Paté vegetariano di lenticchie alle noci e arancia

Pate-vegetariano-di-lenticchie-alle-noci-ricetta-parliamo-di-cucina

Il paté vegetariano di lenticchie e noci è una deliziosa crema da spalmare su crostoni di pane tostato da offrire con l’aperitivo che introduce un pranzo di festa.

Il paté vegetariano è anche un’ottima soluzione per chi non ama il fegato, non deve mangiare burro oppure è vegetariano. Questa ricetta è davvero squisita e si presta a molte varianti: potete realizzarla con ceci, fagioli cannellini o altri legumi ancora e usare nocciole o mandorle al posto delle noci.

Per 4-6 persone

250 g di lenticchie verdi piccole, meglio se di Castelluccio

100 g di gherigli di noci

1 cipolla dorata

2-3 rametti di timo

1 spicchio d’aglio

1 arancia bio non trattata

aceto di mele

triplo concentrato di pomodoro

noce moscata

zucchero

olio extravergine di oliva

sale e pepe

Fate appassire la cipolla tritata con lo spicchio d’aglio in una casseruola con le foglie di timo, un filo d’olio e 2 cucchiai d’acqua a fiamma bassa per 3-4 minuti, mescolando di tanto in tanto.

Unite le lenticchie ben sciacquate, mescolate, poi versate 600 ml di acqua bollente, 1 cucchiaio e 1/2 di concentrato di pomodoro e proseguite la cottura con il coperchio scostato per circa 1 ora, mescolando di tanto in tanto e unendo ancora poca acqua calda se il fondo si asciuga troppo, ma senza aggiungere sale che farebbe indurire i legumi. Salate solo a fine cottura e lasciate intiepidire.

Versate le lenticchie nel recipiente del mixer, poi unite i gherigli spezzettati, 1 cucchiaio di aceto, la scorza grattugiata e 3 cucchiai di succo d’arancia, 1/2 cucchiaino da caffè di zucchero, sale, pepe e noce moscata, un filo d’olio e frullate fino a ottenere una crema omogenea.

Regolate di sale, poi suddividete il paté vegetariano di lenticchie e noci in 4-6 ciotoline, coprite con pellicola e lasciatelo riposare per almeno 4-53 ore in frigo prima di servirlo con fette di pane tostato calde.

(immagine:vegangoodthings.blogspot.com)

Banana Bread

Il Banana Bread è uno dei cake più noti della cucina americana, ideale per la prima colazione o la merenda dei bambini, che merita di essere conosciuto anche dal pubblico italiano. 

Grande classico della tradizionale cucina di casa statunitense, il Banana Bread è stato creato negli anni ’30, quando questi frutti diventarono un prodotto di consumo molto comune nelle famiglie e contemporaneamente venne inventato il baking powder, il lievito istantaneo per dolci. La necessità di riciclare le banane troppo mature e la facilità di preparazione  hanno dato vita a questa deliziosa specialità, diventata ormai popolarissima: molti ricettari dell’epoca riportano già la formula base, che è stata poi nel tempo declinata in numerosissime varianti. Una sola, tanto per fare un esempio: il Pumpkin Bread, con polpa di zucca cotta al forno al posto di quella delle banane. Per rendere ancora più goloso il Banana Bread sono state aggiunte le noci o, a piacere anche anacardi o nocciole, oppure uvetta, ma anche gocce di cioccolato e ancora un mix e quant’altro può rendere speciale la torta. Se preferite non usare il liquore, sostituitelo con succo di limone o arancia. Per servire, si può decorarla anche con glassa o zucchero a velo, canditi e tanto altro ancora. Una curiosità: il National Banana Bread day nel Usa si festeggia il 23 di febbraio.

Per 8 persone

3 banane molto mature (circa 260-280 g)

240 g di farina 00 (oppure 0) 

150 g di burro o 150 ml di olio di semi di arachidi 

150 g di zucchero di canna molto scuro 

2 cucchiai di miele 

3 uova 

4 cucchiai di rum  

8 g di lievito vanigliato (mezza bustina)

100 g di gherigli di noci 

1 cucchiaino di cannella in polvere 

sale

Sbucciate le banane e schiacciatele con la forchetta. Montate in una ciotola con la frusta elettrica le uova con lo zucchero, il miele e due pizzichi di sale, finché saranno ben gonfie e spumose. 

