colomba-fai-da-te

La colomba non è un vero dolce tradizionale, ma è stato inventato negli anni 30 da Dino Villani, un geniale pubblicitario milanese, che studiò il modo di far lavorare gli impianti del panettone della ditta più famosa dell’epoca, la Motta, anche nella stagione primaverile.

L’invenzione della tradizione

Il successo fu strepitoso, soprattutto nel dopoguerra, e la colomba pasquale è entrata ormai nella rosa dei grandi classici della pasticceria di ricorrenza. Anche se è un dolce professionale non riproducibile completamente in casa, se ne può fare una versione più semplice, ma molto buona e sopratutto genuina perché gli ingredienti sono tutti scelti e controllati da chi la prepara. Tante le versioni possibili: all’impasto di base si può aggiungere, invece dei canditi, uvetta o gocce di cioccolato, pezzetti di frutta, noci, nocciole, pistacchi, ecc. in totale libertà creativa… 

Ricetta della colomba fai da te

Per 10 persone  

Primo impasto: 

300 g di farina Manitoba

100 g di zucchero

80 g di burro

15 g di lievito di birra

4 tuorli

Secondo impasto:

180 g di farina Manitoba

100 g di zucchero

100 g di burro

4 tuorli

1 cucchiaio di miele 

200 g di scorza d’arancia candita tagliata a dadini piccoli

2 cucchiai di estratto naturale di vaniglia

1 arancia non trattata

1 limone non trattato

4 g di sale marino integrale 

Per la glassa:

80 g di zucchero a velo

80 g di mandorle spellate

1 cucchiaio di miele

60 g di mandorle a lamelle oppure intere non spellate

2-3 albumi

granella di zucchero 

Preparazione 40 min, cottura 50 min, riposo 9 h

Sciogli il lievito di birra in 50 ml d’acqua tiepida con un cucchiaino di zucchero e lascia riposare per 10 minuti. Aggiungi 60 g di farina, impasta e trasferisci il panetto in una ciotola, copri e lascia lievitare per circa 1 ora in luogo tiepido.  

Setaccia sul piano di lavoro la farina rimasta del primo impasto (240 g), mescolala con lo zucchero rimasto, crea un incavo al centro e disponici il panetto lievitato e le uova sbattute, poi comincia a impastare incorporando poco per volta circa 150 ml d’acqua tiepida e il burro ammorbidito a pezzettini. Lavora con energia per una decina di minuti, poi forma un panetto e mettilo in una ciotola, copri e lascia lievitare per circa 8 ore in luogo tiepido. 

Riprendi il panetto lievitato e incorpora lavorando poco per volta gli ingredienti del secondo impasto: 180 g di farina, 100 g di zucchero, 100 g di burro, 4 tuorli, 1 cucchiaio di miele, i canditi, 2 cucchiai di estratto di vaniglia, la scorza del limone e dell’arancia grattugiate, il sale e circa 50-60 ml di acqua tiepida. Impasta a lungo, quindi trasferisci il composto in uno stampo di carta usa e getta a forma di colomba, copri e lascialo lievitare ancora finché raggiungerà il bordo dello stampo. 

Intanto, metti a bagno per 30 minuti le mandorle a lamelle. Per la glassa, frulla le mandorle spellate con lo zucchero a velo e il miele, aggiungi gli albumi in modo da ottenere un composto fluido e spalmalo sulla superficie della colomba. 

Distribuisci sulla superficie le mandorle a lamelle, scolate e asciugate, spolverizza con la granella di zucchero e cuoci il dolce in forno già caldo a 180° per circa 50 minuti, finché la colomba sarà ben gonfia e la superficie dorata. Sfornala, lasciala raffreddare completamente e gustala il giorno successivo. 

 

Ti potrebbe interessare anche: Pandolce genovese

Ti potrebbe interessare anche: Pastiera napoletana classica

Foto: Freepik