Costine di maiale alla griglia con salsa barbecue

Costine-di-maiale-con-salsa-barbecue

Grigliata in compagnia di amici: le costine di maiale con la salsa barbecue fatta in casa sono una golosità spettacolare

 

Le costine, chiamate anche puntine secondo gli usi regionali, sono le punte delle costole del maiale. Di solito sono poco carnose e hanno molta cartilagine, per questo sono sempre state considerate un taglio di seconda scelta, molto usato però nella cucina popolare, perché saporitissimo. La salsa barbecue, nota anche come BBQ Sauce, è di origine americana ma è ormai diventata un classico internazionale. Se ne trovano numerose versioni con sapori e aromi che spaziano dall’agrodolce all’affumicato, al piccante. In alternativa alla salsa barbecue, potete marinare le puntine con un mix di miele, aglio tritato, peperoncino e salsa di soia per almeno un’ora. Sgocciolate le costine, ungetele d’olio e cuocetele a lungo, girandole spesso, perché la carne di maiale deve essere ben cotta.

 

Per 2 persone:

1,2 kg di costine di maiale

1 cipolla

1 spicchio d’aglio

1 dl di birra

80 g di concentrato di pomodoro

2 cucchiai di aceto di mele

1 cucchiaio di salsa Worcester

1 cucchiaino di senape

1 rametto di rosmarino

2 cucchiai di miele

4-5 gocce di Tabasco

20 g di burro

olio extravergine di oliva

sale e pepe

 

1. Spellate la cipolla, tritatela finemente e fatela appassire a fiamma bassa in una casseruola con il burro, 2 cucchiai d’olio e 2 di acqua per 5-6 minuti, mescolando di tanto in tanto, finché sarà morbida. Aggiungete il concentrato di pomodoro, la birra, l’aceto di mele, la salsa Worcester, gli aghetti di rosmarino e lo spicchio d’aglio tritati insieme, il miele e la senape. Mescolate e proseguite la cottura per circa 20 minuti.

2 Regolate di sale e pepe, aggiungete il Tabasco e frullate con il mixer a immersione. Lavate intanto le costine di maiale e asciugatele, tamponandole con carta assorbente da cucina. Spennellatele in modo uniforme con la salsa barbecue preparata, disponetele in un piatto, coprite con pellicola e mettetele in frigorifero a riposare per almeno 1 ora, meglio ancora se per 3-4 ore.

3. Scaldate bene la griglia e cuocete le costine per 30-35 minuti a fiamma medio-bassa, girandole spesso. Salate, pepate e spennellatele con altra salsa, poi servite subito le costine di maiale, accompagnandole con insalata mista verde, cipolle rosse tagliate a rondelle sottili, pomodori e, a piacere, patatine fritte.

 

(immagine:glutenfreefoodbudget.com)

Cameo Crème Fraîche: fresca e versatile

cameo Creme Fraiche_300

Anche in Italia è finalmente disponibile un ingrediente classico di molte ricette tradizionali: Cameo Crème Fraîche è la novità che rende unico ogni piatto

Delizioso condimento ottimo praticamente per tutto, la crème fraîche si può accompagnare con carne e pesce, è ideale con la verdura cruda, nelle insalate, con le patate, abbinata a pesci magri o per smorzare salumi magri o il pesce affumicato, un classico l’abbinamento con il salmone affumicato. Ed è squisita anche con frutta e dolci.

Molto meno grassa di quello che si crede – ha la metà delle calorie rispetto al burro e meno della metà rispetto all’olio extravergine – può essere una base per creare salse gustose, mescolata con erbe aromatiche spezie, senape, ketchup e così via, rendendo i cibi molto più appetitosi.

Cameo, azienda alimentare leader nel settore, propone con la Crème Fraîche un ingrediente particolare dal gusto fresco e caratterizzante. Tradizionalmente proposta nella cucina francese, la crème fraîche è utilizzata e diffusa anche in diverse varianti, in molte altre cucine europee. Morbida e cremosa, è panna fermentata con un tocco leggermente acidulo, che conferisce una nota di freschezza e che ben si sposa a differenti preparazioni.

