Le arance: il colore del benessere

arance-parliamo-di-cucina

Succose e profumatissime, le arance sono tra i frutti più preziosi e vitaminici di stagione. Ottime da consumare come merenda o da gustare come sostituto del dessert a fine pasto. Anche in cucina sono un ingrediente versatile, danno un gusto insolito a salse, vinaigrette e insalate e aromatizzano moltissimi dolci.

 

Numerose le varietà: fra le più comuni le Washington, bionde e dolci, che maturano tra novembre e marzo. Le sanguinelle sono a punto invece a gennaio e hanno polpa di colore rosso intenso scura. Le Navel, dolci e molto succose, sono le più adatte per le spremute. Le arance Tarocco sono tra le varietà più pregiate a polpa giallo arancio screziata di rosa. Le arance siciliane di Ribera sono le uniche che hanno ottenuto il riconoscimento Dop, la denominazione di origine protetta.

Acquistatele mature e sode, con la scorza integra. Conservatele in frigorifero nell’apposito scomparto per la frutta e consumatele fresche, a spicchi, oppure sotto forma di spremuta. Ricordate che le arance sono frutti dalle molteplici proprietà benefiche, ricche di vitamina C e antiossidanti, un vero toccasana contro i malanni dell’inverno: sarebbe consigliabile consumarne almeno una al giorno.

Se dovete utilizzare la scorza dell’arancia, ricordate di sceglierla non trattata. Sciacquatela, grattugiatela con l’apposita grattugia che ricava i filetti. Oppure, ricavate con il pelapatate tante fettine solo della parte aranciata della scorza. Tagliate le scorze ottenute a filetti sottilissimi di circa 3 cm di lunghezza e usateli per decorare insalate, arrosti dolci e macedonie. Se le usate per i dolci, scottate le scorzette, immergendole in acqua bollente per 1 minuto per 3 volte e cambiando ogni volta l’acqua, per togliere retrogusto amaro.

Per pelare l’arancia al vivo e ricavare gli spicchi senza la pellicina, dopo aver eliminato le calotte alle estremità, mantenete l’arancia in posizione verticale e tagliate la scorza in profondità con un coltellino, arrivando alla polpa viva. Infilate la lama del coltellino fra la polpa e la pellicina di ciascuno spicchio e, spingendolo verso l’alto, staccatelo dalla membrana che lo riveste.

 

 

(immagine:darchinmag.ir)

Le arance: il colore del benessere ultima modidfica: 2013-12-10T11:17:01+00:00 da Marilena Bergamaschi