Aggiungete il burro fuso tiepido, poi incorporate a pioggia mescolando in 3-4 volte la farina setacciata con il lievito e la cannella. Unite infine la polpa di banana, 70 g di gherigli spezzettati grossolanamente e il liquore. 

Versate il composto in uno stampo da plumcake foderato con carta da forno bagnata e strizzata, distribuite sulla superficie i gherigli rimasti e cuocete la torta in forno già caldo a 160 °C per circa 55-60 minuti. Lasciatela raffreddare completamente e fatela riposare per qualche ora, meglio ancora se la servite il giorno dopo. 

Torta di noci al caffè

Torta-di-noci-al-caffè-ricetta-parliamo-di-cucina

Classico della pasticceria inglese, la torta di noci al caffè è una ricetta assolutamente deliziosa, perché questi due gustosi sapori si sposano alla perfezione

La ricetta è facile e potete renderla ancora più scenografica aggiungendo qualche decoro, come chicchi di caffè di cioccolato, ciuffetti di panna montata, riccioli di cioccolato prelevati con una mandolina o un pelapatate e così via. La torta di noci al caffè risulta ancora più saporita e gustosa se si  lascia riposare e si serve il giorno successivo.

Per 8 persone

Per la torta:

150 g di farina 00

100 g di amido di mais

80 g di farina di noci

20 g di gherigli spezzettati grossolanamente

150 g di zucchero

150 g di burro

3 uova

200 ml di latte

8 g di lievito vanigliato in polvere

3 cucchiai di caffè liofilizzato in polvere

1 baccello di vaniglia

sale

Per la crema:

80 g di burro

160 g di zucchero a velo

3 cucchiaini di caffè liofilizzato

2 cucchiai di latte

Incidete il baccello di vaniglia, nel senso della lunghezza, mettetelo in un pentolino, versate il latte e portate lentamente a ebollizione. Unite il caffè solubile, mescolate bene e lasciate raffreddare.

Per la crema, diluite il caffè solubile con il latte caldo; lavorate il burro ammorbidito con lo zucchero fino a ottenere una crema, poi incorporate il composto di caffè. Mette la crema in frigorifero a riposare.

Per la base, montate in una ciotola il burro ammorbidito a temperatura ambiente con lo zucchero e un pizzico di sale, fino a ottenere una crema morbida e soffice. Incorporate le uova, uno alla volta, poi aggiungete la farina setacciata con l’amido di mais e il lievito. Unite il composto di latte e caffè, privato del baccello di vaniglia, versandolo a filo e mescolate fino a ottenere un impasto liscio e omogeneo.

Foderate uno stampo a cerniera di 20-22 cm di diametro con un foglio di carta da forno bagnato e strizzato. Versatevi l’impasto e battete leggermente sul piano di lavoro per livellarlo bene. Cuocete il dolce in forno già caldo a 180 °C per circa 50 minuti, poi lasciate raffreddare completamente.

Spalmate la crema sulla superficie della torta e decoratela con i gherigli di noce spezzettati. In alternativa, potete tagliare la torta di noci al caffè a metà, in senso orizzontale spalmare la crema, riposizionare la parte superiore e servirla spolverizzata con zucchero a velo.

(immagine:kitchen-delights.blogspot.com)

Carciofi ripieni con stracchino e noci

Carciofi-ripieni-con-stracchino-e-noci-ricetta-parliamo-di-cucina

Una ricetta vegetariana ma golosissima: i carciofi ripieni di stracchino con le noci. Facile da preparare, richiede solo un po’ di pazienza per la noiosa la pulitura dei carciofi: se potete, per questa operazione indossate i guanti in lattice usa e getta, per evitare che le mani si anneriscano

 

Tante le varianti a piacere: se non avete le erbe aromatiche indicate sostituitele con un ciuffo di prezzemolo. Se volete un sapore più deciso, usate il pecorino al posto del grana padano e le mandorle al posto delle noci.

