Crostata-classica-alla-confettura-ricetta-parliamo-di-cucina

Una torta che non ha bisogno di presentazione: la crostata alla confettura è uno dei grandi classici della pasticceria casalinga italiana, un dolce della memoria, da gustare nei pomeriggi di festa con una tazza di tè o caffè, perfetta anche per la merenda dei bambini

Le varianti sono infinite: sbizzarritevi con le confetture e le marmellate che vi piacciono, ma potete anche usare crema di cioccolato spalmabile, crema pasticcera, ricotta zuccherata e tutto quello che suggerisce la memoria e la fantasia gastronomica. La crostata è migliore se riposa per alcune ore, meglio ancora per una notte. Se vi piace, servitela decorata con poco zucchero a velo, confettino colorati oppure fiorellini freschi.

Per 8-10 porzioni

350 g di farina 00

175 g di burro

2 uova

1 tuorlo

175 g di zucchero

350 g confettura di prugne o altra frutta a piacere

scorza di 1 limone non trattato o 1 cucchiaio di estratto naturale di vaniglia

sale

Disponete nel mixer la farina con lo zucchero, un pizzico di sale, il burro freddo tagliato a pezzetti e frullate fino a ottenere un composto di briciole.

Aggiungete le uova e il tuorlo, la scorza del limone grattugiata o la vaniglia e azionate a più riprese, fino a ottenere un composto omogeneo. Formate un panetto, avvolgetelo con una pellicola e fatelo riposare in frigorifero per almeno 1 ora.

Tenete da parte 1/4 della pasta e avvolgetela di nuovo in pellicola. Stendete il resto con un matterello sul piano di lavoro leggermente infarinato in uno spessore di circa 1/2 cm e ricavate un disco.

Avvolgetelo intorno al matterello e srotolatelo direttamente dentro uno stampo da crostata da 26 cm di diametro, meglio se con il fondo rimovibile, imburrato. Bucherellate il fondo della pasta con una forchetta.

Stendete la pasta rimasta, infarinandola leggermente, e ricavate tante strisce lunghe circa 30 cm e larghe 1-1,5 cm. Versate la confettura nello stampo e stendetela formando uno strato uniforme.

Disponete 4-5 strisce di pasta sulla torta, distanti 3-4 cm e parallele tra loro, appoggiando le estremità ai bordi dello stampo e contemporaneamente sistemate altre 4-5 strisce perpendicolari alle prime, facendole passare una volta sopra e una volta sotto le strisce che incrociano.

Piegate verso l’interno la pasta ai bordi dello stampo, eliminando l’eccesso e pizzicando la pasta leggermente con le dita. Cuocete la crostata in forno già caldo a 180 °C per 45-50 minuti, finché la superficie della pasta sarà dorata. Lasciatela completamente raffreddare e riposare per almeno 6 ore. La crostata sarà migliore il giorno successivo.

(immagine:thesepeasarehollow.blogspot.com)