Dolci e gustosi fichi

Fichi-parliamo-di-cucina

I fichi sono i frutti tipici della fine dell’estate mediterranea. Perfetti con il prosciutto per un antipasto classico, si usano anche in tante altre ricette dolci e salate. Essiccati al sole si utilizzano in cucina tutto l’anno.

 

Acquistate i fichi quando sono maturi al punto giusto: devono essere lisci e morbidi ed emanare un profumo dolce e aromatico. Conservateli in frigorifero, disposti su un vassoio di cartoncino foderato con carta da forno, chiuso in un sacchetto di carta per alimenti. Consumateli entro un paio di giorni.

Ricordate che sono chiamati fioroni i primi fichi che maturano all’inizio dell’estate tra giugno e luglio, mentre la stagione piena dei frutti è agosto e settembre. Consumateli freschi come antipasto, con salumi come prosciutto crudo, coppa e culatello. Ottimi anche come dessert, tagliati a metà e passati sotto il grill, accompagnati con formaggini di capra freschi e miele.

Moltissime sono le varietà di fichi, anche se la differenza principale per chi li consuma è quella del colore: quelli scuri sono molto dolci e si gustano solo freschi. Gli altri verdi invece sono più adatti per fare canditi, confetture e conserve e per essere essiccati. Quelli secchi sono molto calorici e si usano per preparare dolci tipici della tradizione oppure si aggiungono tagliati a pezzetti alle macedonie o si usano per preparare dolci.

Gustate i fichi con i salumi e sulle bruschette, accompagnati da fettine di prosciutto crudo, formaggini di capra, foglie di timo o di menta e abbondante pepe nero macinato al momento. I fichi sono ottimi anche con il gelato: lavateli bene, tagliateli a spicchi e disponeteli nelle coppette, poi aggiungete abbondante gelato allo yogurt, alla crema o alla vaniglia e completate con un cucchiaio di miele di acacia e cannella in polvere; in alternativa potete usare anche cioccolato fuso.

Torta sablé ai fichi

Torta-sablé-ai-fichi-ricetta-parliamo-di-cucina

La torta sablé ai fichi è un classico dessert della stagione autunnale. Questi frutti sono all’apice della maturazione, dolci e succosi e sono perfetti da gustare crudi.

 

La pasta sablé è una variante particolarmente morbida della pasta frolla, in questo caso resa ancor più saporita dall’aggiunta della polvere di nocciole tostate. Se volete una versione più golosa della torta sablé ai fichi, fate fondere a bagnomaria 150 g di cioccolato fondente o bianco con 1 dl di panna e spalmate il composto ottenuto sul fondo del guscio di pasta al posto della confettura.

 

Per 6-8 persone

400 g di fichi freschi e maturi

200 g di farina 00

50 g di polvere di nocciole

180 g di burro

1 uovo

50 g di zucchero a velo

200 g di confettura di pesche o albicocche o altro gusto a piacere

sale

 

1. Mettete il burro in una ciotola e lasciatelo ammorbidire a temperatura ambiente. Nel frattempo tostate leggermente la polvere di nocciole in un padellino antiaderente caldo, mescolando in continuazione per 1-2 minuti. Unite lo zucchero e 1 pizzico di sale nella ciotola con il burro e montatelo fino a ottenere un composto cremoso. Aggiungete la farina setacciata, la polvere di mandorle e l’uovo e impastate con la punta delle dita fino a ottenere un composto omogeneo, ma senza lavoralo troppo. Formate un panetto, avvolgetelo con una pellicola e mettete in frigorifero a riposare per almeno 2 ore.

2. Riprendete il panetto, disponetelo fra 2 fogli di carta da forno e stendetelo con il matterello in un disco di circa 30 cm di diametro. Trasferitelo in uno stampo da crostata, meglio se con il fondo rimovibile, di 26 cm di diametro, foderato con un foglio di carta da forno, bagnato e strizzato. Bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta, disponete un foglio di carta da forno e coprite con 2-3 manciate di fagioli secchi, oppure con gli appositi pesetti da pasta frolla. Cuocete la torta in forno già caldo a 180°C per circa 20 minuti.

