Crema-pasticcera-ricetta-parliamo-di-cucina

La crema pasticcera classica è la madre di quasi tutte le creme dolci a base di uova. Facile da preparare e utilizzata per completare e farcire un’infinita quantità di preparazioni, non si usa soltanto come farcia o ripieno, ma diventa anche un ingrediente alla base di numerosissimi dolci a cucchiaio, torte e composti. 

Fondamentale in pasticceria

La crema pasticcera classica è ottima anche gustata da sola, servita in coppette come dessert, accompagnata da scaglie di cioccolato, frutti di bosco, mandorle o pistacchi tritati, meringhe spezzettate, ecc. Se cerchi invece un’idea diversa, aromatizzala con qualche goccia di liquore all’arancia o al rum oppure con oli essenziali di bergamotto o lavanda. Se vuoi una variante molto più ricca e cremosa della crema pasticcera classica, preparala con 8 tuorli, 350 ml di latte e 150 ml di panna. Altra variante più leggera e buonissima invece, con metà farina e metà amido di mais o fecola. Per far raffreddare rapidamente la crema pasticcera, immergi la casseruola, dopo averla tolta dal fuoco, in una ciotola con acqua e ghiaccio e continua a mescolare, finché la crema si sarà raffreddata. Coprila poi con una pellicola a contatto per fare in modo che non formi una pellicola dura sulla superficie. Mescolata con la stessa quantità di panna montata, dà vita alla crema diplomatica, usata per farcire torte, crostate e bignè.

Ricetta della crema pasticcera classica

Per circa 600-700 ml di crema

6 tuorli

500 ml di latte

150 g di zucchero

60 g di farina 00

1 baccello di vaniglia o la scorza di 1 limone non trattato

sale

Preparazione 7 min, cottura 10 min

Incidi il baccello di vaniglia nel senso della lunghezza. Mettilo in una casseruola con il latte e scalda fino al limite dell’ebollizione, poi spegni e fai intiepidire. Se preferisci utilizzare la scorza di limone, prelevala a filetti con il pelapatate, evitando la parte bianca, e uniscila al latte.

Intanto, monta in un altro pentolino i tuorli con lo zucchero e un pizzico di sale finché saranno gonfi e spumosi. Incorpora la farina setacciata tutta in una volta, poi mescola per amalgamare bene.

Diluisci il composto ottenuto con il latte caldo, privato del baccello di vaniglia o delle scorze di limone, e porta a ebollizione il composto a fiamma bassa, mescolando in continuazione, per circa 8-10 minuti, finché la crema si addenserà.

Se non la utilizzi subito, copri la crema con una pellicola a contatto o spennellala di burro, per evitare che si formi una pellicina sulla superficie. Lascia intiepidire la crema pasticcera classica, poi utilizzala a piacere.

Ti potrebbe interessare anche: Lemon curd (crema di limone all’inglese)

Ti potrebbe interessare anche: Bignè allo zabaione di Moscato

Ti potrebbe interessare anche: Budino al cioccolato fondente fatto in casa