Attiva da oltre un secolo grazie alla passione dei suoi fondatori, Apicoltura Piana è un’azienda che, grazie a una profonda conoscenza del settore e alle capacità imprenditoriali dei suoi amministratori, ha consolidato un posizionamento sul mercato che comprende prodotti a marchio, private label e tanta innovazione, per valorizzare il prezioso lavoro delle api e offrire un prodotto di alta qualità ai consumatori di miele. 

Oltre un secolo di dolcezza

Attraverso una recente acquisizione, Apicoltura Piana è entrata a far parte totalmente di Flara Holding, il gruppo che fa capo alla famiglia Mengoli, e che conferma il proprio interesse a proseguire gli investimenti nel segmento food e a creare le condizioni per valorizzare un’impresa ultrasecolare. 

“Siamo molto felici di aver concluso quest’operazione”, commenta Massimo Mengoli (nella foto), amministratore delegato di Flara Holding. “Perché ci permetterà di proiettare verso il futuro un’azienda che ha mostrato di avere ampi margini di crescita, grazie alla grande attenzione alla qualità in tutte le fasi della filiera. Questo è uno degli aspetti su cui vogliamo ulteriormente puntare, investendo per esempio in progetti tecnologici finalizzati a garantire la completa trasparenza nella tracciabilità dei prodotti”.  

Tra gli obiettivi futuri, c’è anche la volontà di valorizzare un capitale storico che, grazie alla passione e all’impegno delle persone che vi operano, ha assunto un ruolo sociale oltre che economico, all’interno della comunità del territorio nella quale è insediata. A conferma del proprio impegno, Flara Holding ha chiuso anche l’accordo per l’acquisto dello storico stabilimento di Apicoltura Piana di Castel San Pietro Terme. 

Una bella storia 

Nell’anno 1903 il professor Gian Pietro Piana lascia l’università di Milano dove insegnava, per trasferirsi nel verde delle colline di Castel San Pietro, vicino a Bologna. Innamoratosi della campagna emiliana, tra frutteti ed erbe aromatiche, inizia con il figlio Gaetano a studiare le api rendendosi così conto delle particolari doti delle api italiane, più docili e produttive delle consorelle europee. Nasce Apicoltura Piana, una realtà autorevole e riconosciuta anche oltreoceano per le sue api regine italiane, la specie più versatile e adatta all’apicoltura per la grande produzione di miele e polline. 

Grazie all’esperienza acquisita i fratelli Piana, figli di Gaetano, intorno agli anni 20 riprendono l’attività di famiglia espandendo ulteriormente l’allevamento delle api regine. L’idea è vincente e, all’inizio degli anni 50, Apicoltura Piana è già una delle maggiori aziende italiane del settore con le sue varie attività: allevamento ed esportazione di api regine, apicoltura nomade con produzione di miele, fabbricazione di fogli cerei. 

Negli anni 60 i prodotti Piana sono già distribuiti in farmacie, erboristerie e aziende alimentari. Poco dopo, Giulio e l’Apicoltura Piana diventano un fondamentale punto di riferimento per il mondo apistico grazie al miele di qualità e all’esperienza di allevamento: i prodotti iniziano ad entrare anche nei supermercati e in grande distribuzione e, negli anni ’90, i volumi e il fatturato crescono in modo  significativo, posizionando Apicoltura Piana, anche sotto il profilo commerciale, ai vertici del settore miele dove ancora oggi si trova in veste di protagonista.

La crescita continua, fior da fiore 

Apicoltura Piana è oggi conosciuta in tutto il mondo per la qualità e l’eccellenza dei suoi prodotti: dalle materie prime al prodotto finito, durante l’intera fase produttiva il miele viene verificato, analizzato e certificato. Solo questa severa selezione permette di offrire ai consumatori il meglio della produzione nazionale e internazionale. 

L’azienda sceglie inoltre solo produttori che salvaguardino il lavoro delle api, appoggiando un’agricoltura sostenibile che evita trattamenti chimici. Le api sono a rischio estinzione e soffrono la contaminazione ambientale dell’uomo. L’essere umano interferisce con le caratteristiche della flora e del clima e di conseguenza cambia anche la qualità del miele, che dipende oltre che dalle api in larga parte  anche dall’ambiente circostante e dai fiori. 

Miele su misura  

Apicoltura Piana ha una gamma completa di gusti e formati a proprio marchio, per tutte le esigenze di un consumo moderno, rivolti alla grande distribuzione e alla ristorazione. Prodotto di punta dell’azienda è il comodo formato squeeze di cui sono stati i precursori. L’idea ha avuto molto successo, perché il formato è estremamente pratico, dosa perfettamente il miele e ne facilita l’uso senza sporcare posate. Oggi l’azienda produce il 40% degli squeeze presenti negli scaffali dei supermercati. 

Dal 2017 si è affermata anche come produttore conto terzi per private label. Grazie all’ampia capacità produttiva e alla lunga esperienza, Apicoltura Piana fornisce soluzioni personalizzate ‘a misura del cliente’, progettando prodotto, etichetta e confezione. Anche in questo caso i formati sono vari e concordati insieme, in base alle necessità d’uso e di commercializzazione. 

L’azienda registra un fatturato di oltre 20milioni di euro e lavora ogni anno 5mila tonnellate di miele, di cui 2mila e 400 tonnellate distribuite in Gdo. Tra prodotto a marchio proprio e produzioni dedicate copre il 20% delle confezioni vendute nel totale mercato del miele Italiano. Con un secolo di esperienza, è riconosciuta anche all’estero come la principale azienda italiana nel settore del miele e, grazie all’alta qualità e la flessibilità nell’offerta, riesce a fornire soluzioni specifiche per tutti i settori. 

Benessere dell’ambiente e degli insetti

Per una gestione delle api rispettosa dell’ambiente e della biodiversità, Apicoltura Piana si è affidata a Melixa System, una tecnologia avanzata per il monitoraggio in tempo reale e da remoto dello stato dell’apiario, senza interferire con l’attività delle api. 

“Abbiamo investito su questo sistema di monitoraggio per migliorare la produzione, ma anche per aumentare le conoscenze sul mondo delle api, in un momento storico in cui gli impollinatori sono sottoposti a gravi stress e la loro attività, fondamentale per la vita sul pianeta, è fortemente a rischio”, prosegue Massimo Mengoli. “Con Melixa System saremo in grado di misurare la produzione, le condizioni dell’arnia e il benessere delle colonie di api, pronti ad intervenire solo quando serve, e a raccogliere dati utili a migliorare il nostro lavoro e a diffondere conoscenza sul mondo delle api”.

Attraverso questa tecnologia, Apicoltura Piana consolida il proprio approccio rispettoso e consapevole del ruolo degli impollinatori nei delicati equilibri naturali. Sono insetti molto sensibili il cui benessere deve essere protetto, perché si tratta di preziosi indicatori dello stato di salute dell’ambiente e della biodiversità e sono fondamentali in agricoltura. Un nuovo approccio che consente di ottenere in tempo reale informazioni sullo stato di salute delle api in modo puntuale ed efficiente, migliorando al tempo stesso la produzione e la qualità del miele per proporre al mercato un’offerta di grande pregio.

Ti potrebbe interessare anche: Conapi: miele contro i pesticidi

Ti potrebbe interessare anche: Il grande universo delle api e del miele

Ti potrebbe interessare anche: Il magico potere degli oli essenziali