croccante-ricetta-parliamo-di-cucina

Delizioso e facilissimo da preparare, il croccante è un dolce antico e povero, tipico di tantissime località italiane e straniere. Per cambiare gusto, ricordate che si può preparare con quasi tutti i semi oleosi, ottenendo dei risultati molto interessanti

Per riuscire alla perfezione è importante tenere conto di tanti piccoli trucchi. Per prima cosa, aggiungete sempre del succo di limone allo zucchero, perché gli impedisce di cristallizzare e il caramello imbiondisce facilmente. Poi, ricordate di toglierlo dal fuoco quando il caramello si presenta un po’ più chiaro del colore che desiderate perché, raggiungendo una temperatura molto alta (lo zucchero caramella a circa 200 °C), continua a cuocere finché si raffredda e rischia di diventare troppo scuro, prendendo un gusto amarognolo. La fiamma di cottura non deve oltrepassare il fondo della casseruola: se tocca le pareti, lo zucchero che vi aderisce si brucia e compromette la buona riuscita. Naturalmente il croccante si può preparare con qualunque tipo di semi oleosi: nocciole, noci, arachidi, pinoli, pistacchi, anacardi, ecc., ma anche semi di girasole, di zucca e di sesamo. Ricordate di tostare leggermente noci e semi prima di usarli perché risultano più fragranti. Non mettete il croccante in frigorifero, perché il caramello teme l’umidità: perde croccantezza e diventa appiccicoso. Tenetelo in dispensa o in un luogo fresco e asciutto. Il croccante si conserva a lungo, anche un mese, in vasi di vetro, se i pezzi sono piccoli, oppure in scatole di latta foderate con carta da forno.

Per 4 persone

200 g di zucchero

200 g di mandorle

succo di limone

olio di mandorle o di semi

Se preferite, spellate le mandorle immergendole in acqua bollente per 1 minuto, scolatele ed eliminate le pellicine strofinandole con un telo. A piacere, tagliatele a filetti sottili. Tostatele leggermente sotto il grill alla massima potenza per 2-3 minuti, mescolandole a metà cottura.

Versate in un padellino con il fondo spesso lo zucchero, 1 cucchiaio di succo di limone, 1-2 d’acqua e le mandorle. Trasferitelo sul fuoco e cuocete a fiamma bassa, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno unto d’olio per non farlo attaccare, finché lo zucchero sarà dorato chiaro. Se volete un croccante meno duro, non usate acqua ma aggiungete una noce di burro.

Versate il composto su un piano di marmo o una placca ampia oppure un foglio di carta da forno, leggermente unti d’olio. Stendete velocemente il composto aiutandovi con mezzo limone, sempre unto d’olio, e formando uno strato di circa 1 cm di spessore.

Prima che si indurisca, incidete il croccante con un coltello, formando tante righe per poterlo poi spezzettare in parti della grandezza e della forma che desiderate.

Lasciate raffreddare completamente il croccante, poi sollevatelo con una spatola e spezzettatelo con le mani, seguendo le tracce che avete inciso. Conservatelo a temperatura ambiente dentro scatole di latta.

(immagine:thenerdyfarmwife.com)