Con l’arrivo di settembre è tempo per i ragazzi di tornare sui banchi di scuola. Per cominciare bene la giornata di studio, Oleificio Zucchi propone di realizzare dei Cookies all’Olio Extra Vergine d’Oliva 100% italiano da filiera certificata Sostenibile Zucchi. 

Cookies all’olio extravergine per la colazione

Questi golosi biscotti della tradizione gastronomica americana sono l’ideale per la prima colazione, un pasto importantissimo per una sana dieta per tutti, ma in particolar modo per i bambini, che non dovrebbero mai saltarla. Concentrazione e memoria, fondamentali per lo studio, possono essere supportati attraverso un’alimentazione sana ed equilibrata, tenendo in particolare considerazione gli alimenti alleati dell’attività cerebrale, come l’olio extra vergine d’oliva.

Un dolce ritorno sui banchi di scuola 

“Oltre ad arricchire le ricette con il suo sapore, l’olio extravergine d’oliva contribuisce a rallentare l’invecchiamento del cervello e a mantenere le capacità di memoria”, spiega il dott. Giorgio Donegani, tecnologo alimentare, esperto in nutrizione ed educazione alimentare. “L’olio evo è un alimento che può aiutare anche le funzioni cerebrali di ragazzi e giovanissimi quando si torna sui libri. Secondo uno studio italiano, i polifenoli presenti nell’olio extravergine, possono addirittura invertire il processo dell’invecchiamento neurale”.

A proposito di Oleificio Zucchi 

Oleificio Zucchi nasce nel 1810 come attività artigianale a conduzione familiare dedicata all’estrazione di olio da semi per uso alimentare. Nel corso degli anni, sotto la guida della famiglia Zucchi l’azienda, con sede a Cremona, diventa una realtà industriale e commerciale italiana di primaria importanza nel settore oleario, sia in Italia che all’estero: una presenza internazionale rafforzata nel 2020 con l’apertura di una filiale operativa negli Stati Uniti. Con la Divisione Consumer, produce e distribuisce un’ampia gamma di oli da olive e da semi che si distinguono per l’eccellenza, il gusto e la versatilità in cucina, grazie alla profonda conoscenza dell’‘Arte del Blending‘.

Oleificio Zucchi si impegna per portare sulla tavola le migliori materie prime selezionate e armonizzate dai suoi blendmaster, e nel 2017 ha dato vita al primo disciplinare di Certificazione di Sostenibilità dell’intera filiera dell’olio Extra Vergine da olive (DTP 125), garantita da CSQA. Viene assicurata così per i suoi oli certificati, in Italia e in Europa, una filiera di eccellenza, trasparente e tracciabile in ogni passaggio, fondata sul rispetto per l’ambiente, sul giusto riconoscimento economico del lavoro, sui diritti dei lavoratori. 

Cookies all’Olio Extravergine Zucchi 

Per circa 40 biscotti

300 g di farina 0 

140 g di cioccolato fondente 

175 g di zucchero di canna scuro Muscovado 

40 g di nocciole  

30 g di cacao amaro

2 uova

100 g di Olio Evo 100% Italiano Sostenibile Zucchi  

50 ml di latte 

8 g di lievito vanigliato in polvere (mezza bustina)

sale 

 

Preparazione 30 min, cottura 12 min (per volta)

Setaccia in una ciotola la farina insieme con il cacao e il lievito, poi unisci le nocciole tritate grossolanamente, lo zucchero e un pizzico di sale. Grattugia il cioccolato e aggiungilo. 

Sbatti le uova in un’altra ciotola, poi incorpora versando a filo l’olio e il latte, quindi unisci il composto liquido nella ciotola con le polveri, versandolo a filo e mescolando. Forma un panetto con l’impasto, avvolgilo con una pellicola e mettilo a riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.

Preleva con un cucchiaino tante piccole porzioni di impasto e modellale con le mani in modo da ottenere tante palline di circa 35 g l’una. Disponile man mano distanziate fra loro sulla placca  foderata con carta da forno, schiacciandole leggermente.  

Cuoci i biscotti in forno già caldo a 170° per circa 10-12 minuti, senza farli scurire troppo. Prosegui nella preparazione, cuocendo una placca per volta, fino a esaurire l’impasto.

 

Ti potrebbe interessare anche:

Giovanni Zucchi: i segreti del blending

Cake integrale allo yogurt e olio extravergine di oliva

L’olio del futuro è già qui

Foto Ufficio Stampa