Le patatine chips

patatine-chips-parliamo-di-cucina

Una tira l’altra: le patatine chips sono irresistibili! Prepararle in casa è facilissimo e il risultato è sempre un successo strepitoso.

 

Per preparare le patatine chips, scegliete una qualità di patate non farinose, a pasta gialla e compatta. Quando le acquistate, controllate che non abbiano ammaccature, che siano sode e soprattutto senza germogli. Per affettare le patate molto sottili senza fatica, potete usare un pelapatate, una mandolina oppure un robot da cucina o l’affettatrice. Per ottenere le patatine chips goffrate ci vuole l’apposita mandolina con lama zigrinata, quella dotata di carrello facilita il taglio e protegge le dita. Dopo averle tagliate, lavate sempre le fettine di patata più volte in acqua fredda corrente, per far perdere l’amido che le farebbe attaccare durante la cottura.

Quando le friggete, le patatine dovranno essere immerse completamente nell’olio: in questo modo ne assorbiranno meno. Per verificare la giusta temperatura dell’olio, immergete una patatina: si dovranno formare tante bollicine intorno e la patatina risalire in 25 secondi. Friggete poche patate per volta per non abbassare la temperatura dell’olio, altrimenti il fritto risulterà più unto e meno croccante. Per un risultato perfetto si deve fare la doppia frittura, usando il termometro da cucina per controllare le due temperature dell’olio: 150°C per la prima e 180°C per la seconda.

Tenete in caldo le patatine chips, trasferendole nel forno scaldato ma spento e con lo sportello semiaperto, altrimenti l’umidità che si forma le rende molli. A piacere, potete spolverizzare le patatine chips anche con erbe aromatiche secche o paprika e servitele con ketchup, maionese, salsa tartara, senape, ecc…

 

Per 4-6 persone

600 g di patate a pasta gialla

olio di semi di arachidi

sale marino integrale

 

1. Sbucciate le patate, lavatele e tagliatele a fettine sottilissime, con un coltello affilato o, meglio ancora, con l’apposita mandolina o l’affettatrice. Sciacquate le fettine di patata con abbondante acqua fredda corrente, poi sgocciolatele e stendetele ad asciugale su un telo pulito.

2. Versate abbondante olio di semi di arachidi in un’ampia padella antiaderente oppure nella friggitrice e scaldatelo a fiamma media. Quando sarà ben caldo, trasferite nella pentola poche patate per volta e friggetele per 4-5 minuti, sempre a fuoco medio, poi sgocciolatele in un piatto.

3. Alzate la fiamma e immergete di nuovo le patatine chips nell’olio bollente per 1-2 minuti, finché saranno ben dorate e croccanti. Sgocciolatele con un mestolo forato, man mano che verranno pronte, e trasferitele su strati di fogli di carta assorbente da cucina sovrapposti, per far assorbire l’unto.  Disponete le patatine chips in una ciotola, spolverizzatele con un pizzico di sale e servitele ben calde finché sono croccanti.

 

 

(immagine:ohmyveggies.com)

Tyrrells veg crisps

Tyrrells-veg-crisps-parliamo-di-cucina

Arrivano in Italia le nuove patatine Tyrrells, realizzate con un mix originale di sottili fette croccanti di alcuni dei tuberi più gustosi.

 

Non ci sono solo le patatine, ma anche le carote, le patate dolci, le pastinache e le barbabietole: tutti tuberi poco usati o sconosciuti, che sono tornati di gran moda. Un nuovo tipo di chips, perfetto da offrire per l’aperitivo o per uno snack veloce e gustoso, originale e raffinato, che utilizza insieme alle classiche patatine un insolito e gustosissimo mix di altri tuberi, con l’aggiunta di un pizzico di sale.

Le Tyrrells sono uno spuntino diverso, dal sapore nuovo per dare un tocco di originalità, anche come decorazione di un piatto, oppure un pratico stuzzichino da tenere nella borsa e gustare in ogni momento della giornata. I tuberi vengono affettati sottilmente, fritti in abbondante olio di semi di girasole, come avviene per le patatine, passati in un essiccatore che ne elimina l’unto in eccesso e li rende ancora più fragranti per poi essere leggermente salati e imbustati.

Un mix di ingredienti particolari, come anche il resto della produzione dell’azienda. Sul mercato italiano le Tyrrells veg crisps sono distribuite in tre varianti: una con un mix di barbabietola, pastinaca (un tubero simile alla carota, ma color crema e più dolce, molto usata in Inghilterra) e patata, la seconda con un mix di carota, patata dolce e patata e l’ultima con un mix di barbabietola, pastinaca e carota.