creme-brule

La crème brulée ai pistacchi è un dolce a cucchiaio cremoso e delicato, dall’intenso colore verde e dal sapore aromatico. Perfetta da offrire al terminare di un pranzo, ha un gusto sorprendente: quando è stagione servila con ciliegie, fragole o frutti di bosco. 

Delizosamente chic

I pistacchi, semi oleosi di origine mediorientale, sono oggi coltivati un po’ in tutto il mondo, dalla Siria all’ Iran, e anche in Italia a Bronte c’è una piccola produzione di alta qualità. Ma le colture più vaste si trovano principalmente negli Stati Uniti e la produzione dei pistacchi californiani è la più vasta del mondo.

Caramella così

Per caramellare lo zucchero sulle ciotoline della crema ai pistacchi, puoi usare l’apposito attrezzo con bomboletta a gas, che si acquista nei negozi di casalinghi. Apri il gas della bomboletta, accendi la fiamma, avvicinala al dolce, passala sullo zucchero in modo uniforme, finché sarà dorato, poi spegni. La fiamma deve essere tenuta molto bassa: fai attenzione a non aprire troppo il gas. Esegui l’operazione solo poco prima di servire il dessert e soprattutto, dopo aver caramellato le ciotoline, non rimettere la crema in frigorifero ma portala subito in tavola, altrimenti perde la croccantezza.

Ricetta della crème brulée ai pistacchi

Per 4 persone

200 g di pistacchi americani sgusciati

4 tuorli

100 g di zucchero

400 ml di panna fresca

1/2 baccello di vaniglia

50 g di zucchero di canna per caramellare

sale

Preparazione 30 min, cottura 1 h + riposo

Tuffa i pistacchi per 1 minuto in un pentolino con acqua bollente, sgocciolali ed elimina le pellicine, strofinandoli con un telo mentre sono ancora tiepidi. Disponili nel mixer con 2 cucchiai di zucchero e tritali finemente. Aggiungi 100 ml di panna e frulla ancora per alcuni istanti, fino a ottenere un composto omogeneo.

Trasferiscilo in una casseruola con la panna rimasta, unisci il baccello di vaniglia inciso nel senso della lunghezza, porta lentamente a ebollizione, poi spegni. Monta in una ciotola i tuorli con lo zucchero rimasto e un pizzico di sale, finché il composto sarà spumoso, quindi incorpora a filo il mix di pistacchi e panna.

Suddividi la crema in 4 cocottine da forno, trasferiscile in una teglia, versa acqua calda fino a metà della loro altezza, copri tutto con un foglio d’alluminio e cuoci le creme a bagnomaria in forno già caldo a 160° per circa 1 ora. Togliete le ciotole dal forno e lasciale raffreddare completamente, poi mettile in frigorifero per almeno 6 ore.

Per servire, spolverizza la superficie della crème brulée ai pistacchi con lo zucchero di canna, disponila sotto il grill del forno ben caldo e falla caramellare per 2-3 minuti. Se lo possiedi, utilizza invece l’apposito caramellatore a gas.

Ti potrebbe interessare anche: Crème brulée alla vaniglia e cardamomo

Ti potrebbe interessare anche: Cantucci ai pistacchi americani e mirtilli rossi

E anche: Crème caramel classica