Weekend nelle terre verdiane

Terre verdiane

Un itinerario nelle terre verdiane fra natura e cultura, alla scoperta dei territori dell’Emilia contadina di Giuseppe Verdi per un weekend con musica e buon cibo

Per i melomani convinti e quelli irriverenti. O anche per chi volesse semplicemente scoprire il bellissimo e incontaminato territorio a cavallo tra il Piacentino e il Parmense, delimitato dal fiume Po e dalle dolci colline dell’Appennino, punteggiate di castelli e borghi medievali, in cui visse il grande Giuseppe Verdi, ecco un insolito weekend nelle terre verdiane a cura dell’Associazione di aziende agricole Le Terre Traverse, con spettacolo, tante altre proposte e il buon cibo dell’Emilia contadina del Maestro, che fu anche esperto imprenditore rurale e noto gourmet.

Dal 30 giugno al 2 luglio, un ricco ventaglio di suggerimenti turistici e occasioni enogastronomiche variamente declinabili culminerà domenica 2 luglio presso l’agriturismo Tenuta Casteldardo di Besenzone, un’antica cascina con le colonne e le volte delle antiche basiliche e le mura impreziosite dai ricami delle gelosie, con il concerto-spettacolo a ingresso libero ‘Verdi e la sua Italia’ del gruppo musicale Ottavo Richter con la voce narrante di Ira Rubini e la partecipazione straordinaria di Luigi Carlone della Banda Osiris.

Prima dello spettacolo si potrà gustare una deliziosa cena a base di salume misto con torta fritta e giardiniera della casa, risotto al limone e menta, roast beaf con insalata, semifreddo con salsa di cioccolato e bevande (26 euro, su prenotazione 0523 830011 e 339 6277198).

Oltre ai classici luoghi verdiani, dalla minuscola casa natale di Roncole Verdi alla splendida villa con parco di Sant’Agata di Villanova sull’Arda, passando per il Museo di Casa Barezzi e il Teatro Verdi di Busseto, il territorio offre la storica cittadina di Cortemaggiore, progettata secondo gli schemi della città ideale di Leon Battista Alberti, la magnifica Abbazia cistercense di Chiaravalle della Colomba, dove fino al 2 luglio nella navata centrale è allestita la cosiddetta ‘Infiorata del Corpus Domini’, un odoroso tappeto di fiori e petali con disegni tematici diversi di anno in anno, così come il cinquecentesco Castello di San Pietro in Cerro: trenta sale riccamente decorate e arredate più il MIM-Museum In Motion, ivi ospitato, che propone una preziosa collezione di arte contemporanea.

Per dormire nelle terre verdiane, ci si può fermare presso i vicini agriturismi Battibue a Fiorenzuola d’Arda (tel. 335 5891585) e La Rondanina a Castelnuovo Fogliani, Alseno (tel. 0523 947541). La camera doppia costa 80 euro in entrambe le strutture.
Per il resto del programma annuale e altre informazioni: www.terretraverse.it.

Tre giorni nelle terre verdiane

Rocca - Monticelli d'Ongina

Un magico weekend dedicato alla degustazione degli asparagi, alla cultura del teatro e della natura nelle Terre Traverse di Giuseppe Verdi

Maggio, mese di asparagi. Così, in collaborazione con il Consorzio dell’asparago piacentino, l’associazione culturale di aziende agricole “Le Terre Traverse” propone per il 22-23-24 maggio, all’interno del calendario annuale di iniziative turistico-cultural-enogastronomiche nel territorio, tra il parmense e il piacentino, in cui il grande Giuseppe Verdi visse tutta la vita, un weekend di cultura materiale e immateriale che si conclude con una cena a base di questo prodotto di eccellenza del territorio: sfogliatine di asparagi, ravioli agli asparagi e cime con ripieno di asparagi, più bavarese… alla frutta, nei locali e nel parco-giardino affacciato sulle acque del grande fiume dell’agriturismo “La Finestra sul Po”, a San Nazzaro di Monticelli d’Ondina.

Il legame privilegiato con la terra di questa speciale associazione culturale si mostra però ben prima di cena, con una particolare messa in scena all’aperto, nella grande aia al centro della corte chiusa dell’antica Cascina Colombarone a Monticelli d’Ondina, del notissimo romanzo della scrittrice angloamericana Frances Hodgson Burnett, “Il giardino segreto”.

Chi non ricorda la storia di Mary e Colin, i due ragazzini che si rinfrancano e si rimettono, psicologicamente e fisicamente, prendendosi cura, fino al tripudio di lussureggianti fioriture, di un giardino abbandonato dopo un tragico incidente? Bene, nello spettacolo della traduttrice e scrittrice di orti e giardini Pia Pera e dall’attrice-giardiniera Lorenza Zambon, le innovative tesi della Hodgson Burnett (il romanzo, più volte trasformato in film, è del 1910) sul potere educativo della vita all’aperto e del rapporto diretto e immediato con la natura danno vita a uno spettacolo che mette al centro, e in contesto, le piante, i giardini, i paesaggi e addirittura il pianeta, casa del genere umano.