La sua versatilità la rende molto utile in cucina: la Crème Fraîche si sostituisce alla tradizionale panna per cucinare, nelle ricette salate così come in quelle dolci. È un ingrediente ideale, per esempio, nella preparazione di torte salate, accompagna con gusto contorni e secondi, dona un sapore unico a ogni dessert. Oltre a ciò, rende salse e minestre vellutate e cremose.

Cameo Crème Fraîche è un invito alla creatività: trasforma ogni piatto, esaltando il gusto di ciascun cibo e donando un tocco di originalità e di raffinatezza, che difficilmente rimane inosservato.
www.cameo.it

 

Linguine in salsa di acciughe e cipollotti

Linguine-in-salsa-di-acciughe-e-cipollotti-ricetta-parliamo-di-cucina

Le linguine in salsa di acciughe e cipollotti si ispirano a un primo classico della cucina veneta, i bigoli in salsa.

 

Le linguine in salsa sono un piatto molto saporito, preparato con le acciughe sott’olio, ingrediente molto utilizzato nelle ricette tradizionali: in piccole quantità imprimono alle pietanze un aroma intenso senza alterarne il sapore e possono sostituire il sale per realizzare piatti a base di carne e pesce. Le acciughe sott’olio sono una semiconserva, perché non subiscono un processo di sterilizzazione, ma si mantengono grazie all’azione del sale e dell’olio. Tenete in frigorifero i vasetti già aperti al massimo per un mese. Controllate che i filetti siano del tutto ricoperti d’olio, altrimenti aggiungetene un po’. Non lasciate quelli avanzati nelle scatolette aperte perché si ossidano, trasferiteli in un contenitore ermetico e copriteli d’olio.

 

320 g di pasta, tipo linguine

800 g di cipollotti

80 g di acciughe sott’olio

1 peperoncino fresco

1 ciuffo di prezzemolo

20 g di burro

scorza di 1 limone non trattato (facoltativa)

olio extravergine di oliva

sale

 

1. Trasferiste i filetti di acciuga in un colino, per sgocciolarli bene dall’olio di conservazione. Eliminate le radichette, la guaina esterna e la parte verde dei cipollotti. Sciacquateli, asciugateli e tagliateli a spicchietti sottili. Pulite il peperoncino, eliminate il picciolo e i semi e tritatelo finemente.

2. Scaldate 2-3 cucchiai di olio in un’ampia padella antiaderente con i cipollotti e il peperoncino e fateli appassire a fiamma bassa per 2-3 minuti. Irrorate con un mestolino di acqua calda e proseguite la cottura per 5-6 minuti, mescolando di tanto in tanto, finché i cipollotti saranno morbidissimi. Aggiungete le acciughe e proseguite la cottura a fiamma bassa finché si saranno completamente sciolte, mescolando spesso con un cucchiaio di legno.

3. Intanto portate a ebollizione abbondante acqua in una pentola, salate e cuocete le linguine per il tempo indicato sulla confezione. Mettete da parte un mestolino di acqua di cottura della pasta, sgocciolate le linguine e trasferitele nella padella con il sugo preparato; aggiungete il burro, la scorza di limone grattugiata (se la usate) e 2-3 cucchiai di acqua di cottura della pasta. Fate insaporire mescolando a fiamma media per 1-2 minuti, poi servite le linguine in salsa di cipollotti e acciughe spolverizzate con il prezzemolo tritato.

 

(immagine:kitchen22.co.uk)

Salsa guacamole

Salsa-guacamole-ricetta-parliamo-di-cucina

Tipica della cucina messicana e del centro America, la salsa guacamole si prepara con l’avocado, un frutto tropicale dalla consistenza burrosa e ricco di preziosi oli vegetali, che matura in inverno

 

Ricetta facilissima e veloce, la salsa guacamole si gusta come aperitivo su tacos di mais oppure su cracker e crostini di pane, ma è ottima anche per accompagnare come contorno carne di pollo e pesce. Se non amate il gusto del coriandolo fresco, potete sostituirlo con prezzemolo oppure con coriandolo in polvere, di sapore meno intenso. E se non vi piace l’aglio crudo, eliminatelo.

