Chili con carne e fagioli

chili-con-carne-e-fagioli-ricetta-parliamo-di-cucina

Classico della cucina tex-mex, il chili con carne è uno stufato piccante di carne di manzo con fagioli, pomodori, peperoni e peperoncini.

Questa ricetta di origine messicana è diventata oggi un cibo molto apprezzato negli Stati Uniti, una vera passione, che viene cucinato in moltissime varianti. Per insaporirlo, usate i mix di spezie già pronti che si trovano al supermercato, unendo eventualmente altro peperoncino se volete un gusto più forte. Se non vi piace il cumino invece, sostituitelo con coriandolo in polvere. Potete utilizzare anche i fagioli secchi, rossi o neri: in questo caso, mettetene a bagno 250 g in abbondante acqua fredda per almeno 12 ore. Scolateli e lessateli a partire da acqua fredda senza sale per almeno 1 ora e 30 finché saranno abbastanza teneri. Salate leggermente e cuocete ancora per 30 minuti. Infine, scolateli e aggiungeteli allo stufato.

Per 4 persone:

600 g di polpa di manzo tipo scamone

500 g di polpa di pomodoro

450 g di fagioli rossi in barattolo già cotti

2 cipolle

2 peperoni verdi

1 spicchio d’aglio

farina 00

salsa Worcester

origano secco

miscela di spezie per chili in polvere

cumino in polvere

zucchero

aceto

olio di oliva o di semi

sale e pepe

Spellate aglio e cipolle e tritateli finemente. Riducete la carne a striscioline e passatele nella farina, scuotendole per eliminare l’eccesso. Scaldate 4-5 cucchiai d’olio in una casseruola ampia, rosolate la carne per 2-3 minuti, sgocciolatela su un piatto e tenetela da parte, poi rosolate nella stessa casseruola la cipolla e l’aglio tritati. Infine, trasferitevi di nuovo la carne e un cucchiaio raso di spezie per chili.

Aggiungete la polpa di pomodoro,  4-5 gocce di salsa Worcester, un cucchiaino di zucchero, 3 cucchiai di aceto, poco sale e pepe e proseguite la cottura a fuoco basso per circa 50 minuti, con il coperchio scostato, mescolando di tanto in tanto e aggiungendo un po’ di acqua calda, se il fondo si asciuga troppo.

Intanto, pulite i peperoni, divideteli a metà, eliminate il picciolo e i filamenti bianchi, tagliateli a striscioline e rosolatele in una padella con 2-3 cucchiai d’olio per 6-7 minuti. Aggiungetele nella casseruola insieme con i fagioli sgocciolati e 1/2 cucchiaino di cumino, poi proseguite la cottura a fiamma bassa per circa 20 minuti, unendo poca acqua calda se il fondo si asciuga. Regolate di sale e peperoncino e servite il chili con carne e fagioli accompagnandolo con tortillas calde e tacos.

(immagine:nova969.com.au)

Spiedini di tacchino all’uva con crema di borlotti

Spiedini-di-tacchino-all'uva

Non la solita ricetta degli spiedini di tacchino: la carne è insaporita dal raffinato tocco dell’aceto balsamico e si serve con una gustosa crema di fagioli borlotti. Assolutamente da provare

L’uva in cucina è deliziosa. Questo frutto generoso e versatile che matura alla fine dell’estate è ottimo non solo nei dolci, ma anche nei piatti salati, a cui conferisce un gusto dolce-asprigno che si sposa alla perfezione con le carni, in particolare quelle bianche e con il pesce.

Per 4 persone

600 g di filetto di tacchino o petto di pollo

3-4 limoni o lime

1 spicchio d’aglio

aceto balsamico

50 ml di vermouth bianco o altro liquore

aceto di mele

amido di mais

1 pezzettino di radice di zenzero fresco

zucchero di canna

2 grappoli di uva bianca e rosata, preferibilmente senza semi

olio extravergine di oliva

sale e pepe

Per la crema di fagioli:

1 barattolo di fagioli borlotti già cotti (240 g peso sgocciolato)

1/2 spicchio d’aglio

1 cucchiaio di concentrato di pomodoro

1 cucchiaio di aceto di vino rosso

zucchero

50 g di gherigli di noce tostati

olio extravergine di oliva

sale e peperoncino

Tagliate il filetto di tacchino a cubotti di 2-3 cm di lato e disponeteli in una ciotola. Versate in un barattolo con il tappo a vite 3 cucchiai di olio, 2 di  succo di limone, 1 spicchio d’aglio a fettine, sale e pepe. Chiudete con il coperchio e agitate con decisione, poi irrorate il tacchino con la citronette preparata, mescolate, coprite con pellicola e lasciate insaporire in frigorifero per almeno 30 minuti, meglio se per 3-4 ore.

