Il paté di carni al Porto con salsa di mirtilli rossi (i cranberries americani), è una preparazione facile e deliziosa, dedicata soprattutto a quelli che non amano il fegato, l’ingrediente classico di questa ricetta. Il tocco delle nocciole lo rendo poi assolutamente squisito. 

Più leggero e meno calorico

L’uso della panna al posto del burro rende questa ricetta meno calorica. Una porzione vale circa 300 calorie. Se desideri un paté ancora più morbido e spumoso, aggiungi alla carne frullata la panna fresca montata. Incorporala al composto con una spatola, con movimenti delicati dal basso verso l’alto.

Il petto d’anatra

Questa carne dal gusto deciso conferisce al paté un sapore originale e inconsueto. Se invece ami il fegato, sostituisci i 200 g di petto d’anatra con l’equivalente di fegatini di pollo, puliti e privati dei nervi. In alternativa, puoi anche utilizzare 200 g di fegato di vitello. Per una variante gustosa del paté puoi usare 50 g di pistacchi spellati invece delle nocciole. Anche per il Porto, puoi cambiarlo con un vino roso meno pregiato, soprattutto se devi riciclare degli avanzi.

La salsa di mirtilli rossi

Metti a bagno in un pentolino 150 g di mirtilli rossi essiccati in 300 ml di succo di mirtilli per 1 ora. Aggiungi 60 g di zucchero, un pizzico di sale, la scorza di 1/2 limone non trattato grattugiata e 2 cucchiai di succo di limone, porta a ebollizione e cuoci a fiamma bassa per circa 30 minuti, mescolando spesso. Sciogli 2 cucchiaini di amido di mais in 2 cucchiai d’acqua fredda, aggiungili al composto e prosegui la cottura per 3-4 minuti, mescolando, finché la salsa si addenserà.

Ricetta del paté di carni al Porto con salsa di mirtilli rossi

Per 4 persone

200 g di fesa di vitello

1 rametto di salvia

200 g di filetto di maiale

2 rametti di timo

200 g di petto d’anatra

2 foglie d’alloro

30 g di lardo

2 scalogni

4-5 bacche di ginepro

1 chiodo di garofano

noce moscata

cannella in polvere

coriandolo in polvere

250 ml di Porto rosso

50 g di nocciole tostate e spellate

200 ml di panna fresca

sale e pepe

 

Preparazione 30 min, cottura 20 min + riposo

Taglia a striscioline la fesa di vitello, il filetto di maiale e il petto d’anatra. Disponi le carni in un contenitore ermetico con il Porto, 1 rametto di rosmarino, 2 rametti di timo, gli scalogni spellati e affettati, 1 cucchiaino di pepe nero in grani, 2 foglie d’alloro e il chiodo di garofano. Chiudi il contenitore e riponilo in frigorifero per almeno 4-5 ore, meglio per una notte.

Sgocciola la carne dalla marinata e trasferiscila in una ciotola. Filtra il Porto attraverso il colino, elimina gli aromi e le spezie e tieni da parte il vino aromatizzato.

Rosola in una padella ampia il lardo tritato. Aggiungi le fettine di carne e cuocile a fuoco molto vivace per 4-5 minuti. Aggiungi il vino, lascialo completamente evaporare e regola di sale.

Trita intanto al mixer le nocciole, poi aggiungi la carne ancora tiepida e frulla fino a ottenere un composto liscio e omogeneo. Trasferiscilo in una ciotola e incorpora la panna, mescolando bene.

Versa il paté in un contenitore ermetico o in una ciotola, copri e lascialo riposare in frigorifero per almeno 12 ore, meglio per 24 ore. Servi il paté con fette di pane tostato, la salsa di cranberries e frutti rossi freschi a piacere.

 

Ti potrebbe interessare anche:

Paté vegano di lenticchie alle noci e arancia

Paté cremoso di fegatini al Marsala

Terrina di carne in gelatina

Foto Freepik