suo percorso originale, fin dagli esordi ha affrontato i temi dell’architettura e della sostenibililità, intraprendendo parallelamente un autonomo percorso di ricerca nel campo del design e dell’ecodesign, per cui ha ricevuto molti prestigiosi riconoscimenti.

 

Settesoli splende su Selinunte

selinunte-settesoli-parliamo-di-cucina

Settesoli, la più grande cooperativa di vino siciliana, è impegnata in un progetto che contribuisce alla valorizzazione del Parco di Selinunte, la più estesa area archeologica d’Europa

 

Selinunte era una città della Magna Grecia situata sulla costa sud-occidentale della Sicilia. Oggi i resti dell’antico insediamento si trovano nel territorio del comune di Castelvetrano, nella parte meridionale della provincia di Trapani e si estendono su un parco archeologico di 310 ettari – il 10 per cento dei quali è fruibile dai visitatori – e costituiscono con le Cave di Cusa uno degli insediamenti più importanti e meglio conservati del mondo greco.

Il progetto che coinvolge il buon vino di Sicilia nasce dalla volontà di salvaguardare il sito archeologico attraverso la raccolta di fondi “Settesoli sostiene Selinunte”, con la quale l’azienda si sta impegnando non solo nel restauro del tempio C, il più importante dell’intero parco per valore storico e architettonico, ma anche nella creazione di un impianto di illuminazione e di un percorso di visita che agevoli l’accesso al sito.

Il patrimonio storico e culturale della Sicilia è solo una delle ragioni che la rendono una delle mete turistiche preferite d’Italia, anche se forse è la meno conosciuta. C’è tutto un mondo ancora da scoprire, portato alla luce da numerose iniziative tra cui la candidatura a Patrimonio dell’Unesco per l’eccezionale insieme di aree archeologiche, riserve naturali, monumenti e musei, compreso il Parco archeologico di Selinunte e Cave di Cusa, racchiuse nella zona occidentale dell’isola.

La ricchezza storica e artistica della Sicilia si aggiunge al sole, al mare e alla calda accoglienza della sua gente, esaltandone il fascino. Senza dimenticare la buona tavola del Sud: riconosciuta in tutto il mondo, la cucina mediterranea è spesso incorniciata da panorami che ne esaltano la bellezza e il valore culturale.

La Sicilia è ancora fortemente caratterizzata dalla tradizione e dalla cultura locale, con le sue realtà agricole ben radicate nel territorio. È in questo contesto che nascono aziende come Settesoli, cooperativa di 2 mila soci che coltivano 28 tipi di uve differenti, su un totale di 6 mila ettari. Una grande famiglia di viticoltori che produce buon vino; buono anche perché, per ogni bottiglia venduta, vengono donati 10 centesimi a Selinunte, contribuendo in questo modo non solo alla valorizzazione del patrimonio storico siciliano ma anche alla salvaguardia della cultura e della tradizione del territorio.

 

 

Gruppo Elior: mangiar bene è salute

gruppo-elior

Quando il pranzo diventa un’occasione di educazione alimentare: gli studi del professor Silvio Garattini, direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri e le ricette dello chef stellato Giancarlo Morelli nei progetti del Gruppo Elior per una sana e gustosa alimentazione

Un incontro moderato dalla blogger e tecnologa alimentare Lisa Casali dal titolo “Incontri di Gusto al Bodio Center, Alimentazione, Benessere e Gusto” è stato organizzato allo Zesteat, un nuovo locale e spazio multifunzionale a Milano, per presentare gli studi di Silvio Garattini e le ricette di Giancarlo Morelli per il Gruppo Elior, leader in Italia nella ristorazione collettiva.

Ogni giorno, il Gruppo Elior serve migliaia di pasti in aziende, ospedali, scuole, caserme e a bordo dei treni ad alta velocità. L’azienda svolge un lavoro di straordinaria importanza per la sana e corretta alimentazione di tantissimi italiani, con il supporto contemporaneo dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri per l’aspetto scientifico e la competenza gastronomica di molti cuochi stellati.

“Ci occupiamo quotidianamente dei pasti di moltissime persone, dall’infanzia alla terza età”, commenta Rosario Ambrosino, amministratore delegato del Gruppo Elior. “È una responsabilità che si deve per forza basare su una grande varietà di cibi diversi, gustosi e salutari, nella scelta di cotture semplici ma appetitose, nell’attenzione alla filiera e alla provenienza, nella riduzione degli sprechi, nella sostenibilità sociale e ambientale”.

Silvio Garattini, ricercatore e direttore dell’Istituto Mario Negri, collabora da molti anni con il Gruppo Elior e ne cura la validazione scientifica delle iniziative sulla nutrizione. Nel 2013 ha collaborato per la supervisione dei menu proposti a Trenitalia per la ristorazione sulle Frecce e dato indicazioni per ridurre il sale aggiunto nei menu. “Il Gruppo cura la pausa pranzo di grandi e piccoli”, ha dichiarato Garattini. “Un ruolo di grande importanza e responsabilità. Per questo è attrezzato e organizzato per offrire pasti sani e bilanciati in accordo con le regole della dieta mediterranea, fornendo ai commensali linee guida che educano a una corretta alimentazione. Oggi stiamo studiando con Elior anche una app per fornire una dieta complementare anche alla sera”.

Da anni con il Gruppo lavora anche lo chef stellato Giancarlo Morelli: tra le ultime attività c’è la collaborazione per il nuovo concept “Elior Plus”, un ristorante aziendale dove ogni giorno sono proposte le ricette firmate dallo chef. “Condivido il progetto dell’azienda, l’attenzione alla persona e la sua coscienza ecosostenibile”, ha dichiarato Morelli. “Una realtà innovativa che concepisce format di ristoranti aziendali che offrono menu vari e gustosi in ambienti piacevoli e rilassanti, senza mai perdere di vista la qualità degli ingredienti e l’importanza degli abbinamenti, con ricette studiate per il benessere dei commensali”.

Il Gruppo Elior è il numero uno in Italia nella ristorazione collettiva. Opera nel settore dell’istruzione, delle aziende e delle forze armate e nell’ambito sociosanitario in ospedali e case di riposo pubbliche e private. Inoltre, il Gruppo è attivo nella ristorazione a bordo delle Frecce di Trenitalia, con la divisione Itinere.

Organizzata per stream, canali specifici di servizio, Elior progetta e mette in atto soluzioni di ristorazione e servizi personalizzati e innovativi. I suoi specialisti affiancano i clienti nella traduzione dei bisogni in servizi, suggerendo nuove soluzioni. Il Gruppo serve oltre 113 milioni di persone all’anno in oltre 2 mila ristoranti e punti vendita in tutta Italia.