Il pan di Spagna

pan-di-spagna-ricetta-parliamo-di-cucina

Ricetta fondamentale tra le più famose della grande pasticceria classica, il pan di Spagna serve per tantissime preparazioni che richiedono una base a impasto soffice da farcire con creme e confetture o bagnare con sciroppi e liquori.

 

Tantissime sono le varianti del pan di Spagna: questa è molto semplice, si prepara facilmente in casa e si farcisce a piacere. Provate così: incidete la parte superiore del pan di Spagna a circa 2 cm dal bordo, staccate la calotta e asportate parte della mollica interna della base. Montate 1 dl di panna ben fredda e e amalgamatela a 200 g di crema pasticciera. Versate la crema ottenuta nell’incavo del pan di Spagna, completate con 500 g di lamponi o frutti di bosco, riposizionate la calotta e spolverizzate con zucchero a velo.

 

180 g di farina 00

180 g di zucchero

30 g di amido di mais (Maizena) o di fecola di patate

7 uova

1 limone non trattato

sale

 

1. Sgusciate le uova in una ciotola a bordi alti, aggiungete metà della scorza di limone grattugiata, lo zucchero e un pizzico di sale. Montate gli ingredienti con la frusta elettrica e proseguite per almeno 15 minuti, fino a ottenere un composto molto chiaro, spumoso e che scenda a nastro.

2. Trasferite la farina e l’amido di mais in un setaccio e incorporate i 2 ingredienti direttamente nella ciotola con le uova montate in 3 riprese, incorporandoli ciascuna volta con una spatola, con movimenti dal basso verso l’alto, per non smontare il composto.

3. Versate il composto ottenuto in uno stampo a cerniera di 24 cm di diametro, foderato con carta da forno bagnata e strizzata e cuocete il pan di Spagna in forno già caldo a 180°C per circa 40 minuti. Verificate la cottura con uno stecchino di legno, che dovrà uscire dalla torta asciutto. Lasciate raffreddare completamente il pan di Spagna, sformatelo su una gratella ed eliminate delicatamente la carta da forno.

 

 

(immagine:darnthatsgooddebbi.com)

Il pan di Spagna ultima modidfica: 2013-11-06T16:10:41+00:00 da Marilena Bergamaschi