3. Togliete la torta dal forno, eliminate la carta con i fagioli, e proseguite la cottura ancora per 5 minuti. Lasciatela raffreddare completamente. Prima di servire, spalmate uno strato sottile di confettura sul fondo del guscio di pasta, pulite i fichi e tagliateli a spicchietti, poi disponeteli all’interno del guscio. Servite la torta sablé ai fichi spolverizzata, a piacere, con zucchero a velo.

 

(immagine:liliskook.fr)

Semifreddo alle mandorle con fichi al vino rosso

semifreddo-mandorle-fichi

Il semifreddo alle mandorle con fichi al vino rosso è un dessert raffinato e scenografico, un dolce a cucchiaio perfetto da offrire dopo cena.

 

Ricetta facile, il semifreddo alle mandorle con fichi al vino rosso si prepara in poco tempo, ma ha però bisogno di lunghe ore di riposo in freezer per congelare. Se volete preparare voi il croccante da accompagnare al semifreddo alle mandorle con fichi al vino rosso, fate fondere a fiamma bassa in una padella antiaderente 180 g di zucchero con 1 cucchiaino di succo di limone e 2-3 cucchiai d’acqua, mescolando finché sarà caramellato e leggermente dorato. Unite 1 pizzico abbondante di sale e 100 g di granella di mandorle tostata, mescolate e versate il composto in una teglia foderata con un foglio di carta da forno bagnato e strizzato. Lasciate raffreddare completamente, spezzettatelo e servitelo con il semifreddo alle mandorle con fichi al vino rosso.

 

Per 6 persone

100 g di mandorle non spellate

2 uova

120 g di zucchero a velo

3 dl di panna fresca

2 cucchiai di liquore all’amaretto

1 limone non trattato

12 fichi maturi

3 dl di vino rosso corposo

3 cucchiai di zucchero di canna

1 bastoncino di cannella, 1 bacca di anice stellato, 1 chiodo di garofano

sale

 

1. Mettete in una casseruola il vino, lo zucchero, le spezie, la scorza di 1/2 limone e 1 pizzico di sale, portate a ebollizione e lasciate sobbollire a fiamma bassa per circa 20 minuti, finché il vino si sarà ridotto e avrà una consistenza sciropposa; aggiungete i fichi, puliti e tagliati a fette spesse, proseguite la cottura ancora per 10 minuti, poi lasciate raffreddare. Tuffate le mandorle in acqua bollente, sgocciolatele, spellatele e tostatele in forno già caldo a 180°C per 3-4 minuti; trasferitele nel mixer e tritatele finemente con 2 cucchiai di zucchero a velo. Versate in un pentolino 1/2 dl di acqua, portatela a ebollizione, unite il trito di mandorle, abbassate la fiamma e fate sobbollire per circa 1 minuto, finché il composto sarà denso. Spegnete e lasciate raffreddare.

2. Montate i tuorli con lo zucchero rimasto e 1 pizzico di sale fino a ottenere un composto spumoso, poi aggiungete la pasta di mandorle e il liquore. Montate la panna ben fredda e amalgamatela al composto. Montate a neve gli albumi con 2-3 gocce di succo di limone e incorporateli poco per volta a cucchiaiate, con un movimento dal basso verso l’alto.

3. Versate il composto in uno stampo da plumcake da 8 dl foderato con un foglio di pellicola, coprite e mettete in freezer per 6-8 ore. Per sformare il gelato, immergete per un attimo lo stampo in acqua calda o avvolgetelo con un telo caldo, capovolgetelo su un piatto di portata e servite il semifreddo alle mandorle con fichi al vino rosso, decorando le fette con pezzetti di croccante.

 

(immagine:tastefoodblog.com)