Petto d’anatra all’arancia

Petto-d'anatra-all'arancia-ricetta-parliamo-di-cucina

Il petto d’anatra all’arancia è un secondo veloce da preparare e di sicuro effetto, perfetto anche per un invito elegante. Il petto d’anatra è molto usato nella cucina francese, dove è chiamato magret de canard.

 

La carne di questi animali è considerata rossa e, se arrostita, deve essere cotta al sangue o almeno risultare rosata, come la carne di manzo: fate attenzione a rispettare i tempi, perché una cottura troppo prolungata la renderebbe stopposa. La ricetta del petto d’anatra all’arancia è anche molto leggera, perché non prevede l’uso di grassi, ma utilizza solo quello che la pelle rilascia in cottura.

 

Per 4 persone

2 petti d’anatra

1 arancia non trattata + 3 arance

1 rametto di timo + miele

Cointreau, Grand Marnier o vino bianco

olio extravergine di oliva

sale e pepe

 

1. Grattugiate la scorza dell’arancia non trattata. Spremetela insieme a un’altra arancia e filtrate il succo. Sbucciate al vivo le 2 arance rimaste: dopo aver eliminato le calotte alle estremità, mantenete l’arancia in posizione verticale e tagliate la scorza in profondità con un coltellino, arrivando alla polpa viva. Infilate la lama del coltellino fra la polpa e la pellicina di ciascuno spicchio e, spingendolo verso l’alto, staccatelo dalla membrana che lo riveste; mettete gli spicchi da parte.

2. Passate sulla fiamma i petti d’anatra dalla parte della pelle per eliminare gli eventuali residui di piume. Lavateli bene, asciugateli tamponandoli con carta assorbente da cucina e incidete in superficie la pelle, praticando tanti tagli perpendicolari formando un motivo a scacchiera.

3. Scaldate un’altra padella antiaderente. Disponete i petti d’anatra dalla parte della pelle e cuoceteli per 4-5 minuti a fiamma media. Girateli, proseguite la cottura per altri 3-4 minuti e regolate di sale e pepe. Togliete i petti dalla padella, avvolgeteli in un foglio di alluminio e fateli riposare. Versate nella padella il succo d’arancia e 4-5 cucchiai di liquore o di vino bianco, aggiungete le scorza grattugiata, le foglioline del timo, 2 cucchiai di miele, sale e pepe e fate ridurre la salsa a fiamma vivace, finché sarà lievemente sciropposa. Disponete le fette di arancia al vivo sui piatti, unite la carne tagliata a fette non troppo sottili, irrorate con la salsina preparata e servite subito il petto d’anatra all’arancia.

 

 

(immagine:gdaysouffle.com)

Cavolini di Bruxelles con fagioli edamame aromatizzati all’arancia

Cavolini-di-Bruxelles-con-fagioli-all'arancia-ricetta-aprliamo-di-cucina

Un accostamento dai sapori decisi: i cavolini di Bruxelles con fagioli edamame aromatizzati all’arancia, una ricetta saporita e gustosa, preparata con un ortaggio di origine belga.

I cavolini di Bruxelles si mangiano esclusivamente cotti: bolliti, gratinati, stufati e rosolati al burro. Sono ricchi di vitamina C e hanno un contenuto calorico molto basso. L’amido ricavato dal mais trova molte applicazioni in cucina, per esempio nella preparazione di torte e dolci per renderle più soffici. In questa ricetta invece, viene invece usato come addensante per ottenere un sugo più denso: è importante che il liquido in cui viene sciolto (acqua, brodo, vino o spremuta) sia ben freddo, per poterlo unire in seguito alle preparazioni calde.

Per 4 persone

400 g di cavolini di Bruxelles

200 g di fagioli verdi edamame già cotti (peso sgocciolato)

1 porro

1 arancia non trattata

1 peperoncino fresco

1 spicchio d’aglio

aceto

1 cucchiaino di amido di mais

olio extravergine di oliva

sale e pepe

Eliminate il torsolo e le foglie esterne sciupate dei cavolini e metteteli a bagno per 5 minuti in una ciotola con acqua e aceto. Intanto, eliminate le radichette e la guaina esterna del porro e tagliatelo a rondelle, compresa metà della parte verde. Pulite il peperoncino, eliminate il picciolo e i semi e tritatelo.

Ricavate con il pelapatate 3-4 pezzi di scorza dall’arancia ben lavata e tagliateli a striscioline sottili. Spremete l’arancia e filtrate il succo. Schiacciate, spellate e affettate lo spicchio d’aglio. Scolate i fagioli e sciacquateli.

Tagliate a metà i cavolini di Bruxelles e scottateli per 7-8 minuti in abbondante acqua bollente salata. Sgocciolateli e trasferiteli in una ciotola con acqua e ghiaccio.