Intanto, sgocciolate i fagioli e trasferiteli nel recipiente del mixer con il concentrato di pomodoro, 1/2 cucchiaino di zucchero, l’aceto, 1/2 spicchio d’aglio, i gherigli spezzettati, 3 cucchiai d’olio e 2-3 di acqua, sale e peperoncino a piacere. Frullate fino a ottenere un composto cremoso, unendo eventualmente ancora poca acqua, poi coprite e fate riposare in frigorifero.

Scaldate 5 cucchiai di aceto balsamico con 1 cucchiaino di aceto di mele, il  vermouth, 1 cucchiaio di zucchero di canna e lo zenzero spellato e grattugiato. Aggiungete 1 cucchiaino di amido di mais, sciolto in 2 cucchiaini di acqua fredda e mescolate per 2-3 minuti fino a ottenere una salsa densa. Spennellate i cubotti di tacchino con la salsa preparata e infilzateli su spiedini, alternandoli agli acini d’uva puliti e privati degli eventuali semi.

Scaldate a fuoco medio la piastra o un’ampia padella antiaderente, spolverizzatela con un pizzico di sale fino e cuocete gli spiedini per 8-10 minuti, girandoli spesso su tutti i lati. Servite gli spiedini di tacchino con  con la crema di fagioli accompagnati da spicchi di limone e fette di pane tostato.

(immagine:littleleopardbook.com)

Cavolini di Bruxelles con fagioli edamame aromatizzati all’arancia

Cavolini-di-Bruxelles-con-fagioli-all'arancia-ricetta-aprliamo-di-cucina

Un accostamento dai sapori decisi: i cavolini di Bruxelles con fagioli edamame aromatizzati all’arancia, una ricetta saporita e gustosa, preparata con un ortaggio di origine belga.

I cavolini di Bruxelles si mangiano esclusivamente cotti: bolliti, gratinati, stufati e rosolati al burro. Sono ricchi di vitamina C e hanno un contenuto calorico molto basso. L’amido ricavato dal mais trova molte applicazioni in cucina, per esempio nella preparazione di torte e dolci per renderle più soffici. In questa ricetta invece, viene invece usato come addensante per ottenere un sugo più denso: è importante che il liquido in cui viene sciolto (acqua, brodo, vino o spremuta) sia ben freddo, per poterlo unire in seguito alle preparazioni calde.

Per 4 persone

400 g di cavolini di Bruxelles

200 g di fagioli verdi edamame già cotti (peso sgocciolato)

1 porro

1 arancia non trattata

1 peperoncino fresco

1 spicchio d’aglio

aceto

1 cucchiaino di amido di mais

olio extravergine di oliva

sale e pepe

Eliminate il torsolo e le foglie esterne sciupate dei cavolini e metteteli a bagno per 5 minuti in una ciotola con acqua e aceto. Intanto, eliminate le radichette e la guaina esterna del porro e tagliatelo a rondelle, compresa metà della parte verde. Pulite il peperoncino, eliminate il picciolo e i semi e tritatelo.

Ricavate con il pelapatate 3-4 pezzi di scorza dall’arancia ben lavata e tagliateli a striscioline sottili. Spremete l’arancia e filtrate il succo. Schiacciate, spellate e affettate lo spicchio d’aglio. Scolate i fagioli e sciacquateli.

Tagliate a metà i cavolini di Bruxelles e scottateli per 7-8 minuti in abbondante acqua bollente salata. Sgocciolateli e trasferiteli in una ciotola con acqua e ghiaccio.

Scaldate un filo d’olio in una padella ampia e rosolatevi l’aglio e il peperoncino preparati. Unite i cavolini, i fagioli e la scorza dell’arancia. Regolate di sale e pepe e proseguite la cottura a fiamma media per 3-4 minuti, mescolando di tanto in tanto.

Sciogliete l’amido di mais nel succo d’arancia. Irrorate i cavolini con il composto e mescolate, poi proseguite la cottura a fiamma media, finché il succo d’arancia sarà quasi completamente evaporato e addensato. Spegnete e servite subito i cavolini di Bruxelles con fagioli all’arancia come contorno a carni o accompagnati da formaggi freschi e cremosi.

(immagine:health.holisticcarepros.com)