 

Per 4 persone

12 carciofi + 1 limone

200 g di stracchino

2 fette di pan carré + latte

20 g di gherigli di noci

2 rametti di timo + 2 rametti di maggiorana

1/2 spicchio d’aglio

grana padano grattugiato

1 dl di vino bianco secco

olio extravergine di oliva

sale e pepe

 

1. Eliminate i gambi, le foglie più esterne e le punte spinose dei carciofi. Arrotondate i fondi con un coltellino affilato allargate delicatamente la foglie e togliete il fieno interno con un cucchiaino o uno scavino. Man mano che vengono pronti, disponete i carciofi in una ciotola con acqua fredda acidulata con il succo del limone.

2. Eliminate la crosta delle fette di pan carré, mettetele in una ciotola e irroratele con il latte. Sciacquate i rametti di maggiorana e timo, ricavate le foglioline e tritatele con il 1/2 spicchio d’aglio spellato. Trasferite il trito in una ciotola, aggiungete lo stracchino, 2 cucchiai di grana padano grattugiato, il pan carré sgocciolato, strizzato e sbriciolato e un pizzico di sale e pepe. Mescolate fino a ottenere un composto omogeneo.

3. Sgocciolate i carciofi e riempiteli con il ripieno preparato, aiutandovi con un cucchiaino. Disponeteli man mano in una teglia o pirofila foderata con un foglio di carta da forno bagnato e strizzato. Spolverizzateli con un pizzico di grana padano e i gherigli di noce tritati grossolanamente, versate sul fondo della teglia il vino bianco e un filo d’olio, coprite con un foglio di alluminio e cuocete in forno già caldo a 180°C per 30 minuti. Togliete l’alluminio, alzate la temperatura a 200°C e proseguite la cottura ancora per una decina di minuti, finché la superficie dei carciofi ripieni sarà dorata e servite.

 

(immagine:afewshortcuts.com)

Cake con gorgonzola, noci e uvetta

Cake-con-gorgonzola,-noci-e-uvetta-ricetta-parliamo-di-cucina

Mix di sapori tipicamente invernali per un golosissimo cake salato, da servire per un buffet, una cena fra amici o addirittura a merenda per uno spuntino.

L’impasto è soffice e arricchito da gorgonzola, noci e uvetta. A piacere, potete anche preparare numerose varianti: al posto dell’uvetta, utilizzate 1-2 pere pulite e tagliate a fettine (circa 200 g), oppure 80 g di fichi secchi, messi a bagno, spezzettati e infarinati. Infinite poi possono essere le idee anche con altri formaggi e semi oleosi.

Per 6-8 persone

250 g di farina 00

150 g di gorgonzola piccante

60 g di uvetta chiara grande

60 g di gherigli di noce

200 g di burro

100 ml di latte

3 uova

1 cucchiaio di zucchero

8 g di lievito in polvere per torte salate (1/2 bustina)

olio extravergine di oliva

noce moscata

sale e pepe

Disponete il burro in una ciotola grande e lasciatelo ammorbidire a temperatura ambiente. Mettete a bagno l’uvetta in acqua tiepida per 10 minuti, poi scolatela, passatela nella farina, mettetela in un colino e scuotetela per eliminare l’eccesso. Tagliate a dadini il gorgonzola e spezzettate grossolanamente i gherigli di noce.

Montate il burro con lo zucchero e un pizzico abbondante di sale, pepe e noce moscata grattugiata. Poi incorporate le uova, uno alla volta, e 4 cucchiai d’olio. Incorporate la farina setacciata con il lievito, in 2-3 volte, alternandola al latte. Mescolate bene, fino a ottenere un composto liscio e omogeneo, poi unite l’uvetta, il gorgonzola e i gherigli di noce.

Foderate uno stampo da plumcake da 1,5 litri con un foglio di carta da forno bagnato e strizzato, versatevi il composto preparato e livellatelo. Trasferitelo nel forno già caldo a 200 °C e cuocete per circa 35 minuti.

Verificate la cottura, inserendo al centro del cake uno stecchino di legno, che dovrà uscire asciutto e pulito. Sfornate e lasciate raffreddare, quindi servite il cake tagliato a fette.

(immagine:lebookgourmand.blogspot.com)