Risotto allo Champagne profumato al timo

risotto-allo-champagne-profumato-al-timo-parliamo-di-cucina

Ricetta elegante per le grandi occasioni, il risotto allo Champagne è facile e non impegna: basta seguire poche semplici regole per ottenere un risultato perfetto.

Naturalmente il risotto allo Champagne si può preparare anche con vini meno pregiati, ma con un risultato ugualmente splendido: provatelo con  spumante o prosecco, ma anche con altri spumeggianti vini regionali italiani. Sbizzarritevi poi con gli accostamenti decorativi: dai gamberetti alla pancetta croccante saltati in padella, dalle erbe aromatiche alle spezie. Oppure, per un tocco di classe, con frutti rossi come fragole, lamponi, ribes e chicchi di melagrana, senza dimenticare mango o melone a dadini.

Per 4 persone

Ingredienti:

320 g di riso Carnaroli o Vialone Nano

1 cipolla dorata piccola

4 dl di Champagne brut

70 g di burro

100 g di parmigiano reggiano grattugiato fresco

brodo vegetale o di carne leggero

1 mazzetto di timo fresco (facoltativo)

sale e pepe

Tritate finemente la cipolla e rosolatela a fiamma bassa in una casseruola con 40 g di burro e un pizzico di sale per 2-3 minuti, finché sarà morbida. Unite il riso e fatelo tostare mescolando per 1-2 minuti finché i chicchi saranno lucidi. Alzate la fiamma, irrorate con metà dello Champagne caldo e lasciatelo evaporare mescolando, poi ripetete allo stesso modo con quello rimasto, sempre caldo (in questo modo eviterete lo choc termico, che può rovinare i chicchi, e il gusto sarà meno acido).

Versate nella casseruola 2 mestoli di brodo bollente, unite le foglioline del timo, mescolate e proseguite la cottura a fuoco medio-basso per 16-18 minuti, aggiungendo altro brodo e mescolando ogni volta che il precedente sarà evaporato. Alla fine dovrete ottenere un composto morbido e vellutato ma non asciutto e neppure eccessivamente brodoso.

Quando il riso sarà al dente, spegnete, regolate di sale, aggiungete il burro rimasto freddo a fiocchetti e il parmigiano, mescolando delicatamente. Coprite e lasciate riposare per circa 1 minuto, poi servite subito il risotto allo Champagne, con un pizzico di pepe a piacere.

(immagine:thermomiss.com)

Filetto di maiale confit in olio extravergine al timo

Filetto-di-maiale-confit-in-olio-extravergine-al-timo-ricetta-parliamo-di-cucina

Il filetto di maiale è una carne gustosa e saporita e molto più economica di quella del manzo o del vitello: la cottura a immersione nell’olio la rende tenerissima e dolce, ma anche poco calorica, perché il grasso resta all’esterno e la cottura interna avviene solo attraverso il passaggio di calore

 

La ricetta è facilissima e non presenta nessuna difficoltà. Dopo averlo filtrato, potete anche riutilizzare l’olio extravergine (che non ha raggiunto alte temperature), per friggere verdure in pastella, patatine, polpette, ecc.

 

Per 4 persone

800 g di filetto di maiale

olio extravergine di oliva saporito

20 g di pepe in grani misto (nero, bianco, verde, rosso)

1 spicchio d’aglio

3 rametti di timo

sale grosso

 

1. Pestate grossolanamente nel mortaio i grani di pepe con 1 cucchiaino di sale grosso. Eliminate dal filetto di maiale le eventuali parti grasse e i nervi, poi passatelo nel composto di pepe, massaggiandolo in modo da farlo aderire bene e lasciatelo riposare per circa un’ora.

2. Eliminate con le mani il grosso del mix di pepe e sale, poi disponete il carré in una casseruola ovale piccola e dai bordi alti, unite i rametti di timo, sciacquati e asciugati, lo spicchio d’aglio spellato e coprite completamente con l’olio extravergine. Mettete sul fuoco tenendo la fiamma al minimo e portate a circa 80°C di temperatura: l’olio dovrà risultare ben caldo ma non raggiungere mai l’ebollizione. Cuocete per circa 45-50 minuti dal raggiungimento della temperatura. Se preferite, potete cuocere il filetto di maiale allo steso modo in forno, disponendolo in una pirofilina ovale.

3. Sgocciolate il filetto dall’olio, avvolgetelo con un foglio di alluminio e lasciatelo riposare per 5 minuti. Tagliatelo a fettine e suddividetele nei piatti, poi servite accompagnando con composta di cipolle rosse di Tropea, purè di patate, fettine di mela e altre verdure a piacere.

 

 

(immagine:porkbeinspired.com)