Scaldate un filo d’olio in una padella ampia e rosolatevi l’aglio e il peperoncino preparati. Unite i cavolini, i fagioli e la scorza dell’arancia. Regolate di sale e pepe e proseguite la cottura a fiamma media per 3-4 minuti, mescolando di tanto in tanto.

Sciogliete l’amido di mais nel succo d’arancia. Irrorate i cavolini con il composto e mescolate, poi proseguite la cottura a fiamma media, finché il succo d’arancia sarà quasi completamente evaporato e addensato. Spegnete e servite subito i cavolini di Bruxelles con fagioli all’arancia come contorno a carni o accompagnati da formaggi freschi e cremosi.

(immagine:health.holisticcarepros.com)

Torta di mais all’arancia

Torta di mais all'arancia

Torta di mais all’arancia

Soffice e profumata, la torta di mais all’arancia è un dolce ideale per la prima colazione o da offrire con una tazza di tè.

Una ricetta casalinga, facile e veloce, da preparare in pochi minuti con gli ingredienti che si trovano sempre in dispensa. Come variante, potete aggiungere 40 g di uvetta messa bagno in acqua tiepida, poi sgocciolata, asciugata e passata nella farina: questo trucco serve per non farla ricadere sul fondo. Se preferite, potete anche cuocere la torta di mais in uno stampo a ciambella e spolverizzarla alla fine con uno strato di abbondante zucchero a velo.

Per 8 persone

240 g di farina di mais fioretto (per polenta macinata un po’ più fine)

180 g di farina 00

200 g di zucchero

120 g di burro

300 ml di latte

3 uova

16 g di lievito vanigliato (1 bustina)

1 arancia non trattata

2 cucchiai di acqua di fiori d’arancio

sale

Montate in una ciotola il burro ammorbidito a temperatura ambiente con lo zucchero, la scorza dell’arancia grattugiata e un pizzico di sale, fino a ottenere un composto soffice e spumoso.

Aggiungete le uova, uno per volta, poi incorporate le farine setacciate insieme con il lievito in 3-4 volte, alternandole al latte.

Spremete l’arancia, filtrate il succo ottenuto e incorporatelo al composto con l’acqua di fiori d’arancio, mescolando bene. Versatelo in uno stampo a cerniera da 26 cm di diametro, imburrato e infarinato oppure foderato con carta da forno bagnata e strizzata.

Cuocete la torta in forno già caldo a 180 °C per circa 50-55 minuti.  Sfornatela, lasciatela raffreddare completamente e servitela a piacere con panna montata, crema di mascarpone, gelato alla vaniglia, yogurt greco, ecc.

(immagine:thespicysaffron.blogspot.com)

Tagliata di tonno all’arancia

Tagliata-di-tonno-all'arancia-ricetta-parliamo-di-cucina

Un secondo di pesce insolito e raffinato: la tagliata di tonno all’arancia. Ricetta facilissima, richiede davvero pochissimo tempo e solo qualche attenzione a non prolungare troppo la cottura del tonno che dovrà restare rosato all’interno, altrimenti potrebbe diventare duro e stopposo

 

A piacere potete utilizzare anche altri agrumi come mandarini, pompelmi, lime, ecc. Evitate il succo di limone, perché diventa amaro in cottura. Per un accostamento insolito, accanto alla tagliata di tonno potete servire  500 g di topinambur spellati, tagliati a fettine, scottati in acqua bollente per 10 minuti e conditi con olio, limone, sale e pepe.

 

Per 4 persone

800 g di filetto di tonno fresco

1 cucchiaio di aceto balsamico

1/2 arancia non trattata

miele di agrumi

peperoncino

olio extravergine di oliva

sale

 

1. Disponete in un pentolino la scorza grattugiata di 1/2 arancia, 3 cucchiai del succo, 1 di aceto balsamico, 1 di olio extravergine e 1 di miele, un pizzico di peperoncino e uno di sale. Cuocete a fiamma media la salsina per 2-3 minuti, finché il composto si sarà addensato e avrà una consistenza leggermente sciropposa, poi lasciate raffreddare.

2. Scaldate una padella antiaderente e spolverizzatela con un pizzico di sale. Adagiate il filetto di tonno e cuocetelo a fiamma vivace per 2-3 minuti, girandolo su tutti i lati con una pinza da cucina o una paletta, senza punzecchiarlo per non far uscire i succhi. Irrorate con 1 cucchiaio della salsina preparata, fate insaporire per alcuni istanti in modo uniforme e spegnete. Alla fine il pesce dovrà rimanere rosato internamente.

3. Trasferite il filetto preparato sopra un tagliere e tagliatelo a fettine di circa 2 cm di spessore. Suddividetele la tagliata di tonno nei piatti individuali, irroratela con la salsina rimasta e servite con insalata mista di stagione.

 

 

(immagine:glutenfreeforall.tv)