Risotto-alla-milanese-con-lo-zafferano-ricetta-parliamo-di-cucina

Il risotto alla milanese con lo zafferano è un grande classico della cucina italiana. Tante le ricette che si trovano in circolazione, con ingredienti diversi, a volte troppo pesanti o introvabili: ecco una versione contemporanea, leggera e attuale, facilissima da preparare. 

Il risotto italiano più famoso

Se possibile, per il risotto alla milanese usa la classica padella ampia a bordi alti invece della casseruola: il riso cuoce meglio se è disposto in uno strato basso e uniforme. Il vino, contrariamente a quello che si crede, non è un ingrediente tradizionale e aggiunge una nota acida che può rovinare il profumo dello zafferano. Se però ti piace, dopo la tostatura, irrora il riso con 150 ml di vino bianco secco scaldato (altrimenti bloccherebbe la cottura) e lascialo evaporare, quindi prosegui come indicato nella ricetta.

Trucchi da conoscere

I pistilli di zafferano sono un ingrediente di moda, ma utilizzarli non è facile, sono costosi e devono essere preventivamente trattati con il calore, non basta buttarli nella pentola: molto meglio aggiungerne qualcuno sul piatto solo alla fine come scenografica decorazione.

Gli ingredienti di tradizione

E’ una leggenda anche quella che sostiene che lo zafferano si deve aggiungere alla fine perché perderebbe l’aroma: vero invece il contrario, la polvere di zafferano deve essere unita subito con i primi mestoli di brodo bollente perché il suo profumo ha bisogno del calore della cottura prolungata per potersi sprigionare al meglio. Quanto al formaggio, dovrebbe essere quello del territorio, come l’ottimo grana stagionato del territorio lodigiano, che per secoli ha rifornito la mensa dei milanesi.

Ricetta del risotto alla milanese

Per 4 persone

320 g di riso superfino Carnaroli o semifino Vialone Nano

60 g di burro

1 cipolla dorata piccola

brodo di carne, meglio se di manzo

2 bustine di zafferano in polvere Tre Cuochi

80 g di grana lodigiano o padano stagionato grattugiato

sale e pepe

pistilli di zafferano per decorare

Preparazione 10 min, cottura 25 min

Fai appassire la cipolla tritata in una padella a bordi alti e a fondo spesso con 40 g di burro e un pizzico di sale per 3-4 minuti a fiamma bassa, finché sarà morbida, ma senza farle prendere colore. Aggiungi il riso e tostalo per 2-3 minuti a fuoco medio, mescolando in continuazione.

Versa 2 mestoli di brodo bollente, alza la fiamma al massimo e cuoci mescolando finché il brodo sarà quasi del tutto assorbito. Abbassa il fuoco, aggiungi un altro mestolo di brodo in cui avrai diluito la polvere di zafferano e prosegui la cottura per circa 15-16 minuti, versando altro brodo e mescolando ogni volta che il precedente sarà evaporato. Non è necessario mescolare in continuazione, ma è indispensabile farlo ogni volta che aggiungi brodo.

Quando il riso sarà al dente e il risotto e risulterà all’onda, cioè non troppo asciutto, regola di sale e pepe e togli la pentola dal fuoco.

Aggiungi il burro rimasto (20 g) freddo tagliato a fiocchetti e il grana, mescolando delicatamente per ottenere l’effetto mantecatura. Copri, lascia riposare il risotto per 1 minuto e servilo subito, decorando a piacere con pistilli di zafferano.

Ti potrebbe interessare anche: Pescatrice allo zafferano

Ti potrebbe interessare anche: Torta di ricotta allo zafferano

E anche: Zerde, budino orientale di riso allo zafferano