pizzoccheri-valtellinesi-ricetta-parliamo-di-cucina

Preparazione classica dei mesi freddi e simbolo della tradizione gastronomica della Valtellina, i pizzoccheri valtellinesi tradizionali al Casera hanno forma di tagliatelle spesse e corte, cotte con verdure rustiche e insaporite e gratinate con abbondante burro e Valtellina Casera, il formaggio Dop tipico della zona, da non confondere con il Bitto, altro prodotto molto pregiato, che viene riservato invece per altre preparazioni come gli sciatt, deliziose frittelle di pastella e formaggio. 

Tipicità del territorio

La ricetta originale dei pizzoccheri valtellinesi tradizionali prevede che siano preparati freschi al momento, impastando farina scura di grano saraceno con farina di frumento. Oggi sono però molto diffusi anche quelli secchi che si trovano al supermercato: in questo modo la  preparazione diventa più semplice e alla portata di tutti.

Fatti freschi al momento

Se vuoi invece cimentarti con quelli originali, impasta 300 g di farina di grano saraceno con 150 g di farina 00 e circa 200 ml di acqua tiepida. Lavora a lungo con energia, forma una massa, coprila con un telo e lasciala riposare per 1 ora. Stendi la pasta con il matterello in una sfoglia non troppo sottile di circa 2-3 mm di spessore, quindi tagliala a striscioline di circa 1×7 cm. Cuocili in acqua bollente salata per circa 5 minuti.

Ricetta dei pizzoccheri valtellinesi tradizionali al Casera

Per 4 persone

360 g di pizzoccheri valtellinesi secchi

250 g di patate

1 cuore di verza

250 g di formaggio Valtellina Casera

2 spicchi d’aglio

6-7 foglie di salvia

120 g di burro

sale e pepe

 

Preparazione 30 min, cottura 40 min

Ricava 250 g di foglie interne dalla verza, privale della costa centrale più dura, poi tagliale a listerelle. Sbuccia le patate, tagliale a tocchetti di circa 2-3 cm e mettili a bagno in acqua fredda.

Tuffa le verdure in abbondante acqua bollente salata per 5-6 minuti, poi aggiungi i pizzoccheri e cuocili per il tempo indicato sulla confezione (circa 10-12 minuti). Intanto, taglia il formaggio a striscioline sottili o a scaglie e metti una teglia imburrata in forno già caldo a 200° per 5-6 minuti.

Nel frattempo, rosola in un pentolino gli spicchi d’aglio schiacciati e spellati con il burro e le foglie di salvia finché saranno ben dorati, poi elimina l’aglio.

Scola la pasta con le verdure e disponine 1/3 nella teglia ben calda. Spolverizza con 1/3 del formaggio, poi prosegui  alternando strati di pizzoccheri e formaggio. Irrora la superficie con il burro fuso caldo e le foglie di salvia, spolverizza con abbondante pepe, poi trasferisci la teglia in forno caldo a 180° e cuoci ancora per 3-4 minuti.

 

Ti potrebbe interessare anche: Cake di grano saraceno allo yogurt e cioccolato

Ti potrebbe interessare anche: Pan di spezie al burro salato

E anche: Valtellina terra di grandi formaggi