Oltre agli itinerari a piedi e in bicicletta nel Parco naturalistico di Isola Giarola, alle visite ai bei borghi e cittadine della pianura emiliana, nonché ai classici luoghi verdiani, questo fine settimana delle Terre Traverse offre l’occasione per visitare la mostra di immagini e oggetti sull’alimentazione al fronte durante la Prima guerra mondiale “Eppur si mangia”, tratta dalla collezione di Luca Azzini e curata da Giancarlo Martina, Anna Maria Zilli, Maria Pacelli e Elio Varutti, presso il cinquecentesco castello di San Pietro in Cerro, che ospita anche il MIM-Museum In Motion, con la sua interessante collezione di arte contemporanea.

 

Lenti festeggia gli 80 anni

ph_Toast_Lenti&Golden_ambientata_low

Lo storico marchio Lenti, specializzato nella produzione di prosciutti e arrosti, nell’anno del suo ottantesimo anniversario propone a Torino una serie di appuntamenti speciali per nuove e insolite esperienze di gusto.

Torino uguale gianduiotti, grissini e agnolotti, si sa. Ma anche prosciutto cotto, quello del marchio Lenti, eccellenza nata all’ombra della Mole nel lontano 1935. Quattro generazioni dopo, per l’ottantesimo anniversario, Lenti lancia nel capoluogo piemontese una serie di appuntamenti gourmand per promuovere una produzione certificata senza glutine, lattosio e ogm.

Da marzo a dicembre, il programma #80vogliadilenti propone, per esempio, di gustare il  nuovo Toast Lenti&Golden, ricetta dello chef Leonardo Marongiu del G Ristorante Italiano presso il Golden Palace Hotel, in via Arcivescovado 18, con bagnetto rosso alla piemontese, nuvole di cotenne di maiale e misticanza di stagione. O ancora, nella stessa sede, il Brunch Lenti ‘La sana colazione salata’ nelle domeniche 26 aprile, 10 e 24 maggio, 7 e 21 giugno.

Per tutto aprile, al Bar Barney’s del Circolo dei Lettori, in via Bogino 9, il panino del mese è Lenti, con capriccio di lombetto, mentre le domeniche 14 aprile e 10 maggio dalle 12,30 alle 15,30 si propone il ‘Brunch di puro piacere con Lenti’. Ma aprile significa anche Lenti al Giovani genitori Sound Festival presso l’Hiroshima Mon Amour di via Bossoli 83 oppure, a Pinerolo, la seconda edizione di Triathlon Sprint.
Info: www.lenti.it e facebook.com/ilcottoLenti.

La vendemmia dei bambini

vendemmia-dei-bambini-parliamo-di-cucina

La “vendemmia dei bambini” sarà al centro delle attività ludiche e didattiche dedicate ai più piccoli per tre weekend nelle terre dove nacque e visse il grande compositore Giuseppe Verdi.

 

Che cosa sono mai pampini, cirri e tralci? O raspi e vinaccioli? E da dove viene il colore del vino? Tre weekend lunghi, dal venerdì alla domenica, per trovare le risposte a queste domande facendo sperimentare a bambini e ragazzi – con amici, e volendo genitori – una delle principali attività della vita di campagna, la vendemmia, e per esplorare un territorio affascinante e ospitale, le terre del piacentino al confine con il parmense in cui visse il grande musicista Giuseppe Verdi.

È un’attività dedicata la “vendemmia dei bambini”, proposta la domenica in chiusura dei fine settimana del 5-7, 12-14 e 26-28 settembre, dall’Associazione culturale di aziende agricole “Le Terre Traverse”, in collaborazione con Slow Food Piacenza, presso l’Agriturismo “La Quercia Verde” di Alseno. Una formula divertente per avvicinare i ragazzi, soprattutto quelli di città, che hanno scarsa o addirittura nessuna familiarità con le attività dei campi, gli animali da cortile, la verdura e la frutta che non crescono al… supermercato, inclusa dall’Associazione “Le Terre Traverse” nel suo articolato calendario annuale di proposte culturali e enogastronomiche, intitolato Terra di Pianura. Questa terra è un’opera d’arte (il programma completo sul sito terretraverse.it).

