I falafel di fave fresche all’egiziana sono una preparazione classica della cucina primaverile in Egitto. Questo impasto è meno consciuto di quello con i ceci secchi che si utilizza tutto l’anno, anche negli altri paesi del vicino Medioriente, come Libano, Siria e Israele.

Gustali così

I falafel si servono come antipasto o finger food, ma sono deliziosi anche nella classica farcia vegetariana dei panini arabi, aperti a tasca, imbottiti con le polpette calde e guarniti di insalata verde e pomodori, conditi con salsa di yogurt o salsa tahina, la pasta di sesamo. Una vera delizia… 

Preparazione povera e popolare

Se non è stagione per le fave fresche, puoi fare i falafel con altri legumi secchi, come fagioli o ceci, lasciandoli però prima a bagno per tutta la notte. Una volta tritati poi si condiscono con cipolla, aglio e svariati aromi, tra cui il cumino che dà il caratteristico sapore esotico. Poi procedi secondo la ricetta.

Ricetta dei falafel di fave fresche all’egiziana

per 4 persone

500 g di fave fresche sgranate (circa 1,30 kg con i baccelli)

2 porri o 3 cipollotti freschi 

farina 00 

1 ciuffo di prezzemolo o coriandolo o entrambi

1 spicchio d’aglio

2 cucchiaini di cumino in polvere

1 cucchiaio di semi di sesamo

olio si semi di arachidi

sale e pepe

Preparazione 20 min, cottura 15 min, riposo 20 min

Scotta le fave in una pentola con abbondante acqua bollente salata per 2 minuti, sgocciolale, passale sotto acqua fredda e sbucciale schiacciandole, una per volta, fra pollice e indice, per eliminare la pellicina. Passale al mixer con i porri o cipollotti puliti e tagliati a fettine, le foglie di prezzemolo, lo spicchio d’aglio (mezzo se lo preferisci più delicato). 

Versa il composto in una ciotola, aggiungi il cumino, sale, pepe e 1 cucchiaio di farina poi mescola bene. Se l’impasto risulta troppo liquido aggiungi ancora un po’ di farina. 

Preleva con un cucchiaino delle piccole quantità di composto e forma tante palline della grandezza di una noce, disponendole su un vassoio foderato con carta da forno.

Lasciale riposare per 20 minuti, poi passale nella farina mescolata con 2-3 cucchiai di sesamo e friggile in abbondante olio bollente finché saranno dorate. Sgocciolale su carta assorbente da cucina, salale e servi.

Ti potrebbe interessare anche: Crema di fave umbra

Ti potrebbe interessare anche: Polpette di melanzane alla menta

Ti potrebbe interessare anche: Polpette aromatiche al vapore

Foto Freepik