 

Per 4 persone

2 avocado medi

1 limone

1 cipollotto

1 spicchio d’aglio (facoltativo)

8 pomodorini cherry

1 ciuffo di foglie di coriandolo oppure coriandolo in polvere (facoltativo)

olio extravergine di oliva

sale e peperoncino in polvere

 

1. Tagliate gli avocado a metà, nel senso della lunghezza, eliminate il nocciolo e staccate la polpa dalla buccia con un cucchiaino. Mettetela in una ciotola, irroratela con il succo del limone e schiacciatela con una forchetta. Eliminate le radichette, la guaina esterna e metà della parte verde del cipollotto, poi tritate tutto finemente. Sciacquate i pomodorini, asciugateli e divideteli a metà, poi eliminate i semi e tagliateli a dadini.

2. Ricavate le foglie del coriandolo, sciacquatele e asciugatele con carta assorbente da cucina, poi tritatele con lo spicchio d’aglio spellato (se li usate). Unite nella ciotola con l’avocado il cipollotto, l’aglio e il coriandolo tritati (oppure 1/2 cucchiaino di coriandolo in polvere), i dadini di pomodoro, regolate di sale e di peperoncino, poi incorporate a filo l’olio extravergine fino a ottenere una consistenza cremosa. Mettete la salsa guacamole in frigorifero e lasciatela riposare per un paio d’ore prima di gustarla.

 

 

(immagine:scarlettabakes.com)

Fiori di zucca farciti con salsa allo zafferano

Fiori-di-zucca-farciti-con-salsa-allo-zafferano

Fanno gola solo a guardarli: fiori di zucca farciti con un ripieno di zucchine, patate e formaggio, insaporiti da una salsina delicata.

 

Una ricetta classica, una delizia da gustare come antipasto o come contorno per pesce alla griglia o pollo arrosto. Se preferite un sapore più intenso, sostituite la mozzarella con provolone dolce e il grana padano con pecorino. I fiori di zucca sono più grandi, hanno corolla più robusta e sono perciò più adatti a essere farciti; se usate invece quelli di zucchina sceglieteli di dimensioni maggiori. L’importante per tutti è che siano freschissimi

 

Per 4 persone

 

12 fiori di zucchina o di zucca

3 zucchine piccole

1 cipollotto

1 patata piccola

150 g di mozzarella

4 cucchiai di grana padano grattugiato

1 ciuffo di basilico

1 bustina di zafferano

2 dl di brodo vegetale

20 g di burro

1 cucchiaio di farina

4 cucchiai di panna fresca

olio extravergine di oliva

sale e pepe

 

1. Tagliate la mozzarella a dadini e mettetela a sgocciolare su carta assorbente da cucina. Lessate la patata a partire da acqua fredda per circa 20 minuti dall’ebollizione, sgocciolatela, spellatela, passatela calda allo schiacciapatate e versatela in una ciotola. Pulite il cipollotto, eliminate le radichette, la guaina esterna e la parte verde, poi affettatelo finemente e fatelo appassire con 3 cucchiai d’olio e 1 di acqua in una padella per 3-4 minuti, finché sarà trasparente. Aggiungete le zucchine tagliate a cubetti piccoli e cuocete a fiamma media per 5-6 minuti, mescolando di tanto in tanto. Salate, spolverizzate con 2/3 del basilico tritato e lasciate intiepidire.

2. Mettete le zucchine in una ciotola, aggiungete la crema di patata, la mozzarella, il grana padano, regolate di sale e pepe e mescolate bene. Eliminate il pistillo dei fiori, sciacquateli delicatamente e asciugateli con carta assorbente da cucina; se usate quelli di zucca tagliate il gambo corto. Mettete il composto di verdure in una tasca da pasticciere con bocchetta larga e spremetelo nei fiori, oppure farciteli con un cucchiaino. Sistemate i fiori in una teglia foderata con carta da forno bagnata e strizzata, spennellateli con un velo d’olio, coprite con un altro foglio di carta da forno bagnata e strizzata e cuoceteli in forno già caldo a 160°C per 20 minuti.

3. Intanto, fate fondere il burro in un pentolino, unite la farina a pioggia, mescolando con una frusta, poi incorporate il brodo a filo e lo zafferano e proseguite la cottura a fiamma bassa per 3-4 minuti, finché la salsa si sarà leggermente addensata; incorporate la panna e proseguite la cottura ancora per un minuto, mescolando. Suddividete salsa nei piatti, disponetevi sopra i fiori, spolverizzate con il basilico tritato rimasto e servite.

 

 

(immagine:testerfoodblog.wordpress.com)