Ma la “vendemmia dei bambini” è anche un’ottima occasione per perdersi, in famiglia e non solo, in una zona dell’Emilia rurale, compresa tra il Po e le colline dell’Appennino, notoriamente ricca di tradizioni e cultura materiale e immateriale, che l’Associazione “Le Terre Traverse” invita a esplorare con gite nelle tipiche aree naturalistiche fluviali, agli splendidi borghi medievali fortificati quali Vigoleno, dove sorge un museo che non potrà non entusiasmare i ragazzi –  il Museo degli Orsanti, antichi artisti di strada che, da queste terre, si esibivano con orsi ammaestrati, scimmiette, burattini, e strumenti musicali in tutta Europa -, oltre ai classici luoghi verdiani, dalla casa natale di Roncole Verdi alla splendida villa con parco di Sant’Agata di Villanova sull’Arda, dal Museo di Casa Barezzi allo scintillante Teatro Verdi a Busseto.

Il tutto condito da pranzi e cene in locali tipici scelti e ospitalità in agriturismi con architetture di grande interesse, a partire dalle stalle con volte e colonne trasformate in sale da pranzo o da antiche ghiacciaie diventate aree espositive.

Per informazioni sui costi e prenotazioni, contattare RossoGotico CTS – rossogotico@gmail.com – 0523 716968.

Le Terre Traverse

casa verdi

La casa natale di Giuseppe Verdi (bussetolive.com)

Come valorizzare un territorio particolare già caro a Giuseppe Verdi

L’Associazione culturale Le Terre Traverse raccoglie sedici aziende agricole –cascine storiche, ville di campagna e un castello – del tratto di pianura tra l’Appennino e il Po compreso tra Piacenza e Parma, la terra di Giuseppe Verdi,ubicate negli otto Comuni di Alseno, Besenzone, Cadeo, Castell’Arquato, Fiorenzuola d’Arda, Monticelli d’Ongina, San Pietro in Cerro e Villanova sull’Arda.

Costituita nel 2008, raccogliendo il testimone dal Progetto Europeo “Translands”, finalizzato alla valorizzazione di territori rurali accomunati, come in questo caso, da un fiume, una via di comunicazione, un’abbazia, l’Associazione Le Terre Traverse dà vita ogni anno, tra primavera e inverno, a un ricco calendario di iniziative che dal 2011 porta il titolo comune di “Terra di Pianura”, diversamente declinato di edizione in edizione.

Le aziende agricole messe in rete dall’Associazione nel territorio che, tra il Po, la romana Via Emilia e l’Abbazia di Chiaravalle della Colomba, abbraccia anche un tratto di Via Francigena oltre ai più significativi luoghi verdiani, portano i nomi di Battibue, Castello, Colombarone, Casa della Memoria Casella, Finestra sul Po, Mascudiera, Moronasco, Pastorella Moronasco, Quercia Verde, Tenuta Casteldardo, Pizzavacca, Ronchi, Rondanina, San Matteo e Sforzesca; si aggiunge, come socio onorario, il Mim-Museum In Motion – che nel Castello di San Pietro in Cerro, ospita una preziosa collezione d’arte contemporanea.

Anche per il 2014 Le Terre Traverse ha ideato un ricco programma di proposte, intitolato “Terra di Pianura. Questa terra è un’opera d’arte”. Ecco una sintesi delle mete e del programma che potete trovare in dettaglio sul sito dell’associazione.

Venerdì 25 luglio: Sant’Agata di Villanova sull’Arda, visita a Villa Verdi, storica residenza del musicista.

Sabato 26 luglio: Cortemaggiore, visita alla storica cittadina progettata secondo gli schemi della città ideale di Leon Battista Alberti e alla Chiesa Collegiata, il cui affresco, La vergine degli angeli, ispirò al grande musicista un brano de La forza del destino. Chiaravalle, visita all’Abbazia di Chiaravalle della Colomba, fondata nel XII secolo da San Bernardo, con chiostro di particolare pregio e bellezza. Busseto, visita al Museo di Casa Barezzi, dove Verdi ebbe la sua prima vera formazione musicale e affettiva, e visita al piccolo, ma sfarzoso Teatro Verdi. Roncole Verdi, visita alla frazione del Comune di Busseto e alla casa natale di Giuseppe Verdi, appena riaperta dopo l’ampio restauro conservativo, e alla chiesa di San Michele, che custodisce l’organo suonato da Verdi bambino

Domenica 27 luglioSan Pietro in Cerro, visita al cinquecentesco Castello di San Pietro, con trenta sale riccamente decorate e arredate, e al Mim-Museum In Motion, ivi ospitato, che propone una preziosa collezione di arte contemporanea. Vigoleno e Castell’Aquato, itinerario collinare tra borghi medievali fortificati lungo l’antica Via Francigena con splendidi affacci sulla vallata. Fiorenzuola d’Arda, spettacolo di musica e parole Barbera, champagne. Gaber e la musica della Milano anni ’60.

Un weekend all’insegna della cultura del territorio cui non mancano specialità enogastronomiche locali da  gustare un po’ qua e un po’ là, tra un itinerario o una visita culturale.